Amministrative a Battipaglia – Il Centro-destra candida Motta: inizia la sfida

Il Centro-destra sceglie Gerardo Motta, Renato Santese si ribella e chiede un incontro con il Ministro Carfagna e Lubritto minaccia di non presentare la lista di DFC alle Provinciali.

 

Gerardo Motta

Gerardo Motta

BATTIPAGLIA – Mesi e mesi di “guerre”, aperte e guerreggiate, scontri tra gruppi, tra sigoli e tra Partiti,  una telenovela. Dichiarazioni in libertà e esternazioni ponderate hanno impedito per mesi di individuare un persona credibile, da presentare come candidato a Sindaco di Battipaglia.

Dietro la scelta definitiva di Candidare a Sindaco per il Centro-destra Gerardo Motta, la violenta reazione di Renato Santese, che insieme al suo Leader Antonio Lubritto si oppone a Motta e chiede un incontro con la Carfagna. La polemica rischia di assumere altre dimensioni le cui conseguenze sono estranee ai più.  La contrarietà di Santese non sembra essere legata alla politica. 

Il rapporto perenne di indecisione ha consentito al Partito Democratico di trovare la sua sintesi ed individuare in Giovanni Santomauro il suo Candidato. La decisione, anche se è stata difficile, comunque è stata frutto di un dibattito interno che contrapponeva, non tanto gli uomini, ma il metodo. Alcuni, risultati poi essere una minoranza, avrebbero voluto le primarie, gli altri invece Giovanni Santomauro. Alla fine si è confluiti sull’ex Segretario Generale del Comune di Battipaglia, fortemente voluto sin dalla prima ora dall’Onorevole Antonio Cuomo, per gli altri raggruppamenti poi è stato più facile, esprimersi e successivamente allearsi.

Renato Santese

Renato Santese

Mentre il Centro-destra si attardava, Motta si, Motta no, e di tanto in tanto si contrapponevano candidati al Capo gruppo di AN, odducendo di volta in volta, motivazioni di carattere “equilibristiche” tra AN e Forza Italia, Santomauro si incontrava con il mondo dell’Impresa, con le Associazioni, con la Città, tracciando a grandi linee il suo programma, occupando la scena politica e conquistando un certo vantaggio, annullando così quel gap iniziale che vuole la città di Battipaglia essere di destra o prevalentemente di quell’area che si richiama al Centro-destra.

La candidatura Motta è stata ostacolata perché nello stesso tempo è una candidatura forte e prestigiosa, essendo egli uno degli uomini più vicini al Candidato alla Presidenza della Provincia Edmondo Cirielli. Una candidatura osteggiata fin dal primo momento, soprattutto dalla sua stessa area. Infatti, alternativamente e perseguendo altre strade, si è andata costruendo intorno al Medico Dentista Armando Liguori, il così detto terzo Polo.

Terzo polo, perché estraneo ai due maggiori schieramenti, ma fin dal primo momento, è sembrato un’alternativa a Motta.

Terzo o quarto che sia, se come sembra si realizzerà una forma di intesa tra Armando Liquori, Cecilia Francese, Vito Santese e l’ex Sindaco Gennaro Barlotti, più che terzo polo, è realmente un’insidia per il Candidato di Centro-destra Gerardo Motta.

Se si prefigura questo scenario, le previsioni della prima ora, che dava in nettissimo vantaggio il Centro-destra su Santomauro e chiunque altro, con il “quartetto” Liguori-Francese-Vito Santese-Barlotti, si mette tutto in discussione facendo diventare la partita più accessibile. Questa ipotesi, consente sicuramente sia a Giovanni Santomauro sia a questo “terzo polo” di avere come obbiettivo il Ballottaggio. Piu sicuro e più competitivo per Santomauro, più incerto per Liguori.

20 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente