L’ASL Salerno informatizza le Unità Operative di Radiologia

Si va verso un notevole rispermio. L’ASL Salerno parte con l’informatizzazione delle Unità Operative di Radiologia.

Con l’informatizzazione si rende ai cittadini/utenti un miglioramento del servizio, oltre un notevole risparmio i costi di pellicole e radiografie. Il serviziocosterà circa 13 milioni di € per la durata contrattuale di 8 anni.

radiologia per immagini

radiologia per immagini

da (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – Il direttore generale Antonio Squillante – si legge in una nota che ci è pervenuta dal suo Ufficio Stampa – in data 27.01.2015 ha adottato la delibera n. 55 con la quale viene aggiudicata la procedura di gara per l’acquisizione del sistema RIS-PACS per le Unità Operative di Radiologia dell’ASL Salerno. L’acquisizione di tale tecnologia permetterà la completa informatizzazione delle Unità Operative di Radiologia in modo da ottenere sia un notevole miglioramento del servizio reso ai cittadini/utenti che un considerevole risparmio rispetto ai costi storici sostenuti con l’acquisto di materiale consumabile (pellicole radiografiche).

L’importo totale del servizio aggiudicato è pari a circa 13 milioni di euro considerata l’intera durata contrattuale (8 anni). La delibera adottata arriva al termine di un iter tecnico-amministrativo molto lungo sia per la complessità del progetto che per l’importanza dell’importo impegnato. L’ASL Salerno si è vista costretta a procedere in autonomia a tale acquisizione in quanto non erano disponibili ed attive convenzioni per tali sistemi nelle Stazioni di Acquisto Centralizzate (Nazionali e Ragionali).

Antonio Squillante

Antonio Squillante

Acquisendo tale tecnologia l’ASL Salerno si adegua a quanto previsto dal DGRC 128/2013 sulla dematerializzazione delle Pubbliche Amministrazioni che recepisce la normativa Nazionale vigente in materia, ed impone alle Pubbliche Amministrazioni di abbandonare i supporti cartacei del materiale sensibile passando ad una gestione completamente “paperless & filmless senza carta e senza pellicola.

Il direttore generale Antonio Squillante in merito ha dichiarato: “Il sistema che abbiamo acquisito permetterà la completa gestione degli esami diagnostici radiologici in maniera informatica senza più la necessità di ricorrere alla stampa su pellicola, quindi gli esami prodotti presso le Unità Operative di Radiologia una volta refertati verranno automaticamente smistati in formato digitale ai reparti richiedenti, con un notevole risparmio di risorse umane; inoltre ci consentirà grazie alla teleradiologia (diagnosi a distanza e teleconsulto) di gestire in modo più efficiente i medici radiologi riducendo il ricorso all’orario aggiuntivo.  In tempi di contenimento della spesa sanitaria questa Azienda procede senza sosta, nel processo di ammodernamento tecnologico e di miglioramento del servizio reso ai cittadini. La complessa procedura è stata portata a termine in tempi decisamente brevi per la Pubblica Amministrazione soprattutto grazie alla collaborazione della Funzione Provveditorato e  alla Commissione tecnica”.

Salerno, 3 febbraio 2015

1 commento su questo articoloLascia un commento
  1. io ero primario radiologo.La direzione decise l’attuazione dell’informatizzazione.Fattala,invece di prelevare dati on line,mi faceva pervenire richieste cartacee:La mia risposta è sempre stata: i dati che mi chiedete sono on line.Per un po’ si incazzarono poi la finirono di rompermi le sfere.Bene ,spero che non succeda anche a quella ASL di Salerno.
    Occhio dunque e buon lavoro

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente