Dopo gli abbattimenti sconsiderati si pianteranno 190 nuovi alberi

Dopo gli abbattimenti senza ragione il Comune mette a dimora nuovi alberi in numerose aree verdi della citta’.

Il sindaco di Eboli Martino Melchionda: “un intervento importante per riqualificare il verde pubblico”. Ma non spiega perché furono abbattuti i Pini e alberi senza ragione e che fine ha fatto il legname abbattuto.

Pini-Abbattuti-via-Giarletta

EBOLI – Domani, 25 luglio, inizieranno i lavori per la piantumazione di ben 190 nuovi alberi in numerose aree verdi della città. Fanno sapere dalll’Ufficio stampa del Sindaco. E alla Città non può che fare piacere, anche perché Eboli ha sempre avuto strade e viali alberati, Peccato che solo qualche mese fa sono stati abbattuti numerosissimi altri alberi senza nessun apparente motivo e senza osservare nemmeno le regole sulla sicurezza sui luoghi di lavoro. Abbattimenti contestati anche da note ufficiali della locale stazione dei Vigili urbani di Eboli, senza che vi fosse successivamente nessuna spiegazoione plausibile se non una richiesta da parte di un cittadino la cui automobile fu colpita da una pigna, che costò l’abbattimento selvaggio di una ventina di pini mediterranei in ottima salute.

Pini-abbattuti-Ex-Scuola-Lauria-Eboli

Mentre si aspetta ancora una motivazione valida, e l’area interessata all’abbattimento è ancora tutta sconquassata, e non si bonifica e non si impone la bonifica a suoli privati completamente abbandonati, mentre assistiamo quotidianamente alle pulizie delle erbacce ai margini delle strade fatto da personale che non osserva le minime norme di sicurezza utilizzando arnesi anch’essi  privi di presidi di sicurezza, con tutti i rischi e i pericoli che ne derivano, mentre nessuno ha mai spiegato perché lungo il viale e in Piazza della repubblica a seguito delle potature rimasero a terra rami e fronde per una giornata intera, creando disagi ai cittadini e agli automobilisti, e nessuno ci ha mai detto quanti alberi realmente sono stati abbattuti, perché e che fine ha fatto il legnatico e se è stato regalato, a quanti e a chi è stato regalato, arriva la buona notizia: saranno piantati 190 nuovi alberi; di cui 40 saranno donati dalla ditta esecutrice. Grazie, veramente grazie.

Difatti, in attuazione del progetto “Punteruolo rosso” volto a contrastare l’emergenza fitosanitaria relativa ai comuni di Eboli e Capaccio, sono stati aggiudicati i lavori per la piantumazione di 150 alberi,  a cui vanni aggiunti altri 40 alberi donati al Comune di Eboli  dalla ditta Manna s.r.l..

Le aree interessate dall’intervento di piantumazione sono: via Fratelli Adinolfi, piazza della Repubblica, viale Amendola, via Matteo Ripa, piazza Pendino, via Antonio Cassese, piazza Tito Flavio Silvano, viale Matteotti, via Giacomo Sisto, via Umberto Nobile e via Giuseppe Di Vittorio, non si spiega però che tipo di alberi si pianteranno e se gli alberi sono Palmizi che hanno a che fare con il Punteruolo Rosso o altri tipi di piante. Qualunque sia il motivo è comunque una buona notizia.

Si trattaafferma il Sindaco di Eboli Martino Melchiondadi un intervento importante, rivolto a riqualificare alcune aree verdi centrali della nostra città.

La piantumazione di questi nuovi alberi conferma la sensibilità da parte dell’Amministrazione Comunale nei confronti dell’ambiente.

I nuovi innesti che partiranno nei prossimi giorniprosegue il sindaco - uniti alla programmazione da parte dell’assessorato all’Ambiente di altri interventi rappresentano dei passi importanti nell’ambito della riqualificazione del verde pubblico.

L’obiettivoconcludeè quello di consegnare ai nostri concittadini una città dotata di maggiori aree verdi, in modo da contribuire a valorizzare  ancora di più il nostro territorio così ricco di bellezze naturali e paesaggistiche, che devono essere tutelate al meglio.

Ovviamente, occorre la massima collaborazione dei cittadini affinché questi investimenti possano durare nel tempo nell’intesse generale della comunità”.

Eboli, 25 luglio 2012

2 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Ci vuole ben altro per acquistare credibilità.

  2. siamo cosi primitivi e non conoscitori della natura che ci accontentiamo di 190 alberi a costo….???? invece avremmo potuto averli acosto zero seguendo le giuste traettorie amministrative. 150 piu 40 =190 alberi sono una cifra insignificante rispetto all’area urbana del centro abitato,e poi perche non si parla dell’area dove è stato commesso lo scempio in piu non ci sono pezze per nascondere il malfatto e che se lo ricordi il sindaco ogni volta che ritorna verso l’abitazione di famiglia nel vedere quella zona abbandonata e mozzata dei suoi alberi.Si spendono solo altri soldi a carico dei cittadini, una cattiva gestione del danaro pubblico,come i vigili urbani a cavallo a “Marina di Eboli”bello solo il nome costi elevati per guardare monnezza prostituzione e parcheggi vandalici “spesso autorizzati chissa da chi nella pineta distruggendola quotidianamente. E non venissero a parlare di economia perche questa rimane e ritorna utile solo ai pochi gestori,i quali pagano concessioni da elemosina senza controlli sul personale,le buste paghe o solo le paghe ,trattati questultimi da schiavi, mentre poi in un futuro prossimo si mette su un progetto di ripopolamento e bonifica della pineta con sperpero di altri fondi pubblici pilotati in mano a gente di poco scrupolo.
    la repellenza per atti vandalici verso aree pubbliche e il rispetto per la natura si fa in altro modo responsabilizando i cittadini con iniziative popolari coinvolgendoli facendoli sentire protagonisti del territorio di appartenenzae non speculando sulla spesa pubblica non serve. che escono i responsabili deldecapitolamento dei pini alla berniero lauria e vedrai che sara l’inizio di una lunga serie.

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2014 All Rights Reserved

2009-2013 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente