Famiglia e vita: Un confronto con Adinolfi alla Pontificia Facoltà di Teologia di Napoli

Intervento di Mario Adinolfi presso la Pontificia Facoltà di Teologia dell’Italia meridionale a Napoli.

L’On. Mario Adinolfi è il leader e fondatore della Lista “Popolo della Famiglia, ma è anche il vincitore del “Peggio del 2017” premio del settimanale Espresso per un suo post su facebook sul caso del Dj Fabo e il suo suicidio assistito in Svizzera:  “Hitler almeno i disabili li eliminava gratis“.

Mario Adinolfi

Mario Adinolfi

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

NAPOLI – Nel pomeriggio di ieri 12 febbraio 2018, presso la Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale – Sezione San Tommaso D’Aquino a Napoli, in occasione del Convegno “Parlare di morte per ragionare di vita“, ha relazionato sul tema “Un confronto su famiglia e vita” l’On. Dott. Mario Adinolfi, ledear del Popolo della Famiglia e candidato al Senato nel Collegio Roma 1 alle prossime elezioni politiche del 4 marzo 2018.

Presenti all’incontro, anche una rappresentanza dell’area salernitana, nelle persone di: Raffaele Adinolfi, Basilio De Martino, Alfonso Gambardella e Antonio Voria.

Adinolfi al confronto sulla Famiglia e vita ha ribadito che la famiglia è alla base della nostra società e solo grazie alla tutela di questa che è possibile tutelare la vita dal suo concepimento alla morte naturale, che deve avvenire nel calore familiare. E come si fa a non dargli ragione, dal momento che proprio questo pilastro della società vacilla e incomincia a venir meno indebolendo la società stessa.

Mario Adinolfi come fondatore e leader della lista “Popolo della Libertà“, un partito “ultracattolico”, conta di poter superare il traguardo del milione di voti, quel fatidico 3%, che consentirà ad una ventina di deputati di entrare in Parlamento tra Camera e Senato, per modo da essere decisivi per la formazione di qualsiasi maggioranza di governo e rappresentare così la famiglia, i suoi valori, la sua importanza. Egli ritiene che questa sia una opportunità irripetibile per i cattolici e con lo slogan: «A noi la battaglia a Dio la vittoria», egli chiama, appunto i cattolici alla mobilitazione.

Ma Mario Adinolfi è anche quello che si è meritato il premio del settimanale l’EspressoLa peggio del 2017“, e tra le peggiori dichiarazioni del 2017 è senza dubbio quella proprio del fondatore del Popolo della Famiglia. Infatti per meritarsi il premio è bastato un post che l’ex parlamentare PD, ora leader del Popolo della Famiglia, ha scritto su Facebook il 27 febbraio del 2017, a poche ore dall’annuncio dell’addio del Dj Fabo, il 40enne tetraplegico che scelse di mettere fine alle proprie sofferenze in Svizzera, ricorrendo al suicidio assistito. Con il post “Hitler almeno i disabili li eliminava gratis“, Adinolfi innescó una miccia ma anche tanta l’indignazione. È evidente che le contrapposizioni rispetto a temi così delicati non possono assumere linguaggi impropri e di pari violenza rispetto a quello che si vuole o non si vuole affatto, e forse proprio su questo bisognerebbe lavorarci e soprattutto nelle famiglie e nel mondo cattolico.

Ma ovviamente i temi che attraversano la Famiglia, la Vita e la Società nel suo complesso come le diversità, non possono e non devono diventare motivi di scontro o di mediazioni, e se questo accade è il peggior servizio che si possa fare. Bisognerebbe invece creare le condizioni che rafforzano i principi e i valori ma soprattutto per affermarli anche il linguaggio deve essere ponderato, semplice, umile, coinvolgente, convincente.

Post Mario Adinolfi

Post Mario Adinolfi

Napoli, 13 febbraio 2018

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2018 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente