Finanziato “Il tempo supplementare” il progetto che utilizza i beni confiscati

1milione e 400mila euro a Battipaglia per il progetto “Il tempo supplementare”, per un bene di Via Fosso Pioppo confiscato alla Camorra.

“Il Temo supplementare è un progetto che coinvolge l’Istituto Profagri con il quale si è stipulato anche un protocollo d’intesa, di cui al bando PON Legalità 2014/2020 della Regione Campania e del Ministero dell’Interno. Fondi a disposizione degli Istituti scolastici per combattere la dispersione e l’abbandono scolastico.

Fosso pioppo

Fosso pioppo

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

BATTIPAGLIA – Il Comune di Battipaglia ha ricevuto dal Ministero dell’Interno la comunicazione di ammissione a finanziamento per il progetto “Il tempo supplementare” su un bene confiscato sito in Via Fosso Pioppo, in una zona isolata del territorio comunale, posta nelle vicinanze dell’uscita autostradale, ma collegata al centro e quasi di fronte alla sede dell’istituto Profagri, con il quale è stato sottoscritto un protocollo di intesa per la futura gestione dell’immobile.

La Sindaca Cecilia Francese ed il Dirigente Scolastico Alessandro Turchi, sulla scorta dei dati relativi alla dispersione e all’abbandono scolastico, hanno inteso offrire agli studenti ed alla comunità tutta la possibilità di fruire di una serie di servizi ulteriori rispetto a quelli normalmente posti a disposizione dalle strutture scolastiche partecipando al bando del PON Legalità 2014/2020 della Regione Campania e del Ministero dell’Interno.

Il progetto, di gran pregio perché ristruttura il bene confiscato e riqualifica l’intera area circostante, si è classificato al secondo posto della graduatoria provvisoria su sedici concorrenti ammessi, per un importo di € 1.431.012,81.

Cecilia Francese-Stefania Vecchio

Cecilia Francese-Stefania Vecchio

Il progetto, approvato con delibera di Giunta n. 13 del 31.01.2018, fortemente caldeggiato dall’assessore Stefania Vecchio, ha visto i dipendenti comunali fattivamente coinvolti nella predisposizione di atti e documentazione: l’arch. Angelo Mirra, Rup e Responsabile comunale dei beni confiscati, l’arch. Fausto Dragonetti Responsabile del progetto e l’arch. Modesto Lembo supporto al Rup.

La Sindaca e l’assessore Stefania Vecchio evidenziano come “il nuovo modo di percepire il bene confiscato come una opportunità di sviluppo e rilancio che il cammino di legalità offre, ha ispirato il nome del progetto: una mano tesa, una occasione a favore di chi nella vita non ha ancora vinto; una chance che viene riconosciuta ai meritevoli, ai giovani che sono il futuro e la speranza della intera comunità”.

Battipaglia, 13 aprile 2018

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2018 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente