Nuovi tetti di spesa della Regione Campania per la Sanità accreditata

Mercoledì 18 settembre, ore 10.00, Centro Polidiagnostico “Check Up” in Viale De Luca a Salerno, conferenza stampa delle Associazioni di categoria per l’assistenza riabilitativa e socio-sanitaria.

Partecipano alla conferenza stampa: AIAS, AIOP Riabilitazione, ANFFAS, ANISAP, ANPRIC, ARIS, ASPAT, CONFAPI Sanità, CONFINDUSTRIA Sanità, FEDERLAB Riab, FOAI Campania. In pericolo 500 posti di lavoro.

.

SALERNO – Mercoledì 18 settembre, alle ore 10.00, presso la sede del Centro Polidiagnostico “Check Up”  in Viale Andrea De Luca (Zona Industriale) a Salerno, avrà luogo una conferenza stampa promossa dalle Associazioni di categoria per l’assistenza riabilitativa e socio-sanitaria.

All’incontro prenderanno parte Salvatore Parisi, Presidente dell’Anffas-Onlus Salerno e Coordinatore regionale Anffas Campania, Antonio Gambardella, Coordinatore regionale ASPAT (Associazione Sanità Privata Accreditata Territoriale) e Cosimo De Vita, Presidente regionale del FOAI (Federazione degli Organismi di Assistenza delle Persone Disabili).

Le Associazioni di categoria, ancora una volta, intendono sollecitare i politici locali, il management dell’ASL Salerno, le rappresentanze sindacali e soprattutto le associazioni dei cittadini per realizzare una forte alleanza a tutela del diritto alla salute, dei bisogni e delle aspettative espresse dal territorio salernitano.

Gli ultimi decreti Commissariali, se attuati dall’ASL Salerno, comporteranno una drastica riduzione di prestazioni riabilitative e assistenziali con grave ricaduta soprattutto sulla salute e qualità della vita degli anziani, dei bambini e degli adolescenti. L’azione commissariale, peraltro in contrasto con le raccomandazioni ministeriali e la stessa programmazione regionale, oltre a non garantire il diritto dei cittadini a fruire dei livelli essenziali assistenziali determinerà una crisi irreversibile di tutto il comparto.

Nella nostra provincia i familiari che vorranno assicurare l’assistenza ai propri  cari dovranno farsi carico di una spesa di oltre 2000 euro l’anno mentre i Presidi, i Centri di Riabilitazione e le Residenze sanitarie assistite dovranno mettere in mobilità o licenziare circa 500 operatori esperti e formati.

Le associazioni di categoria ritengono che l’alleanza tra tutti coloro che sono interessati a difendere la qualità della vita dei cittadini affetti da gravi disabilità e caratterizzati da un elevato fabbisogno di assistenza riabilitativa in continuità terapeutica possa incidere su decisioni miopi, forse efficaci nel breve tempo per le casse regionali, ma disastrose nel medio e lungo termine per la salute dei cittadini e l’efficienza delle stesso servizio sanitario regionale.

In considerazione dell’incremento delle tariffe e del taglio delle risorse i parametri recentemente individuati mettono a rischio l’erogazione delle prestazioni ai cittadini con disabilità, la continuità assistenziale, nonché il mantenimento dei livelli occupazionali delle strutture. Discorso a parte meritano i criteri dei pagamenti delle prestazioni erogate che la regione e l’ASL intendono adottare.

Salerno, 17 settembre 2013

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente