Ritorna in presenza la redazione di Diversamente Liberi all’ICATT di Eboli

A un anno di interruzione forzata la redazione di “Diversamente liberi”, ritorna in presenza all’IC.A.T.T. di Eboli. 

Da sabato 12 giugno, i redattori esterni del mensile di informazione sociale edito da “Mi girano le ruote” e diretto da Vitina Maioriello, hanno nuovamente varcato la soglia del carcere eburino.

ICATT-Redaziobe-Diversame

Redazione-Diversamente Liberi- ICATT-Eboli

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – Dopo oltre un anno di stop forzato, a causa dell’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19, la redazione di “Diversamente Liberi”, che ha sede all’interno delle mura dell’I.C.A.T.T. di Eboli, riparte in presenza. Da sabato 12 giugno, i redattori esterni del mensile di informazione sociale edito da “Mi girano le ruote” e diretto da Vitina Maioriello, hanno nuovamente varcato la soglia del carcere eburino. Non accadeva dall’inizio di marzo dello scorso anno. Una grande emozione per i componenti esterni che finalmente hanno potuto incontrare dal vivo i redattori “diversamente liberi” dell’istituto a custodia attenuata per il trattamento delle tossicodipendenze.

I ragazzi della redazione, nonostante il lockdown e le circostanze inaspettate e difficili dell’ultimo anno, hanno proseguito l’attività giornalistica a distanza, scrivendo gli articoli e lavorando in smart-working grazie anche ad un collegamento settimanale via Skype con il Direttore Maioriello. Con costanza ed impegno la rivista è stata pubblicata regolarmente. Sessanta i numeri già usciti ad oggi e disponibili gratuitamente sull’edicola digitale del sito www.migiranoleruote.it.

«Un’emozione intensa quella provata dalla redazione che torna a riunirsi il sabato pomeriggio nell’aula pedagogica della struttura, che si riappropria dei suoi spazi fisici ed umani, dei suoi momenti di discussione sui temi da trattare e sui modi e i tempi per farlo. Un giornale che non si limita ad essere una raccolta di testi ma un progetto editoriale che acquisisce sempre più una sua identità – dichiara il Direttore Vitina Maioriello. – Un periodico giunto al suo sesto anno di pubblicazione e nel tempo sta cambiando pelle rompendo l’isolamento tra “interno” ed “esterno” per promuovere e favorire il dialogo fra detenuti e la società libera contaminando le idee “di fuori” e quelle “di dentro”. “Diversamente liberi” dallo scorso mese propone una bellissima novità – continua Maioriello – è diventato anche audio rivista, un giornale da ascoltare. Gli articoli dei ragazzi vengono caricati in podcast sulla piattaforma di Spotify e sono letti e registrati ad alta voce da loro, ogni autore legge il proprio articolo. Le pagine di “Diversamente liberi” vogliono fornire una libertà di ascolto senza limiti, una comunicazione sociale efficace, fruibile a tutti e di grande impatto emotivo. Ascoltare la voce dei redattori dell’I.C.A.T.T. che leggono i propri articoli suscita emozioni uniche, fa riscoprire la naturalezza del testo. Sono voci che raccontano in maniera inedita storie, notizie, idee su fatti analizzati da una diversa prospettiva e che vogliono essere un richiamo per la società esterna entrando nel cuore di chi ascolta, donando una parte di sé»

Eboli, 23 giugno 2021

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente