Accordo Comune di Salerno-Banca Prossima per l’anticipo dei crediti vantati dalle cooperative

E’ stato raggiunto un importante accordo tra il Comune di Salerno e la Banca Prossima: Saranno anticipati i crediti  per vantati dalle cooperative.

L’operazione con l’Istituto bancario si sostanzia nell’anticipazione all’80% dei crediti. il Comune si impegna a pagare nei successivi 18 mesi. I tassi saranno calcolati in base all‘indice Euribor.

Vincenzo De Luca-Marco Morganti-Accordo Banca Prossima

SALERNO – Il Sindaco di Salerno Vincenzo De Luca e l’Assessore al Bilancio Alfonso Buonaiuto hanno incontrato questa mattina, venerdì 15 giugno, l’Amministratore Delegato di Banca Prossima Marco Morganti. Il Comune di Salerno e Banca Prossima hanno stipulato un accordo per l’anticipo, da parte di Banca Prossima, dei crediti vantati dalle cooperative sociali di tipo A e B nei confronti dell’amministrazione comunale.

L’operazione si sostanzia nell’anticipo all’80%, da parte dell‘istituto bancario, dei crediti spettanti alle cooperative, che il Comune si impegna a pagare nei successivi 18 mesi. L’importo va da un minimo di 100.000 euro ad un massimo di 600.000 euro. I tassi saranno calcolati in base all‘indice Euribor a 3 mesi e allo spread in funzione del rating. La disponibilità della linea di credito va dai 6 ai 10 milioni di euro a seconda dell’utilizzo.

La concessione resta comunque subordinata al buon esito dell’istruttoria creditizia, ferma la disponibilità ad esaminare anche posizioni con rating peggiori. Il rilascio da parte del Comune di formale accettazione dell’intervenuta cessione avverrà previo controllo, da parte dello stesso, che i crediti ammessi allo smobilizzo non siano oggetto di precedenti cessioni oppure di mandato irrevocabile ad esso notificati da altri enti finanziatori.

Documentazione da allegare:

  1. Certificazione rilasciata dal Comune ai sensi del citato decreto legge;
  2. Ultimi due bilanci ufficiali (con nota integrativa, allegati, relazione amministratore);
  3. Bozza di periodo per l’anno in corso;
  4. Bilancio sociale (se presente)
  5. Ultime due dichiarazioni fiscali
  6. Verbale dell’organo che detiene la straordinaria amministrazione che autorizzi il Presidente a richiedere la linea di credito di importo da definirsi e a cedere crediti;
  7. Documento e codice fiscale del legale rappresentante
  8. Copia delle fatture oggetto di cessione così come certificate dal Comune
  9. Ultimo DURC
  10. Dettaglio banche  con eventuali affidamenti (includere eventuali operazioni di leasing e factoring in corso);
  11. Sintetica relazione contenente:
  • curriculum aziendale;
  • composizione societaria (numero soci, specificare se esistono soci “pubblici”); elenco cariche societarie (nominativi rilevanti);
  • elenco Clienti (principali) con percentuale sugli incassi;
  • iscrizioni/affiliazioni a consorzi/associazioni di settore, elenco iniziative di fund raising;
  • ricavi e costi previsti anno in corso;
  • forza lavoro.

- occupazione totale:
- di cui dipendenti part time:
- di cui soci lavoratori:
- altre risorse:
- soci:
- volontari:
- collaboratori:
- se opera con contratti di servizio e di che durata (committenza pubblica

Stante la necessaria attestazione notarile del credito maturato per il completamento della procedura, il Comune di Salerno ha avviato, con il Consiglio Notarile di Salerno, la condivisione di una convenzione che permette alle cooperative di categoria A e B di poter avere un costo ridotto per l’istruttoria da produrre al Comune di Salerno, che dovrà poi certificare alla banca l’effettivo importo e le modalità di rientro.

Salerno, 16 giugno 2012

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2014 All Rights Reserved

2009-2013 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente