Battipaglia e Miasmi: Iniziativa Popolare, si convochi il Comitato prov. di Sicurezza

L’Associazione battipagliese “Iniziativa Popolare” interviene sulla questione del puzzo nauseabondo che ha invaso la Città.

Il presidente Carmine Galdi analizza I fatti e si rivolge direttamente alla Prima cittadina di Battipaglia: “Il Sindaco faccia convocare dal Prefetto il comitato dell’ordine pubblico e sicurezza“.

Carmine-Galdi.

Carmine-Galdi.

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

BATTIPAGLIA – Città invasa dal puzzo nauseabondo. Ormai, l’olezzo è diventato una caratteristica del territorio. Come il pomodoro doc, la mozzarella, i prodotti della quarta e quinta gamma, le fragole etc… etc… Gli abitanti del quartiere S. Anna, del rione Taverna, di Filigalardi, del centro urbano (stazione ferroviaria), di Viale della Libertà: di notte e di giorno vengono “maltrattati” dalla puzza insopportabile.

Non vi sono dubbi sulla zona di provenienza. Il focolaio dei miasmi è nel raggio della zona industriale, al centro del confine tra Eboli e Battipaglia. Sono circa 20mila abitanti ad essere stati sequestrati dalle molestie olfattive. Il sindaco del Comune di Battipaglia comunica – a mezzo stampa – di aver avuto incontri, di aver fatto sopralluoghi, di aver esposto la questione all’Arpac, alla Procura della Repubblica e ai Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico. Ma la puzza persiste e, dunque, non resta altra strada – secondo la sindaca di Battipaglia – di costituire un comitato e fare una protesta contro la lentezza della burocrazia. La prima cittadina deve dare incarico ad un esperto del settore ambientale, fare le dovute indagini, per ricercare le cause ed individuare i responsabili dell’olezzo nauseabondo (oggi molestie olfattive).

Contemporaneamente far convocare un tavolo di ordine e sicurezza pubblica dal prefetto di Salerno, con la partecipazione anche del sindaco del Comune di Eboli, dei Carabinieri, della Polizia Locale, delle Fiamme Gialle, della Polizia di Stato, della Provincia, della Regione e dell’Arpac. In caso di boicottaggio burocratico resta, nelle mani del sindaco, la prerogativa di una Ordinanza contingibile ed urgente, per ragioni di igiene e sicurezza dei propri abitanti (ex art. 54 TUEL). Il diritto alla salute dei cittadini è diritto costituzionalmente garantito, diritto primario; pertanto, meriterebbe di essere maggiormente tutelato. Battipaglia dovrebbe avere una stazione di monitoraggio ambientale quotidiana, per il peso ambientale che sopporta (Stir, aziende private di smaltimento rifiuti, Impianto di Compostaggio nel comune di Eboli, gas e prodotti chimici utilizzati in agricoltura, inquinamento da scarichi fognari e dai gas di scarichi delle auto).

Intanto, proprio sulla lunga e tormentata vicenda dei Miasmi, ivi comprendendo anche il rimpallo delle responsabilità tra Eboli e Battipaglia le due Città della Piana sono un vero e proprio centro della monnezza e tra iniziative private e quelle pubbliche siamo sommersi di puzza e da immondizia, arriva un manifesto della Sindaca di Battipaglia Cecilia Francese, che si pubblica qui appresso, con il quale, in maniera sintetica informa la Città di tutti i passaggi e tutte le iniziative di cui si è resa protagonista.

miasmi informativa

miasmi informativa

Battipaglia, 3 agosto 2017 (articolo aggiornato alle ore 19.33 del 3 agosto 2017)

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente