Project Financing “Porta San Giovanni”. I Progettisti precisano con una Nota

La insufficiente informazione genera equivoci, allo stesso modo la confusione provoca insensate aggressioni.

Il Progetto di Finanza ha impegnato l’indice volumetrico consentito per legge. Quali “interessi forti” si configurano? L’indice volumetrico comprende anche i volumi destinati agli uffici  di proprietà comunale.

Area ex Mattatoio Eboli

EBOLI – Riceviamo e volentieri pubblichiamo la nota che segue inviataci dallo Studio “Anabasi Architetti Associati“, che interviene sul Project FinancingPorta San Giovanni“. Lo Studio “Anabasi Architetti Associati“, di cui ne fanno parte gli Architetti Lanfranco Bove, Cosimo Fusco e Vito Brancaccio, tra l’altro, è l’autore della Proposta progettuale.

I progettisti intervengono a seguito del rinvio clamoroso del Project Financing “Centro Urbano polifunzionale Porta San Giovanni”, da parte dell’Amministrazione Comunale che aveva proposto in Consiglio Comunale, oltre all’approvazione del Progetto anche una Variante agli strumenti urbanistici vigenti. La polemica suscitata riguardava i contenuti di una proposta esposta in un modo del tutto confusa e insufficiente, ma che in sintesi introduceva di fatto la “concessione” in un’area satura del 5° mc a mq, e sintetizzava in maniera superficiale una proposta più complessa, oggetto del Project Financing proposto dalla Giunta e successivamente ritirata.

A Progetto ritirato sono seguiti interventi sulla stampa riportato in un Comunicato stampa anche da POLITICAdeMENTE dal titolo: “I riformisti del PD e il Progetto del Macello: I retroscena dell’affare“; che in ordine di tempo seguiva un altro articolo: Il Consiglio nomina i Revisori, rinvia: 5° mc a mq, Progetto, e Variante Macello. In seguito a questi due interventi gli estensori del Project Financing “Centro Urbano polifunzionale Porta San Giovanni”, hanno ritenuto di affidare a questo sito le loro riflessioni, che accogliamo con piacere, sicuri di contribuire a fare chiarezza sul dibattito, ma per offrire un quadro completo è indispensabile pubblicare anche gli atti, almeno quelli più importanti della proposta progettuale oggetto delle polemiche e della discussione. POLITICAdeMENTE se ne farà carico.

…………..  …  ……………

Note ad un articolo su politicademente

di Lanfranco Bove, Cosimo Fusco, Vito Brancaccio

Le reazioni da parte di taluni consiglieri comunali,  all’unisono con una nota del gruppo consiliare che fa capo a SEL, ad una  proposta  di Variante allo strumento urbanistico del comune di Eboli, testo sacro intoccabile da cui attingere massime di vita, almeno quanto le tavole di Mosè, ricordano un vecchio adagio inglese che in malo modo si traduce: “il barattolo vuoto fa più rumore di quello pieno.”

La insufficiente informazione genera equivoci, allo stesso modo la confusione provoca insensate aggressioni.

“Chi sta disegnando questa Eboli del futuro?”

Eboli non ha futuro  con uno strumento urbanistico che, venerato come un testo sacro,  impedisce di fatto ogni possibile iniziativa di attività economica e di sviluppo: avete notizia di altri interventi significativi,  per la crescita del territorio al di fuori del Centro Le Bolle?

Lo strumento urbanistico deve essere interpretato ed aggiornato ogni qualvolta ne ricorrano i presupposti; il PRG deve essere  adeguato, nei limiti di legge,  ad ogni possibile ipotesi di sviluppo per la città e perché no, per gli imprenditori che intendono investire in un territorio da troppo tempo immobilizzato come una Pompei da  consegnare ai posteri.

Quale  disegno della città  configura  l’attuale PRG , con le programmazioni lunghissime  che comporta ormai superate ed inefficaci?

Volete affacciarvi alla vicina Salerno dove l’urbanistica di nuova generazione sta dimostrando che si può realizzare una città sostenibile  superando strumenti urbanistici ormai obsoleti e improduttivi?

Quali “interessi forti” si configurano in un intervento edilizio in cui un promotore finanziario (peraltro subentrato legittimamente e a pieno titolo al precedente promotore,  questo si, effettivamente, fallito)  sulla scorta di un bando di concorso approvato dall’amministrazione comunale,  risana un’area  improduttiva  e degradata , ricovero di relitti di ogni specie ,  ai margini dell’abitato,  e la restituisce alla città  che ormai deve intendersi   policentrica, configurando così la nuova   porta S.Giovanni .

Vogliamo entrare nel merito dei volumi da realizzare che raggiungono i famigerati mc. 5.00 al mq.?

Un Decreto Ministeriale dell’ aprile del  1968  autorizza una volumetria edilizia fino alla concorrenza di metri cubi 5.00 al metro quadro di superficie disponibile. a tutti i Comuni con popolazione inferiore ai 50.000 abitanti ; autorizza  maggiori volumi  per i  comuni demograficamente  superiori.

L’indice volumetrico richiesto, come si legge dalla relazione tecnica  di  progetto, comprende anche i volumi destinati agli uffici  di proprietà comunale, in uno con  le aree di parcheggio in dotazione agli stessi).

Perché non utilizzare l’indice consentito per legge e  concentrare le funzioni  in una area unica  senza impegnare aree limitrofe, e soddisfare contestualmente le esigenze  dell’amministrazione: il progetto di finanza,  per  garantire le dotazioni di servizi pubblici richieste dal Bando approvato dall’amministrazione comunale, ed ovviamente un proprio utile, indispensabile a giustificare l’operazione, ha impegnato l’indice volumetrico consentito per legge.

A fronte della costruzione di quarantatre alloggi  al  comune di Eboli  verrà consegnata quale corrispettivo la caserma della Polizia Municipale, completa di tutti i servizi con  Autorimessa richiesti dal Bando  ed un edificio per Uffici, con relativi Parcheggi, questi ultimi  per soddisfare una ulteriore richiesta da parte degli amministratori.

Tutto qui.  Dov’è lo scandalo?

Eboli, 25 gennaio 2012

8 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. “Project Financing” che bella parola, ma gli uffici non dovevano essere costruiti nella ex pezzullo ? sempre in “Project Financing” , mi sembra che pure il parcheggio di via Adinolfi sia in Project Financing , mi viene in mente di fare un project ma senza financing a porta san giovanni costruisco una piscina comunale
    con annesso bar pasticceria per i “BABA” panificio per i tarallucci e cantina per il vino non preoccupatevi farò larga informazione e poi 33 , 33 ,33 come “leonardo da vinci , massimo troisi e benigni”

  2. Possibile che tutto quello che tocca l’Amministrazione finisce sempre male? I Progetti di finanza sono importanti e sono uno strumento per realizzare cose che altrimenti per mancanza di fondi i comuni non riescono a fare, ma si è sicuri sia veramente utile quel progetto? In linea generale però prima di dare giudizi sarebbe il caso di conoscere il Progetto, che la nostra amministrazione non provvede mai a far conoscere, meno male che c’é Del Mese.
    Ed è al dottor Del Mese che mi rivolgo e credo si rivolgano tutti quelli che hanno a cuore la nostra Città: gli è possibile reperire i progetti e pubblicarli?
    E’ chiaro però che bisogna essere onesti: progetti di finanza sono accordi basati sulla reciproca convenienza, e bisogna evitare di esprimere giudizi sul valore progettuale.

  3. Solo una precisazione:
    la proposta di delibera di variante al Prg non è stata affatto ritirata dalla Giunta, ma (su richiesta della maggioranza) rinviata; ciò perchè il dibattito consiliare ha fatto emergere alcuni dubbi (oggi del tutto fugati) sui quali sindaco e maggioranza hanno convenuto si facesse assoluta chiarezza nell’interesse supremo della collettività.
    Tutto qua.
    Paolo Polito

  4. ma quali progetti di finanza
    questi sono dei falliti di napoli che importano ad eboli
    come quando portarono quei truffatori a gestire la fiera campionaria
    portarono qualche escort a eboli, gestirono i soldi della multiservizi per la fiera campioanria
    furono arrestati per truffa
    solo ad eboli potevano accoglierli
    e come ridevano beati, melchionda e i suoi, in mezzo alle escort con le minigonne che i fratelli catalano originari di poggiomarino, terzigno, originari di quelle parti
    le donne le avevano avevano messo negli stand della fiera campionaria
    quando li arrestarono nessuno li conosceva più
    chi li aveva portati a eboli?

  5. Qualsiasi cosa che migliori l’aspetto e la vivibilita e’bene accetta, anche perche’ dall’Amministrazione e da Melchionda non ci aspettiamo niente.

  6. vorremmo ringraziare i tecnici
    ma non ci hanno detto niente
    ci debbono dire
    chi sono questi imprenditori
    da dove vengono
    quanti soldi hanno
    la verità è che la prima ditta del loro progetto finanza nel 2006 fallì, era una cooperativa di Boscoreale
    ora ci dicessero loro chi sono questi salvatori della patria che vogliono fottere gli ebolitani con la complicità, e sono amministratori, di chi li ha portati per mano ad eboli
    eboli è una colonia vesuviana e casertana

  7. polito, polito, polito
    incorregibbile

  8. Ma dopo lo scempio di via Adinolfi chi volete che Creda piu’ ai progetti di finanza? ….. E l’ amministrazione comunale lo sapeva gia’ prima di iniziare i lavori. (chiamasi autogol ?)

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2014 All Rights Reserved

2009-2013 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente