Sanità tra ritardi e disagi: Allarme e preoccupazione dall’Ordine degli Infermieri

I disagi che si registrano nella sanità e non solo in Campania, sono sotto gli occhi di tutti, denuncia l’Ordine degli Infermieri di Salerno.

Il Presidente provinciale O.P.I. Cosimo Cicia: “L’abbassamento dei livelli di assistenza è dovuto anche alla cattiva gestione del personale oltre che alla mancata e scorretta programmazione del fabbisogno, con il rischio, fondato, della riduzione dei servizi offerti alla cittadinanza“.

Cosimo Cicia

Cosimo Cicia

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – «I disagi che si registrano nella sanità, non solo in Campania, sono sotto gli occhi di tutti. – si legge in una lunga nota a firma del Presidente provinciale dell’O.P.I. Cosimo CiciaL’O.P.I. – Ordine delle Professioni Infermieristiche di Salerno non è ultimo nel denunciare ciò che tutti stiamo vivendo.

L’abbassamento dei livelli di assistenza è dovuto anche alla cattiva gestione del personale oltre che alla mancata e scorretta programmazione del fabbisogno, con il rischio, fondato, della riduzione dei servizi offerti alla cittadinanza. – denuncia senza mezzi termini Cicia – Intervenire ed accogliere le esigenze  dei cittadini, specie nel periodo estivo, che vede la riduzione degli operatori sanitari dovuta alla fruizione delle ferie, è anche compito del neo costituito Ordine delle professioni infermieristiche che metterà in campo tutte le proprie energie per tutelare la salute dei cittadini e garantirne le cure.

Vincenzo De Luca

Vincenzo De Luca

La cronicità ed il progressivo invecchiamento della popolazione causano un aumento dei bisogni assistenziali (area largamente presidiata dagli infermieri) rispetto a quelli strettamente clinici. – fa rilevare il Presidente dell’O.P.I. di Salerno – La crescita professionale degli infermieri permette di allargare il loro perimetro di azione alleggerendo il lavoro medico e consentendo ai medici stessi di focalizzarsi sulle aree di cura in cui fanno realmente la differenza (i medici sono una risorsa più scarsa e costosa e vanno impiegati dopo avere “saturato” le potenzialità infermieristiche).

Il Paese allora ha bisogno di infermieri e di infermieristica: eppure il Ssn vede un costante decremento del numero di professionisti in Sanità e conseguentemente una sempre minore capacità di rispondere ai bisogni di salute della popolazione. – fa osservare il Presidente provinciale dell’Ordine Professionale degli Infermieri a difesa della categoria e dei servizi e delle prestazioni nella Sanità – Su questa impostazione la comunità degli infermieri chiama a un confronto esplicito la politica, sia regionale che nazionale perché l’esigenza impellente, in un quadro di invarianza delle risorse, il vincolo reale  con cui il sistema deve fare i conti non è – o non solo e comunque non prioritariamente – quello di una carenza di una specifica professione sanitaria, ma delle risorse a disposizione per assumere il personale nel suo insieme.

Ospedale di Salerno

Ospedale di Salerno

In tale contesto, l’unica proposta attuabile è di strutturare un’assistenza in funzione dei bisogni di continuità dei cittadini con presenza dei professionisti sul territorio. – prosegue cercando di invertire l’ordine delle politiche sanitarie fino ad ora pervicacemente perseguite dalle varie gestioni Commissariali e ordinarie – Infatti, per far fronte nell’immediato al bisogno di salute sul territorio delle persone con patologie croniche e non autosufficienza, oltre ai medici di medicina generale per quel che attiene alla diagnosi e alla terapia, serve per l’assistenza continua di cui questi soggetti hanno bisogno gli infermieri.

Analogamente servono infermieri in ospedale, per far fronte alle carenze create dalle manovre legate a tagli e risparmi e per rispettare i parametri dettati dalle norme europee su turni e orari di lavoro, ricomponendo anche le carenze create dai vari blocchi del turn over. – sottolinea Cicia – Una soluzione di breve periodo che consentirebbe una giusta programmazione delle risorse e al contempo l’espletamento delle funzioni richieste sul territorio e sulla continuità assistenziale, sarebbe quella di investire sull’autonomia infermieristica, puntando ad agire su competenze oggi contendibili per dare da subito risposte concrete, di qualità e di sicurezza alla popolazione.

Ospedale Battipaglia-Eboli-2

Ospedale Battipaglia-Eboli-2

Competenze – aggiunge – che consentirebbero un miglior sviluppo di strutture a bassa intensità di cura (ospedali di comunità, reparti a gestione infermieristica, percorsi autonomi di trattamento dei casi minori nei Pronto Soccorso ecc.), permettendo un maggiore raccordo tra ospedale e territorio, abbattendo le liste di attesa e consentendo di venire incontro a un maggior numero di bisogni dei cittadini.

Il sistema è complesso – ammonisce Cosimo Cicia –  e non va banalizzato attraverso slogan o renderlo malleabile alle istanze della professione infermieristica.

La sanità ha bisogno di appropriatezza: garantire che il giusto professionista possa essere messo in grado di rispondere alle necessità con un bilanciato utilizzo di risorse e nella maggiore autonomia possibile. Serve tuttavia una visione più ampia e coraggiosa: gli infermieri vogliono illustrare cosa serve al Paese, non cosa serve alle professioni. – conclude Cosimo Cicia che ricorda come rafforza le sue tesi in virtù dei suoi doppi ruoli –

Nella mia doppia veste di Presidente dell’O.P.I. di Salerno e di componente del Comitato Centrale della F.N.O.P.I, in  linea con l’indirizzo nazionale della federazione, ripete da tempo: mancano professionisti, mancano anche gli infermieri, tutti lanciano il loro grido di allarme, nessuno si sottrae. A mancare, però, è soprattutto un serio ed equilibrato rapporto tra i professionisti che si realizzi attraverso lo sviluppo delle competenze.

Medici e infermieri si sono incontrati a Roma nella sede della Fnopi e hanno stretto una vera e propria alleanza per difendere il servizio sanitario nazionale.

Tonino Aceti

Tonino Aceti

Un grande cittadino ha bisogno di un grande medico e un grande infermiere, che lavorino in un grande sistema che non può essere quello attuale –  hanno affermato i rappresentanti delle due Federazioni, in piena sintonia di intenti –Abbiamo la necessità che il sistema si ammoderni, cogliendo quelle che sono le evoluzioni delle professioni, comprese quelle sanitarie, e in particolare quelle infermieristiche”.  

Quella dell’infermiere è tra le professioni sanitarie più vicine ai cittadini e nel processo di offerta e di garanzia di salute la professione infermieristica ha un importante ruolo. Ma sappiamo che c’è molto da fare. Nel futuro della sanità, a fronte dei bisogni di salute della popolazione e in particolare della domanda di cura delle fasce più fragili, gli infermieri sono chiamati ad esercitare un ruolo sempre più incisivo, basato sulla sinergica collaborazione con i medici e gli altri professionisti sanitari, che riconosca le professionalità acquisite e capaci di contribuire ad innalzare la qualità della risposta assistenziale.

Un’inedita opportunità sono il coinvolgimento e la partecipazione delle Organizzazioni dei cittadini nelle politiche della professione infermieristica.

Una possibilità unica all’interno del mondo delle professioni sanitarie, resa possibile grazie alla lungimiranza della FNOPI e alla sua volontà di mettere al centro delle proprie politiche professionali la tutela del diritto alla salute degli individui” ha dichiarato Tonino Aceti, Coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva. “Avanti tutta sull’umanizzazione delle cure, a partire da una maggiore attenzione al dolore e alle sofferenze inutili, il contrasto al minutaggio e alla burocratizzazione dell’assistenza. Priorità alla prossimità delle cure attraverso un rilancio dell’azione politica sulle figure dell’infermiere di famiglia e in generale degli infermieri impegnati nell’assistenza territoriale. E ancora: fondamentale qualificare l’assistenza, garantendo continuità e innovazione dei percorsi attraverso una maggiore valorizzazione delle competenze della professione e maggiore investimenti nel capitale umano”.

Allora tutti al lavoro in attesa dei risultati sperati.

Salerno, 8 luglio 2018

1 commento su questo articoloLascia un commento
  1. TE TE CHI SI RIVEDE O’ NFRMIER PD

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2018 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente