Melchionda cerca casa: preferisce il “Residence” Di Pietro al “Condominio” Bersani

Melchionda verso Italia dei Valori? Pare ci sia stato un incontrato a Roma con Tonino nazionale. Nonostante le proteste dei dirigenti locali il prossimo 12 luglio Di Pietro sarebbe a Salerno per ufficializzarne il passaggio.

Il Sindaco di Eboli pare voglia una candidatura al Parlamento. Guida l’amministrazione da leader PD e mediterebbe di aderire ad IDV. Che cosa è più grave la congiura o il tradimento?

Di Pietro-Melchionda-Bersani

EBOLI – Il Sindaco di Eboli Martino Melchionda cerca casa. Il “Condominio” Bersani gli sta molto stretto, è super’affollato e rende la convivenza difficile e per questo pare abbia rivolto le sue ricerche nel “Residence” Di Pietro, l’ex PM di Mani Pulite ha sempre disponibile qualcosa, non si può mai sapere non si nega mai ospitalità a nessuno, anche se magari si tratta di uno Scilipoti di passaggio.

Secondo alcune voci, ormai sempre più insistenti, che accompagnano i movimenti politici del Sindaco di Eboli Melchionda, il quale sembra abbia ispezionato diversi altri siti prima di approdare in “Casa Di Pietro“: c’era chi lo dava ormai quasi sulla “barca di mezzo di Casini“; chi invece a bordo di un fiammante treno ad alta velocità diretto verso Montezemolo.

La calunnia è un venticello! Ma quando si è uomini pubblici, bisogna aspettarsi oltre che l’interessamento degli altri, anche qualche fantasia e così un piccolo indizio, diventa una prova e avendo tutti i riflettori puntati addosso, una piccola ombra aggiunta all’indizio può dare corpo ad un ectoplasma, e così si mormora e si racconta di un attivismo particolare di Martino Melchionda, per chiudere quanto più in fretta possibile una trattativa che lo porti a concorrere da candidato alla Camera dei Deputati o al Senato della Repubblica, nella tornata elettorale della primavera prossima.

Una candidatura che andrebbe in continuazione al suo impegno politico, giacché è al suo secondo mandato da Sindaco e non può più ricandidarsi. La condizione per una candidatura, passerebbe attraverso le dimissioni dalla carica di Sindaco entro il prossimo mese di ottobre, sempre che vi sia un Partito che gli garantisca una postazione, e questo sia se si voti con il vecchio sistema delle “nomine”, sia se si cambi e si andrebbe verso un collegio uninominale o liste con voto di preferenze. Un dettaglio di non poco conto.

Un dettaglio che alimenta: i sogni del Sindaco, portandolo ad intensificato le sue trattative con il Partito di Antonio Di Pietro; e gli incubi dei vari dirigenti di questo Partito che non gradirebbero la sua presenza, figurarsi poi se potrebbero accettare una sua candidatura. Le sue aspirazioni seppure legittime devono necessariamente coincidere con quelle dei Partiti a cui egli si è rivolto e pare che abbia intensificato le sue avance specie dopo l’esperienza che lo ha visto battuto sul filo di lana dal suo collega di Battipaglia Giovanni Santomauro, anch’egli in cerca di casa, il quale nei giorni scorsi ha aderito armi, bagagli e consiglieri al Partito di Casini e Cesa.

Santomauro a differenza di Martino Melchionda non ha mai voluto condividere “l’Appartamento del PD”, salvo che per una volta, quando scoppiò la scintilla e l’Onorevole Antonio Cuomo lo volle a tutti i costi e lo impose come candidato Sindaco di Battipaglia. Melchionda invece era organico al Partito Democratico, è stato indicato dal suo Partito, è stato riconfermato dal suo Partito fino a perdere i suoi alleati tradizionali come SEL, Rifondazione, Italia dei Valori, che invece non lo volevano e tra questi guarda caso vi era anche e soprattutto Italia dei Valori, che invece preferì Massimo Cariello, allora ancora esponente di primo piano di Rifondazione Comunista, che organizzò una coalizione alternativa a quella di Melchionda insieme appunto all’IDV e all’UDC, entrambi partecipanti attivi all’Amministrazione, non trascurando il relativo passaggio di Cariello al Centro-destra all’indomani del risultato elettorale che lo vide soccombente sebbene di misura nei confronti dell’attuale Sindaco Melchionda.

Quindi Melchionda da attore principale ha partecipato in maniera più che attiva ai vari tesseramenti e ai vari congressi, prima alleato con Cuomo, contro i Riformisti dell’ex Ministro Carmelo Conte e il presidente del Consiglio Comunale di Eboli, Luca Sgroia, poi alleato di quest’ultimo e sempre con Cuomo contro i Riformisti, che nel frattempo conquistano la maggioranza e si impossessano della locale sezione, e a fasi alterne e a secondo delle loro convenienze, incomincia a dare filo da torcere all’Amministrazione e al Sindaco Martino Melchionda, fino a che quest’ultimo li estromette dalla Giunta, dimissionando il Vice sindaco Antonio Conte, e sostituendo nel gruppo Consiliare il Capogruppo Carmine Campagna con la troica Vincenzo Rotondo, Mario Di Donato, Roberto Palladino, fino ad ottenere il Commissariamento della Sezione e del Segretario Salvatore Marisei e successivamente vista la condotta anti-amministrazione del gruppo consiliare dei Riformisti Salvatore Marisei, Carmine Campagna, Antonio Petrone, Armando Cicalese, a sospenderli dal Partito per un anno.

Una bella vittoria politica di Martino Melchionda che ha trovato nella Segreteria Provinciale del PD spalla forte, e da quel momento non esiste più la Sezione del PD ad Eboli, mentre per contro vi sono ben due Associazioni che si richiamano ad altrettanti gruppi: l’una “Forum Democratico, che fa capo al Presidente del Consiglio Comunale Luca Sgroia; l’altra “Per Eboli” che fa capo al Sindaco Melchionda e ai suoi adepti; entrambe le Associazioni hanno una sede, il PD no. Ironia della sorte una delle due occupa la vecchia sede del PD. Una bella soddisfazione quella del Sindaco Melchionda e del suo alleato Sgroia, dal momento che hanno avuto il campo sgombro dai riformisti e dal momento che sono riusciti, sia pure svuotando la Sezione, a sdoppiarsi, così che evidentemente il Sindaco si sente svincolato dal suo impegno di leader del PD, dimostrando un’attenzione verso altri partiti e nella fattispecie per l’Italia dei Valori.

Pare non sia soddisfatto di come il PD lo ha sostenuto sia nella sua prima che nella sua seconda candidatura, e di come riesce a governare il PD ebolitano, e di come sia stata gestita la vicenda che poi ha portato alla sospensione dal PD stesso dei riformisti di Carmelo Conte, oppure dei risultati politici sbiaditi che la sua Amministrazione a prevalente guida PD, di cui ne è Sindaco e di cui ne è leader, pare non sia soddisfatto degli appoggi incondizionati avuti in ogni circostanza dal PD, al punto di cercare una nuova collocazione, e siccome la sua azione amministrativa è costellata di limpidezza, il suo approdo naturale non poteva che essere quello di Italia dei Valori e di Di Pietro, il quale fa dell’onestà e della limpidezza una ragione di vita politica del suo Partito.

Tornando alle voci e alle preoccupazione dei dipietrini provinciali, Melchionda nell’altra settimana scorsa, accompagnato dal commissario provinciale IDV di Salerno Nello Di Nardo, ha avuto un incontro a Roma con Di Pietro. Un incontro cordiale che ha poi portato alla convocazione di una direzione che sarebbe dovuta servire a discutere dell’adesione del Sindaco di Eboli, anche per sondare dirigenti e base. La direzione si è tenuta nella settimana scorsa e sulla vicenda, atteso lo stupore ma anche una diffusa contrarietà di gran parte dei dirigenti provinciali ha subito una frenata, ma non ha arrestato il processo e pare che il prossimo 12 luglio Antonio Di Pietro sarebbe a Salerno ed in quella circostanza si ufficializzerebbe il passaggio di Melchionda ad iDV.

E’ realtà o è fantasia?  Se è fantasia, allora ogni fatto ed ogni presunta circostanza cadranno nel dimenticatoio senza lasciare nessuna traccia. Se tutte queste cose invece appartengono alla realtà ci lascia molto stupiti, ma anche profondamente preoccupati per la deriva morale che accompagna i percorsi degli attori politici attuali. Una deriva che non risparmia nessuno, e di questo e altro ancora se ne parla apertamente senza nessun imbarazzo. L’importante è ottenere una candidatura, non importa con chi e non importa se con la destra il Centro o la Sinistra.

E così nel caso specifico del Sindaco di Eboli un suo cambio di casacca, come si dice oggi, è inquietante. Nel corso della sua carriera politica non si è registrata una sola controversia con il suo Partito, non vi è stato nessuno screzio tra il PD e Melchionda, non vi è stata nessuna divaricazione politica che giustifichi un suo passaggio dal suo Partito ad un altro, peggio ancora se si tratta del Partito di Di Pietro che fa del rigore morale una bandiera. Di Pietro non ne ha avuto abbastanza con Scilipoti e lo scilipotismo. E’ evidente che certi fenomeni si ripetono fino a moltiplicarsi. Quando c’é una trattativa di questo genere c’é chi si propone, ma c’é anche chi accetta le proposte.

E’ sconcertante che mentre tutto questo accade, si è ancora in un Partito e si partecipa per questo Partito a scelte politiche che poi coinvolgono i destini di intere comunità e allora assale l’eterno dilemma: Che cosa è più grave la congiura o il tradimento? Non lo sapremo mai, semmai lo potremo valutare quando la congiura viene scoperta, oppure a cose fatte quando, quando il tradimento ha dato i suoi frutti. In entrambi i casi per il futuro sarà difficile che ci si possa fidare dei congiurati, sempre che non vengano scoperti e facciano una brutta fine, allo stesso modo per i traditori, i quali benché abbiano portato a termine la loro azione, vivranno il resto dei propri giorni una vita da traditori, pronti ad essere ingaggiati per ordire altri tradimenti.

L’altro aspetto, e questa volta tutto in capo ad Italia dei Valori, al suo Leader Di Pietro e ai suoi dirigenti locali, è quello che si riferisce ad un cambio di passo epocale rispetto a personalità politiche colpite da avvisi di Garanzia o da rinvii a giudizio. Si ricorderà, che solo l’anno scorso Italia dei Valori non volle appoggiare il Sindaco di Salerno De Luca, contrapponendogli Rosa Egidio Masullo, sol perché De Luca aveva un processo in atto. Si ricorderà il naufragio di IDV a Salerno, gli elettori bocciarono quella scelta, e la lista raccolse poche manciate di voti.

Nel caso del Sindaco di Eboli Melchionda, tralasciando la sua attività politica, che lascia molto a desiderare, tant’é che aleggia sulla Città l’ombra del Dissesto, e premettendo che un suo rinvio a giudizio non è affatto sinonimo di colpevolezza, in capo ad una sua scelta di “cambiare casacca” alla stessa stregua di un calciatore o peggio ancora di un mercenario, è veramente sorprendente e poco comprensibile una sua decisione di aderire ad un altro Partito, poichè non è suffragata da nessuna circostanza politica che negiustifichi l’azione, se non all’ottenimento a qualsiasi costo di una candidatura.

Eboli, 6 luglio 2012

21 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. L’IDV si è sempre vantata di avere tra le proprie fila il meglio che la politica italiana riesca ad esprimere. Uomini fattivi, capaci, che dimostrino di essere capaci di fare o di aver fatto, che abbiano una fedina penale immacolata, che siano lontani da ogni sospetto, insomma persone normali.
    Spero vivamente che questa procedura selettiva non venga meno altrimenti Di Pietro & Co perderanno sicuramente un bel pò di estimatori, almeno ad Eboli.
    Armando V.

  2. Il cambio di casacca si giustifica in un solo modo: le idee nella monnezza in cambio di 20.000 euro mensili + benefit ed il vitalizio assicurato.
    Rendetevi conto che ormai non esiste più decenza né dignità, siamo solo in attesa che la gente si svegli e chieda il conto di questa indecente porcheria che uomini senza dignità, mossi solo da bassi interessi materiali, vendono le proprie idee al servizio di chi può garantirgli il raggiungimento della meta agognata. Degli elettori? Ma chi se ne fo…

  3. Gianni Rivera che passa dal milan per vestire la casacca del inter…questo non accadeva mai,tanto meno vedere Sandro Mazzola una vita da interista per poi vestire rossonero…mio dio come sono caduti in basso questi signori delle istituzioni locali,non avete credibilità in niente ormai…ECCO ALLORA IO SONO UN COMPAGNO COMUNISTA,ma per favore siamo seri in tutte queste barzelette io farei il premier se si consente a voi altri di fare ancora politica,speriamo solo che in un futuro molto vicino gli ebolitani sapranno fare giuste scelte per la città aldilà delle tessere e colori di partiti.-

  4. nella foto del tris sopra…Martino è l’unico che non fuma il sigaro alla Fidel Castro…”tutt fum e nient arrosto” per gli ebolitani si intende,mica per loro i PAPPONI di arrosto ne mangiano ben troppo purtroppo…

  5. Consiglierei al Sindaco di candidarsi con il Movimento 5 Stelle, in quanto verrebbe sicuramente eletto, visti i sondaggi che gli attribuiscono il 20%!!!

    Per fortuna non voto più ad Eboli!!!

  6. di cosa si vanta l’idv? è lo stesso che ha un consigliere con villa abusiva? almeno fino a smentita da parte di rizzo.

  7. Questi articoli scritti da te, Massimo, sono veramente simpatici, pieni di contenuto e da essi si evince una grande cultura grammaticale e letteraria.
    Non capisco solo un piccolo particolare, scrivi come giornalista o come futuro candidato?
    Il tuo amico Zorro!

    • Scrivo come giornalista libero sicuramente, ma soprattutto per passione, solo per passione.

  8. Noto tra il tuo blog e le notizie da bar, che Eboli vive un momento storico drammatico come buona parte di tutti i comuni italiani:
    non è preferibile farsi tutti un bagno di umiltà e ritornare alla politica della Prima Repubblica, nel senso che certamente non tutto andava bene, ma la differenza era che esistevano le piramidi di potere politico dei partiti, dove ci si incontrava, si discuteva, ci si bisticciava e poi alla fine si andava tutti insieme a cena da buoni amici, dove il 50% della discussione era per i “cazzi propri”, ma l’altro 50% era per il bene della collettività, per cui ci si preoccupava di creare lavoro e quindi benessere per la società civile e per il buon andamento del Paese.
    Noto che negli ultimi anni, per l’interesse personale di pochi, buona parte dei paesi italiani, ma sopratutto Eboli, sono sprofondati in una crisi socio-economica di gran lunga superiore della maggioranza dei paesi della Provincia di Salerno.
    Esempio: a parte la crisi nazionale ed internazionale, l’economia di Eboli si è sempre retta sull’imprenditoria locale data dall’agricoltura, dall’ediliza e dai lavori pubblici.
    Come mai sono oramai 15 anni che per i lavori pubblici lavorano solo aziende forestier? Come mai l’edilizia residenziale è ferma al palo? COme mail’agricoltura vive un momento di stasi?
    La mia domanda è: una volta i politici locali ascoltavano gli imprenditori e i professionisti di vari settori per trarre fuori un progetto di benessere per la collettività (come mai da 15 anni i professionisti e gli imprenditori non vengono coinvolti nell’indirizzo programmatico-politico locale?).
    Come mai a nessuno interessa avere un parere per la programmazione dello sviluppo del paese?
    Ho l’impressione che la politica locale, come quella nazionale, sia stata demandata esclusivamente a nullafacenti o stipendiati dalla collettività (nel quale orario lavorativo pagati dalla collettività, si preoccupano per i piccoli intertessi personali di “pane e mortadella”, creando freno per gli interessi della collettività che li paga!!!).
    Penso che a maggio molti di voi rimarranno meravigliati della rivoluzione elettorale che avverrà (non pensate solo ai grillini, c’è ben altro in campo!); da questa rivoluzione elttorale questi personaggi (“di pane e mortadella”) rimarranno per i futuri 20 anni carichi di meraviglia!!!
    Fratello di Zorro.

  9. Esprimo solo un mio parere ma meglio questo giornalismo ch quello dei giornalisti professionisti che fingono imparzialità e poi ce le propinano di tutti i colori. Oggi su – La città – ho letto un articolo di una grandiosa manifestazione a sostegno del tribunale di eboli e sono rimasto basito. Io ci sono passato c’erano solo gli organizzatori e qualche avvocato di passaggio , non più di una decina di persone e se escludiamo Cariello ( il solito presenzialista) e i suoi boys di persone ce n’erano cinque.

  10. Mi congratulo con il Sindaco Melchionda qualora compisse il passaggio all’IDV. Un partito che fa della morale il suo punto di forza quando poi sono i primi ad essere immorali ed appartenenti ad una casta.Basta guardare la situazione del neo sindaco Orlando che non vuole dimettersi da deputato e anche alla gestione del partito infatti Di Pietro vive sui rimborsi elettorali dal momento che ha intestato varie proprietà al partito,ma che in realtà sono di sua proprietà.Abbiamo toccato il fondo anche ad Eboli.

  11. Mi congratulo con il Sindaco Melchionda qualora realizzasse il passaggio all’IDV. Un partito che fa della morale il suo punto di forza quando poi sono i primi ad essere immorali ed appartenenti ad una casta.Basta guardare la situazione del neo sindaco Orlando che non vuole dimettersi da deputato e anche alla gestione del partito infatti Di Pietro vive sui rimborsi elettorali dal momento che ha intestato sue proprietà al partito.Abbiamo toccato il fondo anche ad Eboli.

  12. ‘A bona mercanzia trova prièsto a ghjì pe’ ‘n’àutra via.

    A’ ‘a primma ‘ntratùra (oppure: trasetùra) guardàteve ‘e ssacche.

    Abbòffete, dicette ‘o puorco, ca ‘o pantano è chino!

    Povera Eboli …signori miei

  13. Ho letto la smentita del Sindaco e non e’ per ninte convincente, peccato, abbiamo perso un’altra occasione per liberarci di Melchionda.

  14. Il Sindaco si meriterebbe di essere espulso dal PD se solo ha aperto una discussione. Adesso ci dobbiamo concentrare per espellerlo da Eboli a lui e a tutta la sua amministrazione. Poi se fosse possibile espellere insieme a lui anche le opposizioni.

  15. Sono senza parole. Massimo meno male che ci sei. Sei l’unica voce attendibile. Ho letto anche la smentita del Sindaco: ridicola, veramente ridicola.

  16. LA RIVOLUZIONE E’ IN ATTO ANCHE A EBOLI…..

  17. Mamma mia che spregiudicatezza. il Sindaco smentisce. Lo sa tutta la provincia che cerca una candidatura. Fa bene, perche’da come si sono messe le cose la sua amministrazione e’ al palo e forse e’ giunta al termine.
    Dottor Del Mese, ma perche’ non si fa avanti? Potrebbe proporsi come Sindaco, ha dimostrato che ha le competenze per farlo, e mio padre mi ha detto che quando ha fatto l’amministratore lo ha fatto bene ed in autonomia rispetto ai rass di allora. Lei e’ l’unica opposizione credibile in questa citta’.
    Senza il suo Blog moltissime cose npn le avremmo mai sapite e mai capite, perche’ i giornali non sono affidabili.

  18. E’ da mesi che dico, anche su queste pagini, che Melchionda tira ad arrivare al 2013 con la carica di Sindaco solo perchè questo gli consentirà di essere candidato ed eletto in Parlamento.
    Non sono un melchiondiano, però bisogna dargli atto che un passaggio del genere sarebbe meno eclatante di altri passaggi che ci sono stati nel recente passato, tra gli uomini politici ebolitani.
    Il problema grave è che alle prossime elezioni dovremmo scegliere tra Melchionda, Cuomo, Cardiello, Cariello e forse Conte e Morena.
    Mi sembra che sia una scelta obbligata votare Movimento Cinque Stelle.

  19. Gambetta,il plurale di pagina e’ pagine…non mi dire che e’ stato un errore di battitura perche’ la i si trova a quattro lettere di distanza dalla e…ma piuttosto che fare apprezzamenti sui tuoi ex compagni di merenda, tra quelli citati solo Cardiello non lo e’ stato, ripassa la grammatica…ah …un ultima cosa …io penso che Grillo …non ti candidera’ mai nel movimento 5 stelle …visti i tuoi trascorsi!

  20. Dario Barbirotti prima e Martino Melchionda poi sono approdati il primo e in procinta di approdare il secondo in IdV evidentemente perchè nel loro partito di provenienza si sono resi conto di non poter ottenere con sicurezza la candidatura per il parlamento regionale e nazionale, dal che se ne deduce che idv sta diventando una specie di taxi su cui si sale e da cui si scende con destinazione qualche palazzo del potere;non bisognerebbe premiare invece la lunga e operosa militanza di chi da anni lavora per il parito? La vicenda Scilipoti non ha insegnato nulla? Spero che gli attuali dirigenti di IdV riflettano molto su queste cose

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2014 All Rights Reserved

2009-2013 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente