La Morte di Totò Riina: Tra misteri e scenari futuri

É morto Totò Riina e con lui rimasti irrisolti tanti misteri oltre ad aprire tanti altri scenari futuri.

Totò Riina, la belva assetata di sangue, il regista delle stragi, condannato a 26 ergastoli, ancora sotto processo nell’Inchiesta sulla Trattativa Stato-Mafia, oltre che alla Giustizia terrena, ha ricevuto l’ultima “sentenze” di quella Divina. La mafia non é invincibile, risponde a tutte le giustizie.

Maria Fortunato-FI

Maria Fortunato-FI

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – In ambiente carcerario, nel reparto detenuti dell’Ospedale Maggiore di Parma, all’età di 87 anni, si è spento «Totò ù curtu», l’indiscusso Capo dei Capi, il Boss sanguinario al vertice di Cosa Nostra, lo Stratega della Mafia Siciliana, pluricondannato criminale efferato, il 41 bis per eccellenza! – si legge in una nota politica di Maria Fortunato, Responsabile provinciale del Dipartimento “Legalità e Giustizia” –

Lui, proprio lui, Totò Riina, la belva, un animale in gabbia assetato di sangue, il regista delle stragi, condannato a 26 ergastoli, ancora sotto processo nell’Inchiesta sulla Trattativa Stato-Mafia. È la Giustizia terrena che, adesso, cede il passo a quella Divina.

Quella Fierezza di uno sguardo inquietante, stampata sul volto privo di cedimenti, irredimibile ed insensibile al pentimento, quella Tracotanza Criminale commista ad un’ostentata irrisione verso le Istituzioni ed il Tribunale degli Uomini, ora, dovrà sottoporsi ad un ulteriore processo, quello del Tribunale della Coscienza, il Giudizio di Dio. Un decesso che porta con sé, nella tomba, la cassaforte di tanti segreti, misteri irrisolti, un puzzle che purtroppo, a distanza di 25 anni, stenta ancora a ricostruirsi.

Peraltro sono consistenti i dubbi e le perplessità che ha sollevato l’esalazione dell’ultimo respiro dell’Autocrate della Mafia Siciliana. Molti sono ancora i nodi da sciogliere. Da allora, nonostante i non pochi successi, registrati mediante l’azione repressiva sul fronte Antimafia dell’uso congiunto di Magistratura ed organi di polizia, risulta difficile fare chiarezza.

Pertanto la morte di Riina comporta non solo l’apertura di nuovi scenari, il sorgere di una nuova stagione criminale ancora ignota, ma soprattutto l’emergere di un altro allarmante problema, quello della Successione. La Cupola, l’organismo di vertice di Cosa Nostra che vede la rappresentanza delle varie famiglie mafiose, potrebbe tornare nuovamente a riunirsi per eleggere, all’unanimità, il nuovo erede o potrebbe averlo già fatto.

Personalmente ritengo che con il trapasso del Boss si chiuda indubbiamente un’era della Storia Italiana, ma la Mafia, in quanto fenomeno radicato sul territorio,dotato di estesi collegamenti internazionali, sia, ancora purtroppo, ben lontana dall’essere definitivamente estirpata. È ancora viva e continua ad esistere trasfigurandosi in forme diverse ed intrecciandosi con circuiti di apparati deviati dello Stato. Infatti il dilagare delle Organizzazioni criminali, anche al di là delle aree tradizionali di insediamento si configura ancora come la minaccia piu grave alla convivenza civile, una spina nel fianco. In questo particolare frangente storico, oggi più che mai,non bisogna abbassare la guardia.

Al contempo, la morte del Boss al 41 bis rappresenta un buon segnale. Qui è possibile intercettare la risposta più concreta dello Stato alla Mafia.

Oggi, piu che mai, ritengo, che a vincere sia la Giurisprudenza, quella stessa Giurisprudenza che trovò a Corleone, nell’Aula Bunker, teatro del primo maxi processo a Cosa Nostra, il monumento giudiziario della lotta alla Mafia. È la Genesi istruttoria firmata col sangue da Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, il Diritto che prevale sul delitto, sul disprezzo e la disaffezione verso lo Stato e le Istituzioni, la Democrazia che prevale sulla Civiltà della barbarie mafiosa… – conclude Maria Fortunato responsabile Giustizia di Forza Italia Salerno – Questo dimostra che La Mafia non è Assolutamente Invincibile!

Salerno, 20 novembre 2017

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2017 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente