Organico Scuola dal Sindacato: Trasparenza nelle operazioni

Trasparenza nelle operazioni di definizione dell’organico provinciale: Monito dai Sindacati.

Cgil, Cisl, Uil, SNALS e Gilda Scuola chiedono: “.. trasparenza nelle operazioni di definizione dell’organico e diffidiamo il Dirigente dell’Ufficio Scolastico provinciale dal procedere sulla strada dei tagli contro i quali, per rispetto dell’intera comunità educante, metteremo in campo ogni azione necessaria”. 

Cgil_Uil_Cisl_Snals_Gilda

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – «Le notizie relative al taglio degli organici della nostra provincia sono fortemente preoccupanti. Qualora dovessero essere confermate, definirebbero una situazione grave e sicuramente in contrasto con gli accordi nazionali e regionali. – Si legge in una nota unitaria di FLC CGIL, CISL SCUOLA, UIL SCUOLA, SNALS CONFSAL, GILDA FGU, a firma rispettivamente dei responsabili provinciali Clara Lodomini, Vincenzo Pastore, Giuseppe Frallicciardi, Pasquale Gallotta, Michele TrottaI tagli, secondo le informazioni ricevute dalle scuole, riguarderebbero 227 posti comuni e 161 posti di sostegno complessivamente.

Numeri assolutamente non corrispondenti a quelli definiti sul tavolo di confronto, tenutosi lo scorso 17 aprile tra il Dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale e le Organizzazioni Sindacali di categoria. – prosegue la nota dei sindacati – Secondo le tabelle allegate al verbale dell’incontro, i tagli relativi alla nostra provincia sono solo 52 e riguardano i posti comuni (13 primaria – 3 primo grado – 36 secondo grado) mentre per il sostegno è previsto un incremento di 63 unità di organico (2 infanzia – 6 primaria – 4 primo grado – 51 secondo grado).

L’assenza di tempestiva informazione sui dati effettivamente convalidati e di ogni forma di interlocuzione con il Dirigente dell’Ufficio Scolastico provinciale, la dott.sa Attanasio, rende difficile comprendere non solo la reale dimensione dei tagli, ma le regioni che sottendono tali scelte.

La conferma dell’organico già assegnato a livello nazionale e regionale, – prosegue ancora la nota – sancita dalla nota 487 del 10 aprile scorso, ottenuta a seguito delle forti pressioni delle Organizzazioni Sindacali nonostante la riduzione del numero di alunni, ha una precisa finalità: non deprivare di risorse professionali le scuole, mantenendo il contingente assegnato ad ogni singolo istituto anche in caso di soprannumero per poter valorizzare la continuità didattica, consentire, fin dal 1°settembre, il recupero delle carenze, ristabilire le relazioni educative sospese dall’emergenza Covid-19, evitare gli accorpamenti delle classi, ossia la costituzione delle cosiddette “classi pollaio” contro le quali la propaganda della Ministra si è sprecata fin dall’inizio del suo mandato parlamentare.

I tagli previsti compromettono fortemente tale finalità e il ruolo strategico della scuola contro i fenomeni di dispersione, di abbandono, di marginalità soprattutto al rientro dalla grave situazione di questi mesi. – aggiungono – Non possiamo consentirle! – conclude la nota unitaria di FLC CGIL, CISL SCUOLA, UIL SCUOLA, SNALS CONFSAL, GILDA FGU, a firma rispettivamente dei responsabili provinciali Clara Lodomini, Vincenzo Pastore, Giuseppe Frallicciardi, Pasquale Gallotta, Michele TrottaChiediamo, pertanto, trasparenza nelle operazioni di definizione dell’organico e diffidiamo il Dirigente dell’Ufficio Scolastico provinciale dal procedere sulla strada dei tagli contro i quali, per rispetto dell’intera comunità educante, metteremo in campo ogni azione necessaria».

Salerno, 26 maggio 2020

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente