Seminario al “G. Fortunato” di Eboli: Incontro Studenti-Coldiretti

Alternanza Scuola-Lavoro. Seminario al “Giustino Fortunato” di Eboli: Gli studenti incontrano la Coldiretti.

La Dirigente Scolastica Cestaro: «L’attività, integrata stabilmente nelle azioni di educazione alla legalità e di alternanza scuola lavorocostituisce un’occasione di formazione per gli alunni dell’istituto e soprattutto di lavoro, poiché disegna possibili scenari occupazionali destinati ai periti informatici ed agrari».

Maria Laura Cestaro-convegno Itas Eboli

Maria Laura Cestaro-convegno Itas Eboli

di Maria Rosaria Sica per POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – Momento di informazione per gli studenti dell’Istituto Agrario “Giustino Fortunato” di Eboli, con un seminario che ha messo in campo un’ampia formazione sulle moderne tecniche di gestione dell’agricoltura, sempre più specializzata e collegata con i sistemi informatici, circostanze per le quali richiede ogni giorno di più tecnici preparati al confronto con l’attualità operativa e tecnologica.

Il seminario ha registrato la partecipazione del direttore della Coldiretti Salerno, Tropiano e Di Vendita, esperto informatico, che si sono confrontati con gli studenti dell’indirizzo agrario e informatico. Tropiano ha sottolineato come l’informatizzazione abbia pervaso l’agricoltura ed il suo utilizzo sia ormai fondamentale per il monitoraggio ambientale, dei fenomeni atmosferici, della gestione satellitare dei dati.

Oggi l’agricoltura della Piana del Sele costituisce un miliardo e mezzo di PIL, in aumento del 7,3%. Quindi produce benessere ed occupazione, in linea con i diversi indirizzi dell’Istituto: elettronico, in particolare per la gestione degli impianti serricoli; meccanico; informatico, anche per la messa in sicurezza dei dati, sempre più oggetto di azioni criminali da parte di haker anche nella Piana del Sele.

La dematerializzazione dei documenti costituisce un altro filone di sicuro successo lavorativo. Di Venuta ha illustrato i sistemi informativi che riguardano previsione, programmazione di piani di concimazione, gestione dei mezzi agricoli; l’agricoltura 4.0 ed il ruolo della Camera di Commercio, che finanza le imprese per offrire processi d’informatizzazione e progetti per gli studenti; messa a norma dei registri di cantina e loro dematerializzazione; termini utili delle registrazioni, delle operazioni e deroghe; il sistema on line (iscrizione al SIAN).

«L’attività, integrata stabilmente nelle azioni di educazione alla legalità di cui agli obiettivi regionali e di alternanza scuola lavoro,  – ha sottolineato nel suo intervento la dirigente scolastica, Laura Cestaro – costituisce un’occasione di formazione per gli alunni dell’istituto e soprattutto di lavoro, in quanto disegna possibili scenari occupazionali futuri destinati ai periti informatici ed agrari».

Eboli, 11 ottobre 2017

1 commento su questo articoloLascia un commento
  1. tutte queste occupazioni nella piana del sele nell’ambito dell’agricoltura non si vedono …di sommerso e lavoro nero aivoglia si puo esportare.Continuiamo a fare la corsa del sorcio informatica e agricoltura .la piana del sele sempre piu inquinata simile a una pattumiera piena di plastica effetti collaterali degli impianti serricoli non controllati ne censiti ne a norma… credo sia meglio istruire i nuovi tecnici dell’agricoltura verso orizzonti meno aggressivi piu ecologici nel rispetto della natura e quindi dell’uomo quindi qualita pulita e non quantita a buon mercato prodotta sporcando la terra.

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2017 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente