Vacanze: una Chimera? Per il Censis 6 italiani su 10 restano a casa

Ma chi se le può permettere. Gli italiani sono aggrediti dalle tasse e lavorano per pagarle. I furbi protetti dalle leggi scelgono i “paradisi” fiscali.

Il 58% degli italiani non va in vacanza. Chi ci andrà resterà in Italia e farà soggiorni brevi.

esodo-estivo

ROMA – Ogni anno sempre più giù. Eppure a sentire gli esperti, ogni week end  i percorsi stradali sono sempre contrassegnati da bollino rosso o nero, per indicare grandi  movimenti di auto e quindi di vacanzieri. In effetti è vero. I fine settimana sono quelli a cui gli italiani si rivolgono, praticando il turismo mordi e fuggi, quello del solo sabato e della solo domenica, praticamente il turismo giornaliero.

Ma chi se le può più permettere le vacanze? Con questi “chiari di luna”, gli italiani possono appena soddisfare i bisogni primari, e poi sono aggrediti dalle tasse, ormai il Ministro Giulio Tremonti sta raschiando le tasche degli italiani. Tasse che pagano solo pensionati, operai e impiegati. Quattro poveracci che mantengono il Paese e consentono ad un manipolo di furbi, che invece scelgono i famosi “paradisi” fiscali, i quali, non solo non pagano un euro di tasse ma addirittura ricevono milioni di euro di contributi e assistenze varie, dichiarano meno di un pensionato e sfrecciano su barche a vela e catamarani.

Le vacanze una chimera. Gli italiani non se le ricordano più e il Censis ha reso noto il suo rapporto. Dall’indagine è venuto fuori che quest’anno sei Italiani su dieci resteranno a casa, noi aggiungiamo, che gli altri quattro tre fanno finta di andarci e uno se le fa per tutti e dieci.

Spiaggia attrezzata 2

Secondo il rapporto il 42% andrà in vacanza, il 58% no.  Solo il 17,5% andrà oltre confine, il resto sceglierà località paesane e si accontenterà di gite fuori porta e di week end. Gli italiani preferiscono visitare i Paesi del Mediterraneo, soprattutto quelli rivieraschi  e dell’Europa. Partono soprattutto i giovani di 18-34 anni (53,6%), meno gli anziani dai 65 anni e oltre (37%), soprattutto quelli che risiedono nel Nord-Ovest (54,8%) e del Nord-Est (42,6%), del Sud sono solo il 30,8%.

Interessante e vedere anche l’aspetto che si riferisce alle fasce di reddito. Anche in questo caso le differenze ci sono e come: solo il 17,9% degli italiani che ha un reddito basso si permette una vacanza, bisognerà vedere quale e se gli intervistati hanno risposto seguendo il desiderio; mentre invece la percentuale sale al 46,1% tra il famoso ceto medio e si arriva al 69,9% tra quelli con reddito alto. I super ricchi sicuramente non sono rilevabili anche se Tremonti li conosce (sicuramente molti saranno suoi clienti) perchè tra l’altro sono sempre in vacanza a giudicare dalle abbronzature.

In ogni caso aumenta anche quest’anno la tendenza a ridurre la durata del soggiorno. Ormai quelle vacanze che duravano più di un mese e interessavano interi gruppi familiari, che magari condividevano gli alloggi e  quindi le spese, sono un lontano ricordo.  Un altro dato interessante è quello che si riferisce ai residenti, infatti il 45,7% degli italiani che abitano nelle città con oltre 150.000  avverte il bisogno di rivolgersi alla vacanza per sopportare lo stress della città e lo fa in diverse fasi dell’anno per arrivare ad una sorta di autoricarica e riaffrontare la giungla cittadina fatta di routine e di lavoro.

Eppure in autostrada specie quella del Sole, ci sono file chilometriche. Non lasciamoci ingannare, è solo perchè ci sono sempre lavori in corso che ormai durano dal 1964. Ma possiamo andarne orgogliosi si realizzerà il Ponte sullo stretto di Messina.

7 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente