Ancora roghi: La Campania continua a bruciare. Chi ci guadagna?

La Campania continua a bruciare. Accusa Michele Cammarano del M5S: “Tutto brucia come da programma, insomma“.

……e brucia. È un bollettino di guerra quello che evidenzia Cammarano, e con le fiamme si bruciano milioni di euro di risorse finanziare e un patrimonio ambientale inestimabile. Una croce che passa attraverso una “cieca” spending rewiev e un fottio di soldi in emergenze. Una rinuncia con business o un business con rinuncia?

Incendi-Campania

Incendi-Campania

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

NAPOLI – “Tutto brucia come da programma, insomma“. Scrive Cammarano del M5S. ……e brucia. E in.effetti sembrerebbe che tutto bruci con una scientifica precisione, che solo attraverso un programma si può realizzare, specie quando si ha a che fare con le Regioni, ed in questo caso la Campania. È un bollettino di guerra quello che scandisce Cammarano, e con le fiamme si bruciano anche milioni di euro di risorse finanziare e un patrimonio ambientale inestimabile.

Una croce che passa attraverso una “cieca” spending rewiev e un fottio di soldi in emergenze. Danari che se vi fossero delle accurate politiche di salvaguardia dell’ambiente si potrebbero risparmiare. Interventi che se ben programmati e portati avanti sistematicamente, impiegherebbero ben altre cifre, si farebbe lavorare un bel po’ di persone, opportunamente formate, più che i carrozzoni di personale arruolato non si sa da chi, spesso utilizzati e non stabilizzati, e soprattutto metteremmo a riparo l’ambiente e al sicuro da frane, smottamenti, alluvioni, incendi.

Insomma senza andare troppo a divagare, ricordiamo che a seguito di un bell’appaltone nazionale della Protezione civile degli anni scorsi, vinto dalla Babcock Italia (ex Inaer), corporation quotata al London Stock Exchange che utilizza 19 Canadair e per ogni aereo offre due piloti suoi, come ha evidenziato la Repubblica in una sua indagine giornalistica, si spende qualche cosa come 15mila euro all’ora e se si considera che ad oggi le ore impiegate sarebbero oltre le 2500, lasciamo fare ai lettori il calcolo.

Canadair in azione a pochi metri dalla riva sul litorale di Eboli

Canadair in azione a pochi metri dalla riva sul litorale di Eboli

E rispetto a questa vicenda, anziché indagare perché mai non si acquistano questi aerei, sempre che si programmi nel corso dell’anno gli interventi preventivi per mettere in sicurezza il territorio, e perché al contrario si spendono queste cifre e chi ci guadagna, l’Antitras ha aperto una procedura sul sistema di partecipazione e di aggiudicazione, individuandovi un probabile “cartello” per controllare appalti e prezzi. Si comprende come si guarda il dito e non la luna, lasciandoci immaginare non vi sia nessuna intenzione di cambiar marcia.

E la Campania, per quel che ci riguarda brucia, mentre alcune società si arricchiscono, il patrimonio boschivo se ne va a far fottere, il suolo è pronto per altri impegni, e i forestali sperano in un po di lavoro, e tutti insieme appassionatamente “come evidenzia l’indagine di Repubblica”, a distruggere il Bel Paese.

Michele Cammarano

Michele Cammarano

Continua l’emergenza incendi in Campania. – si legge in una nota stampa del Consigliere Regionale Michele Cammarano del MoVimento 5 Stelle – Il fronte del fuoco continua a flagellare nuovi roghi nell’Oasi degli Astroni, già pesantemente colpita dagli incendi innescati a più riprese a fine luglio, a Cigliano e sulla dorsale Pianura Chiaiano. All’interno dell’oasi del WWF si sono riavviati due incendi, che sembravano ormai domati, in zona Rotondella e sul versante di località Sperone. A denunciare tutto questo è – Michele Cammarano Consigliere Regionale del MoVimento 5 Stelle – resta pesante la situazione anche nel Salernitano, ad Amalfi e a Cava dè Tirreni, dove stanno operando elicotteri della Protezione civile regionale.

Oramai non riusciamo neanche più a stare dietro all’infinità di roghi che nelle ultime settimane si stanno sviluppando sulle colline della Costa d’Amalfi” – scrive Cammarano – Nuove colonne di fumo si levano dai Monti Lattari, in località Passo, nel territorio di Ravello, poco distante dalla Strada Provinciale 1.A bruciare la vegetazione secca oramai a causa della siccità che perdura da tre mesi. A Tramonti, a preoccupare maggiormente, è il vasto incendio di Monte Sant’Angelo che si è esteso anche al versante di Cava de’ Tirreni, minacciando finanche alcune abitazioni della città metelliana.

Ribadiamo – continua Cammarano – che alle Regioni, per legge, prioritariamente spetta la tutela del patrimonio boschivo e la lotta attiva contro gli incendi boschivi, nei mesi scorsi, abbiamo denunciato invano e ripetutamente che i fondi destinati alla convenzione antincendi boschivi che la Regione Campania stava stipulando con i Vigili del fuoco fossero del tutto insufficienti ed inadeguati. Indipendentemente dal fatto che, poi, ci si è ritrovati a fare i conti con una stagione estiva particolarmente torrida e avara di precipitazioni.

E’ semplicemente assurdo pensare che una sola squadra di Vigili del Fuoco per provincia potesse essere sufficiente a raggiungere lo scopo.  – conclude Cammarano – “Tutto brucia come da programma, insomma“.

Napoli, 11 agosto 2017

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2017 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente