Scultore

Teatro, arte e musica con “RotarARTE” al MOA di Eboli

EBOLI - MOA Eboli, Domenica 29 agosto, ore 18.00, "RotarARTE" con il Rotary Club Eboli a sostegno di arte, teatro, musica e Rotary Foundation. Ore 18:00 visita alla chiesa di Sant’Antonio  a cura dello storico locale Paolo Sgroia. Seguirà il percorso museale del Moa a cura di Giuseppe Fresolone e la visita della mostra delle opere dello scultore ebolitano Pasquale Ciao. Si continua con l'intrattenimento musicale di Angela Clemente e Peppe Palladino e per finire all'Arena S. Antonio esibizione teatrale con la Compagnia del Bianconiglio.

Diamante: Mostra d’arte “Piccante come il Peperoncino”

DIAMANTE - 11 settembre ore 19.00/24.00, Museo DAC Diamante, Mostra d'arte Internazionale “Piccante come il Peperoncino”. La Mostra d'arte “Piccante come il Peperoncino”, che raccoglie 47 opere di artisti contemporanei, ricade nell'ambito della 27ª edizione del Peperoncino Festival, ed è curata da Amedeo Fusco e Nicola Abruzzese.

E’ in edicola “Le Sfere di Latte” il Nuovo Romanzo di Giancarlo Giudice

BOLOGNA - “Le Sfere di Latte” l'ultimo romanzo di una fortunata trilogia vergata da Giancarlo Giudice che ne parla in esclusiva con POLITICAdeMENTE. Incontriamo nella suo “buen retiro” bolognese lo scrittore, che ci regala una lunga intervista riguardante la sua ultima fatica letteraria. Giancarlo Giudice: "È un regalo speciale per i miei nipoti, oggi ancora piccolissimi, e che un giorno in una delle pause dell'anima, cercando risposte, rispolvereranno i ricordi dello Zio".

Chiusura a Palazzo di Città della Mostra dello Scultore Felice Landi

BATTIPAGLIA - La mostra di sculture e bassorilievi in legno dell’artista Felice Landi di Giffoni Valle Piana, si è tenuta nel Salotto della Cultura di Battipaglia. L'Artista Landi ha donato al Sindaco Santomauro la scultura "Rosa dei Venti". Primo cittadino di Battipaglia ha deciso che sarà collocata nell’aula Consiliare del Comune di Battipaglia.

Mostra sul Caravaggio- 3° incontro:Luci ed om bre di un artista errante

EBOLI - Il Dardo colpisce, penetra con violenza, la mano non lo ferma. E il colore si disgrega,diventa grumo doloroso di ombre e luci che avvolgono i personaggi, estremo testamento della luce caravaggesca. Pecci: "Forse. Il senso del dipinto è nel fato che è ineluttabile: quello che è scritto nel destino succederà inevitabilmente". Currò: "Il Martirio di S. Orsola si discosta dai tratti dolci e dalla ideale bellezza di molte altre opere del Maestro".