Sindrome ovaio policistico: L’endocrinologo salernitano Orio ne parla a Canale5

A Mattino5 la nota trasmissione in onda su Canale 5 Mediaset, l’endocrinologo salernitano Franco Orio parla della sindrome dell’ovaio policistico.

Ospite ieri mattina 15 maggio 2015 della trasmissione condotta da Federica Panicucci il prof. Orio ha illustrato i rischi della patologia e le cure alternative alla tradizionale pillola. Tra queste la Dieta Mediterranea.

Francesco Orio-Federica Panicucci

Francesco Orio-Federica Panicucci

da (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – Ieri mattina, ospite di Federica Panicucci nello studio di “Mattino5“, la nota trasmissione televisiva in onda su Canale 5, è stato l’endocrinologo salernitano Francesco Orio.

Orio, che è Professore Associato di Endocrinologia presso il Dipartimento di Scienze Motorie e del Benessere, Università “Parthenope” Napoli e Responsabile Endocrinologia e Diabetologia SSD Tecniche di Fertilità presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria “S. Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona” di Salerno, è intervenuto su un tema molto diffuso  tra le donne: la sindrome dell’ovaio policistico.

“Si tratta di una patologia – ha spiegato il Prof. Francesco Orio a Canale 5 –  che riguarda gli ormoni e rappresenta la prima causa endocrina di Infertilità femminile, colpisce infatti circa il 20% delle donne in tutto il mondo ed anche in Italia. Il 90% delle donne colpite da questo disordine ormonale hanno l’irsutismo, che è la presenza di peli in eccesso nelle zone dove normalmente i peli non dovrebbero crescere come il volto, il seno, la pancia, le cosce, la schiena”.

Particolarmente interessante il passaggio del Prof. Orio sull’approccio alla problematica: “Esorto tutte  le donne rivolgersi in prima battuta all’endocrinologo, meglio se con competenze ginecologiche e poi eventualmente farsi affiancare dai colleghi ginecologi. Non si può fare una diagnosi di Sindrome dell’Ovaio Policistico senza aver praticato almeno una volta nella vita (a prescindere dall’ecografia alle ovaia) il dosaggio ormonale”.

Alla domanda della Panicucci sulla possibilità di terapie e rimedi alternativi l’endocrinologo salernitano oltre a suggerire integratori a base di Inositolo, che in alcuni casi riesce a sortire ottimi risultati senza danneggiare in modo tossico l’organismo, una dieta equilibrata, l’attività fisica aerobica, ha indicato la Dieta mediterranea: “Il mio gruppo di studio è stato il primo ad aver ipotizzato e da studi tuttora in corso stiamo dimostrando come la dieta mediterranea che si associa ad una ridotta obesità addominale, migliora l’insulino-resistenza, anche nelle ragazze giovani e nelle magre, con il grande vantaggio di evitare terapie ormonali talvolta potenzialmente dannose ed inutili”.

Salerno, 166 maggio 2015

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente