Sospensione Cantieri: No dalla FederCepi Costruzioni

No alla sospensione dei Cantieri dalla FederCepi Costruzioni. Il mondo produttivo trasmetterebbe un messaggio sbagliato. 

Il presidente di FederCepi Costruzioni Antonio Lombardi ritiene che sarebbe ammettere non saper garantire la sicurezza nei cantieri e dei propri lavoratori: «Intollerabile immaginare un  provvedimento che metterebbe in ginocchio il Paese in un momento già di estrema difficoltà». 

Antonio Lombardi

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

ROMA – Riceviamo e volentieri pubblichiamo l’intervento del Presidente Nazionale di FederCepi Costruzioni, il Salernitano Antonio Lombardi, Il quale interviene in relazione ad alcune sigle datoriale che in risposta all’ultimo DPCM che detta le norme e i comportamenti da garantire nei luoghi di lavoro per evitare il propagarsi del contagio dal virus Covid-19, norme a tutela dei lavoratori e delle stesse imprese, tra l’altro, molte delle quali già in vigore con la L.626, anziché attivarsi hanno chiesto la chiusura dei cantieri, se ne discosta ritenendo sia un messaggio sbagliato ed inopportuno, all’italiana, al mondo economico, al Mondo, ai Mercati, rinunciando a svolgere quel ruolo guida che il settore dell’edilizia al contrario ha per tradizione e sebbene le numerose crisi settore trainante dell’economia stessa.

«Sorprende e sconcerta che un’associazione di categoria, lamentando l’impossibilità di assicurare in tutti i cantieri le misure di sicurezza e di tutela della salute dei lavoratori imposte dall’ultimo Dpcm, chieda al Governo un provvedimento di sospensione di tutti i cantieri. – scrive in una nota il Presidente di FederCepi Costruzioni Antonio Lombardi, ritenendo sia invece giusto continuare a lavorare e con i cantieri aperti trasmettere un messaggio di fiducia al Paese in un momento così difficile che sta attraversando – È un atto che denota una scarsa conoscenza dell’estrema importanza strategica del settore, non tanto dal punto di vista economico – indubbiamente secondario in un frangente di tale emergenza – ma strategico e sociale.

La sospensione inciderebbe anche sui cantieri impegnati nella realizzazione di infrastrutture strategiche per la mobilità di uomini e merci, nella manutenzione di un sistema idrico, fognario e della depurazione, duramente provato dai sovraccarichi di questi giorni; nella costruzione e manutenzione di ospedali e strutture pubbliche; in lavori di scavo e posa in opera connessi all’efficienza delle telecomunicazioni; nella messa in sicurezza di scuole ed edifici. – Prosegue il Presidente Lombardi – Paralizzare tutto equivale a determinare una ulteriore situazione di grave emergenza, in un contesto già duramente provato dalla diffusione del virus.

È intollerabile, e FederCepi Costruzioni se ne dissocia con fermezza e convinzione.

A nome delle 6724 imprese rappresentate, FederCepi Costruzioni chiederà invece il massimo supporto affinché tutte le aziende, in ogni contesto operativo e produttivo, possano garantire il prosieguo dei lavori nella massima sicurezza per operai e dipendenti. Nonostante le evidenti difficoltà: perché l’edilizia ha anche un ruolo sociale, fondamentale per la collettività, che non faremo venir meno in questa situazione di difficoltà. – Aggiunge Lombardi – L’organizzazione del cantiere, e questo ben dovrebbe saperlo chi quotidianamente vi opera e lavora, consente di conciliare il rispetto delle disposizioni stabilite nell’ultimo Dpcm con la prosecuzione dei lavori. Le sole difficoltà sono legate al reperimento dei dispositivi di protezione individuale, per cui abbiamo chiesto un supporto concreto al Governo, e ai servizi di trasporto, vitto e alloggio agli operai in trasferta. In tali contesti, abbiamo dato specifiche indicazioni alle imprese associate, invitandole a sospendere qualsiasi forma di trasporto collettivo e di assembramento, anche momentaneo, della forza lavoro.

Abbiamo altresì fornito indicazioni tecnico-operative per mantenere le distanze tra gli operai durante tutte le fasi di lavorazione. – aggiunge ancora Lombardi – Chiedere la sospensione di un intero settore, equivale ad ammettere una oggettiva incapacità ad autoregolamentarsi e a rispettare gli obblighi imposti dal Dpcm che, oggi, non ha ragione di esistere e non trova riscontro alcuno nel comparto. La norma indica precise condizioni di sicurezza, che possono e devono essere rispettate col massimo rigore. Se non si è in grado o non si è capaci di farlo, è improponibile immaginare provvedimenti di sospensione che paralizzerebbero il settore e il Paese tutto.

Oggi l’edilizia può e deve fare la sua parte perché si superi al più presto questo momento di difficoltà; e può e deve farlo garantendo le massime condizioni di sicurezza per tutti i propri operai. – conclude il Presidente di FederCepi Costruzioni Antonio LombardiAl Governo, FederCepi Costruzioni chiede ben altre forme di sostegno, nella piena consapevolezza che questo sforzo e questo sacrificio, s’impone ad un settore già duramente provato dalla crisi. Occorre quindi garantire con priorità la fornitura alle imprese dei dispositivi di sicurezza individuale per gli operai; estendere gli ammortizzatori sociali all’intero settore, senza limitazione alcuna; attuare ogni provvedimento che garantisca liquidità alle aziende; sospendere tutti gli adempimenti fiscali, tributari, previdenziali e assistenziali».

Roma, 14 marzo 2020

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente