Costa Sele e inquinamento: Oro bianco & acque nere

L’Inquinamento della Costa del Sele è una emergenza e il sequestri qualche azienda che inquina non risolve i problemi.

Oro bianco & acque nere” per la Segreteria del Partito Comunista Italiano Dina Balsamo “gli sversamenti di letame degli allevamenti bufalini e dei residui della lavorazione dei caseifici della Piana del Sele nei canali e torrenti non è un’emergenza legata alla stagione estiva“.

Fiume Sele

Fiume Sele

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – Come ogni anno,  – si legge in una nota della segretaria provinciale del Partito Comunista Italiano Dina Balsamo – quando lo stato delle acque del mare della Costa del Sele appare in tutta la sua evidenza, si ha notizia del sequestro di qualche azienda zootecnica. Ma gli sversamenti di letame degli allevamenti bufalini e dei residui della lavorazione dei caseifici della Piana del Sele nei canali e torrenti non è un’emergenza legata alla stagione estiva, anche se in estate i cittadini possono toccare con mano le conseguenze che queste pratiche criminali provocano sullo stato del nostro mare: il Sele e i canali della bonifica, trasformati in cloache a cielo aperto, riversano i loro liquami rendendo impossibile la frequentazione delle spiagge e la balneazione.

Né potrebbe essere altrimenti, – prosegue ancora la Balsamo – stante l’assoluta mancanza di controlli da parte dei Comuni in cui sono ubicate le aziende zootecniche e casearie e l’assoluta mancanza di pianificazione di interventi volti ad arginare il problema.

Nella provincia di Salerno 93.000 capi bufalini, concentrati soprattutto nei territori di Albanella, Altavilla, Battipaglia, Capaccio ed Eboli si contendono lo spazio della Piana lasciato libero dalle colture, determinando un carico animale troppo elevato per consentire una gestione spontaneistica delle deiezioni dei preziosi animali da parte dei loro allevatori.

Accanto a molti imprenditori seri e rigorosi nel rispettare i regolamenti che impongono norme precise per il trattamento del letame e dei liquami, poi, – si mette in evidenza nella nota del PCI – altri riempiono fiumi, torrenti e canali di sterco, distruggendo i corsi d’acqua e il mare e mettendo in serio pericolo anche la salute umana: elevati contenuti di azoto nel suolo possono tradursi in eccessive concentrazioni di nitrati nei vegetali, soprattutto ortaggi, con conseguenti rischi per i consumatori; infatti i nitrati si possono unire alle ammine a livello dello stomaco e formare nitrosammine, riconosciute come sostanze cancerogene.

La quantità di letame prodotto negli allevamenti della Piana del Sele supera il milione di tonnellate all’anno: è impensabile utilizzare questa montagna di letame soltanto per concimare i pochi terreni a foraggio! – conclude la Segretaria provinciale dei Comunisti italiani Dina Balsamo – Queste cifre fanno capire come sia necessario che tutte le Amministrazioni della Piana del Sele intervengano in modo coordinato a livello di bacino, adottando strumenti di pianificazione e di intervento e progettando interventi che possano risolvere il problema, utilizzando tutti gli strumenti a loro disposizione e accedendo alle risorse dei Fondi europei».

Salerno, 9 agosto 2018

2 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. L’intervento della Segretaria del Partito della Rifondazione Comunista Dina Balsamo è quanto mai giusto e appropriato. ma non demonizziamo, per favore gli allevamenti bufalini che sono una ricchezza per il nostro territorio!il problema, grave, va affrontato in maniera adeguata dagli organismi competenti.già a livello europeo è stato rilevato l’eccessivo carico di nitrati nelle acque!se in emilia romagna lo hanno affrontato e risolto perché non dovremmo risolverlo noi?ci mancano le competenze? non credo…o la volontà e una capacità di programmazione razionale,sistematica e lungimirante?

    • Per Paola Di Mauro
      l’ultima che hai detto.
      È ovvio che non bisogna criminalizzare nessuno, ma qualsiasi cosa deve essere incentrata in quadro di correttezza e liceità, osservando tutte le normative che tendono a garantire la qualità dei prodotti ma anche salvaguardare l’ambiente.
      Ps. La Balsamo è del.Partito Comunista Italiano, erroneamente ho riportato Rifondazione Comunista.

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2018 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente