L’Associazione culturale “Eboli Nuova” si organizza

Eboli Nuova si da i suo assetto organizzativo: Pindozzi è il Presidente, Lemba é la sua vice, Bruno é il segretario, Lioi e Paraggio Consiglieri e Dangella Tesoriere.

Le prime iniziative di “Eboli Nuova”: Il 10 giugno a Roma per la mostra documentaria “Lux in arcana” ai Musei Capitolini; Il 21 giugno a Eboli, Scuola Media Romano, dibattito sul documentario “Il fallimento del sud”, del regista D’Ambrosio sulla “questione agraria”.

Vito Pindozzi

EBOLI – L’associazione di cittadinanza attiva, “eboli nuova”, dopo la fase costituente e l’avvio delle prime proposte culturali, consolida il suo assetto organizzativo e mette in cantiere nuove iniziative. Mentre si allarga la base partecipativa con nuove adesioni, i soci fondatori hanno creato un Consiglio Direttivo con funzioni di coordinamento delle attività, di rappresentanza nelle manifestazioni esterne ed esecuzione delle norme statutarie. Intanto, per dare concreta e visibile attuazione al principio della rappresentanza di genere, che in tanti altri luoghi che “contano” viene solo formalmente blandito, dell’organismo direttivo fanno parte due donne su cinque membri, e non solo con ruolo di bandiera.

Eboli-Nuova-Soci-Annamaria Lemba

Difatti l’organismo direttivo è così costituito: Vito Pindozzi Presidente, Annamaria Lemba Vice Presidente, Luciano Bruno Segretario, Roberta Paraggio Consigliere, Antonio Lioi consigliere. Infine, per dare massima trasparenza a tutte le operazioni dell’associazione, si è deciso anche di nominare il socio Pietro Dangella con funzione di tesoriere e controllo delle operazioni contabili.

Superata brillantemente la fase iniziale di “rodaggio”, siamo ora pronti ad ampliare la nostra sfera delle iniziative, non solo continuando a fornire “servizi culturali”, come stiamo già egregiamente facendo, ma anche dando opportunità di riflessione, di confronto e di partecipazione alle scelte che riguardano gli interventi sul territorio. In quest’ottica, nel mese di giugno sono previste due iniziative pubbliche e una serie d’incontri tematici interni sulle questioni dello sviluppo e la gestione delle risorse.

Il dieci giugno a Roma e il ventisei a Eboli si svolgeranno due iniziative caratterizzanti dell’associazione “eboli nuova”. La prima riguarda una visita guidata per visionare l’eccezionale mostra documentaria “Lux in arcana” (Musei Capitolini-Roma) e cogliere alcuni aspetti dei trascorsi storico-artistici della nostra capitale, che tutto il mondo ammira. Per chi ha avuto già opportunità di partecipare alle nostre iniziative, sa che non organizziamo “gite domenicali” giusto per offrire una giornata di svago (per questo ci sono apposite agenzie), ma momenti di arricchimento culturale, occasioni per ampliare orizzonti, approfondire conoscenze e, non ultimo, sviluppare sistemi relazionali e scambi di esperienze.

Eboli nuova Soci-De Lisio-Lioi-Bruno-Marsilia-Pietropinto

Insomma dare un contributo alla crescita culturale, umana e civile della nostra comunità, che rischia di inaridirsi e chiudersi sempre più entro schemi individualistici, smarrendo del tutto il già labile senso di comunità.  Il giorno 26 giugno, invece nell’aula magna dell’istituto comprensivo “G. Romano” si terrà un pubblico dibattito partendo dallo spunto offerto dal documentario del regista Andrea D’Ambrosio sulla “questione agraria” nel nostro territorio, che tanta importanza ha avuto e continua ad avere nell’assetto economico e sociale delle nostre zone. Alla proiezione del documentario di Andrea D’Ambrosio, dal titolo indicativo “Il fallimento del sud, seguiranno le riflessioni dell’autore e dello studioso Giuseppe Fresolone-socio fondatore di eboli nuova – che forniranno lo spunto di un dibattito che sarà condotto dal giornalista Antonio Manzo.

Analoga iniziativa è in allestimento prendendo spunto da un saggio di Vittorio Salemme, “I confinati politici in provincia di Salerno dopo la liberazione”, che ci offrirà l’opportunità di discutere sulla formazione delle classi dirigenti in provincia di Salerno e sulla selezione delle rappresentanze elettive. Stiamo ragionando sull’adesione alForum nazionale Salviamo il Paesaggio, Difendiamo il territorio che sta raccogliendo amplissimi consensi da numerosissimi organismi culturali nazionali. Anche a livello locale il primo embrione di comitato sta sviluppando le prime iniziative, per invitare a una riflessione su questioni cruciali per la nostra economia e per una migliore qualità della vita.

Con queste iniziative, “eboli nuova” si propone di offrire alla città occasioni di arricchimento culturale, di riflessione critica sui temi essenziali dello sviluppo e attivare tutti i canali che garantiscano sempre maggiori livelli di partecipazione e di trasparenza nella gestione degli enti pubblici, a livello locale e nazionale. Oggi, come sempre, la democrazia diventa una parola vuota quando non crea le condizioni per una “vera” partecipazione dal basso, che non è certamente il consenso manipolato e condizionato con cui si esprime in gran parte oggi, ma libera e consapevole scelta maturata attraverso la conoscenza dei temi e il confronto delle opinioni. Questa è la nostra missione: costruire le condizioni per il pieno esercizio del diritto di cittadinanza.

…………………  …  ………………….

.

…………………  …  ………………….

Eboli, 13 Giugno 2012

9 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente