Il Sindaco di Fisciano Amabile attacca Caldoro: Cancella 123 miliardi per la terza corsia

La Giunta della Campania del Governatore Caldoro annulla il finanziamento di 123 milioni di € per la realizzazione del raccordo SA – AV.

Il sindaco Amabile in prima linea per la terza corsia attacca Caldoro e l’Assessore Romano Sindaco di Mercato S. Severino: “Il governo regionale è contro i territori. Non si può pensare che per pareggiare il bilancio si possano distruggere i servizi essenziali”.

raccordo_salerno_avellino.

raccordo_salerno_avellino.

da (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

FISCIANO – Il sindaco di Fisciano, Tommaso Amabile, è parso molto scettico in merito alle recenti esternazioni del Presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro. Il quale, ha annunciato pubblicamente, di aver individuato i fondi utili a sbloccare i lavori per la realizzazione della terza corsia sul raccordo Salerno – Avellino.

“Il presidente Caldoro – ha dichiarato Amabiledovrà spiegarci perché, solo ora, ha annunciato di aver trovato il finanziamento per realizzare il primo lotto dei lavori sulla realizzazione della terza corsia sul raccordo Salerno – Avellino. In precedenza, attraverso una delibera di giunta regionale era stato previsto il definanziamento di 123 milioni di euro disposti dal Cipe per quest’opera”.

Al proposito, la giunta guidata dal primo cittadino Amabile ha emesso, lo scorso 29 maggio, una delibera di contestazione, nella quale viene chiesta al Presidente Caldoro la revoca della deliberazione di giunta regionale n. 39 dello scorso 24 febbraio per la parte che riguarda l’ampliamento del raccordo SA – AV, tratto Mercato S. Severino – Fratte, relativo al primo lotto dell’intervento di ammodernamento di questo collegamento viario.

“Il governo regionale è contro i territori – chiosa AmabileIl raccordo che va da Mercato S. Severino a Fratte è attraversato da tutto il paese e dispiace che il sindaco di Mercato S. Severino, Giovanni Romano, sia nella giunta e non sia intervenuto. Questo suo disinteresse – insiste il primo cittadino di Fisciano – dovrebbe quanto meno indurlo a pensare di dimettersi dalla carica di assessore regionale all’ambiente che ricopre dal 2010. – Poi ancora: – La delibera di giunta regionale – continua Amabileè stata una scellerata scelta politica. Lungo il raccordo hanno perso la vita centinaia di persone. E’ una strada pericolosa. Non si può pensare che per pareggiare il bilancio si possano distruggere i servizi essenziali”.

Il riferimento di Amabile riguarda il dietrofront della Regione per la firma dell’APQ (Accordo di Programma Quadro), la cui sottoscrizione avrebbe comportato un eventuale impegno economico da parte dell’ente Regione. “Come vengono tutelati i territori? – si chiede in ultimo il sindaco di Fisciano – Cancellando gli ospedali o riducendo strutture come il Fucito a una larva, un cimitero?”. Amabile ha voluto anche sottolineare che, lungo il raccordo autostradale Salerno – Avellino, insistono importanti presidi culturali e commerciali, primo tra tutti, l’Università degli Studi di Salerno e che questo tratto di strada costituisce un imprescindibile collegamento tra il Nord e il Sud del Paese, collegando tra l’altro due capoluoghi di Provincia a densità demografica elevata.

Fisciano, 11 giugno 2014

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente