Il Privilegio Federiciano alla Città di Eboli

EBOLI – Proponiamo “Il Privilegio Federiciano alla Città di Eboli”, uno dei documenti più importanti della storia cittadina di Eboli, proveniente dall’Archivio della Mensa Arcivescovile di Salerno, nel quale l‘Imperatore Federico II concede privilegi alla Città di Eboli in premio della provata fedeltà del popolo ebolitano. La scelta della pubblicazione rientra nella linea editoriale di POLITICAdeMENTE nella speranza di infondere nelle giovani generazioni, scoprendo la propria storia, l’amore per la propria terra.

Questo documento è importante specie per ricordare a chi vuole che i Terreni dei Cinesi di Matteo Ripa, vadano in mano a speculatori senza nessun diritto, che nessuno al di fuori dei cittadini ebolitani può rinunciare al gravame degli usi civici su quei terreni che l’Istituto Orientale di Napoli vuole a tutti i costi vendere.

………………  …  …………….

Storia Ebolitana

Privilegio Federiciano

Documento emesso nel 1221 in favore della Città di Eboli, dove si attesta che l’Imperatore Federico II accoglie nel proprio demanio concedendo privilegi, in premio della provata fedeltà e dei dolori patiti dal popolo ebolitano.

Codice Diplomatico Salernitano

dell’Archivio della Mensa Arcivescovile di Salerno.

Federico II

Federico II

Federico, imperatore dei Romani per grazia di Dio, sempre augusto e re di Sicilia. Per mezzo di questa scrittura rendiamo noto a tutti che i cittadini di Eboli, a noi fedeli, in conformità all’editto generale emanato nella nostra curia di Capua, ci hanno segnalato il privilegio in funzione del quale noi cooptiamo nel nostro demanio il loro territorio e loro stessi, confermando ad essi gli usi e le consuetudini consolidate, cosi come veniva loro data disponibilità ai tempi di re Guglielmo II di felice memoria, e cosi umilmente ci hanno supplicato affinché ci degnassimo di restituire loro il privilegio e di confermarlo con la nostra gratitudine. Noi nell’intenzione di esaudire le sollecitazioni da loro fatte con la solita benevolenza, e ricordando i servizi che i predetti nostri fedeli con tanta devozione e merito ci riservarono, restituiamo a loro il privilegio e in perpetuo lo confermiamo. Confermiamo anche a loro stessi gli usi e le consuetudini consolidate, come ai tempi del già citato re Guglielmo II, di felice memoria, stabilendo che nessuna persona estranea all’università di Eboli possa avere diritti sugli uomini nel territorio di Eboli o altrove, se non secondo quanto sancito ai tempi di re Guglielmo II. Vogliamo anche che tutti gli abitanti, sia che si trovino all’interno della città, sia che si trovino fuori della città, vengano integrati nel demanio imperiale nella comunità del territorio stesso e nell’espletamento di servizi in nostro favore, ove se ne verificasse la convenienza.

A memoria di questa concessione e nell’intenzione di conferire validità perpetua, abbiamo ordinato che questa scrittura, fatta per mano del notaro e fedele nostro Jacobo da Catania, venga munita del sigillo della nostra maestà.

Salerno nell’Anno dell’Incarnazione del Signore MCCXXI, mese febbraio, indizione IX. Regnante il nostro signore Federico illustrissimo imperatore dei Romani per grazia di Dio, sempre augusto e re di Sicilia, nell’anno primo del suo impero e felicemente XXIII del regno di Sicilia. Cosi sia.

  • 1) E. Winckelmann. Acta imperi in vol. I p. 147.

di Mariano Pastore

1 commento su questo articoloLascia un commento
  1. Complimenti per l’Opera storiografica di ricerca e divulgazione: tale documento acclara l’ importanza di Eboli nei secoli, e si ricollega ad episodi e situazioni rifacentesi ai giorni nostri!

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente