Battipaglia – Ingiunzioni agli ex Consiglieri

L’inchiesta, colpisce 32 ex Consiglieri Comunali che hanno percepito indebitamente somme di danaro non dovuto. L’inchiesta è stata condotta dalla Guardia di Finanza. Fu Matteo Messina a scoprirlo.

E’ stata una vera doccia fredda su Battipaglia. Una pioggia di ingiunzione di pagamenti per “indennità di Funzioni” percepite indebitamente. I

l trucco serviva ad aumentare gli emolumenti ai singoli Consiglieri Comunali, che anziché di percepire un gettone di presenza per le sedute Consiliari e quelle di Commissioni, assicurava una somma pro capite pari a 500 euro mensili.

L’inchiesta condotta dalla Guardia di Finanza, partì a seguito di notizie di stampa che misero in evidenza la vicenda dall’attento e scrupoloso esame nei conti del comune di Battipaglia, dall’Assessore della Giunta Barlotti, il commercialista Matteo Messina e si riferiva al periodo della Giunta Liguori. Lo zelo dell’Assessore Messina era dettato dal fatto che le casse comunali versavano in cattivo stato e incombeva il pericolo del dissesto finanziario.

A distanza di un anno le cose non sono molto cambiate, le casse comunali vivono sempre una brutta condizione e se l’anno scorso il buco era di 8 milioni di euro, oggi questa cifra dovrebbe essere aumentata almeno di altri 2 milioni. Si ricorderà il tentativo di vendere l’ex tabacchificio e tutta la bagarre che ne conseguì tra l’ex Sindaco Zara e il presidente della STU, la Società di Trasformazione Urbana, Inverso, circa il valore attribuito all’intera area. che a giudizio di Zara era veramente irrisorio.

E’ passato un anno,e stiamo ancora punto e a capo. Battipaglia è gestita da un Commissario Prefettizio, il quinto in pochi anni, gli attori principali sono sempre gli stessi, i problemi sono gli stessi, con l’aggravante che sono diventati cronici.

Intanto buona parte dei Consiglieri colpiti dal provvedimento sono subito corsi ai ripari, per evitare problemi di incompatibilità e nel frattempo, c’è stato qualche avanzamento nelle vicende politiche: Giovanni Santomauro, l’ex Segretario Generale ed ex Direttore Generale del Comune di Battipaglia, ora in servizio ad Eboli, è il candidato ufficiale del Centro-sinistra; Gerardo Motta per il Centro-sinistra, deve ancora aspettare qualche giorno per la sua investitura; Vito Santese invece, potrebbe essere il candidato del terzo polo in campo, quello dei moderati, mentre il padre, don Ciccio, finalmente vince la sua battaglia e si “riappropria” dei suoi capannoni, quelli che ospitano Telesalerno 1.

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente