"Sandokan" tag

Battipaglia: Corteo contro l’Impianto di Compostaggio

BATTIPAGLIA – Domani 22 settembre, ore 19,00 da piazza Amendola parte il Corteo del Comitato “Non vogliamo il sito di compostaggio a Battipaglia”. Tante le adesioni.

E ricomincia la protesta. Una storia lunga di Business, mennezza e morti per cancro, che parte dal pentito di Camorra Schiavone e arriva ai giorni nostri passando da Rastelli, Bassolino, Caldoro, De Luca e Bonavitacola. Una politica cieca e sorda, arrogante e sprezzante che non ascolta e non si ferma davanti a niente e nessuno. Adesioni al Corteo della Sindaca Francese e di vari esponenti politici anche di opposizione.

Battipaglia premia Associazioni e Imprenditori per la Cena solidale di Natale

BATTIPAGLIA – Cena solidale: della vigilia di Natale: premiate le associazioni e gli imprenditori al Comune.
La Sindaca di Battipaglia Francese a nome dell’amministrazione e della Cittá, ha ringraziato gli imprenditori che in maniera volontaria e gratuita hanno reso possibile l’evento della cena solidale tenutosi presso listituto E. De Amicis la sera del 24 dicembre.

Incontro Pubblico a Montecorvino Rovella: Processo Chernobyl e alle discariche

MONTECORVINO ROVELLA – Venerdì, 24 gennaio 2014, ore 18.30, Auditorium “Don Gerardo Senatore, Montecorvino Rovella, Incontro pubblico: Processo Chernobyl.
Organizzato da Rete Ambiente di Salerno e l’Associazione Ricostruiamo Montecorvino. Un Focus sulle discariche vere e proprie bombe ecologiche per nulla meno pericolose di Chernobil e della ormai tristemente famosa “Terra dei Fuochi”.

Così parlò Schiavone: Desecretati i verbali dell’interrogatorio del 1997

NAPOLI – Camorra & Rifiuti. “Moriranno tutti di cancro”: Così parlò il pentito Schiavone nel ’97 nel corso di un’audizione della Commissione Parlamentare d’Inchiesta sui rifiuti speciali.
Il business dei rifiuti garantiva al clan circa 7-10 milioni di lire l’ettaro. Un utile per “l’Industria” della camorra, pari a circa 600-700 milioni di lire al mese. 2,5 miliari al mese servivano per il mensile agli affiliati, per i latitanti e il costo degli avvocati.

Vecchio propone un “Marchio DOC” per i prodotti agricoli della Piana

EBOLI – Discariche abusive hanno smaltito rifiuti speciali provenienti dall’Italia e forse dall’estero; si teme la contaminazione anche delle eco-balle. E’ necessario intraprendere un’azione per ottenere la certificazione di qualità dei terreni e dei prodotti.
La proposta di Vecchio: Un Marchio DOC per difendere i nostri prodotti agricoli di eccellenza.

Cosentino affossa la Ferrazzano e la Carfagna dichiara guerra alla Camorra e affossa Cosentino

SALERNO – La Carfagna potrebbe accettare la sfida di Napoli ma: “in campo se Cosentino va via”. Il Ministro ha deciso di tirare il conto. Cosentino ha le ore contate, la Ferrazzano un percorso “sbarrato”.
E in atto uno scontro: frontale Cirielli-Carfagna; indiretto Cirielli-De Luca; di operosità politica per De Luca, di proclami per Cirielli, e la Ferrazzano sempre più controfigura.

Il diktat del Prefetto: via l’impresa dei Casalesi

GLI AFFARI DELLA CAMORRA
Dopo le indagini della Dia nuovo stop alla ditta che aveva vinto una gara con il ribasso del 50%
Meoli notifica l’interdittiva antimafia ad Aliberti. Campania Appalti, rescisso ogni rapporto.

di ANTONIO MANZO
SCAFATI – «Campania Appalti» non rifarà via Poggiomarino a prezzi stracciati. Salta l’appalto con lo sconto da fine stagione. Scatta l’interdittiva antimafia. Come per i lavori di costruzione delle strade ma tutt’intorno al futuro termovalorizzatore di Cupa Siglia a Salerno dove alla «Campania Appalti» erano stati assegnati i lavori finiti poi nel mirino dell’Antimafia.

Il diktat del Prefetto: via l'impresa dei Casalesi

GLI AFFARI DELLA CAMORRA
Dopo le indagini della Dia nuovo stop alla ditta che aveva vinto una gara con il ribasso del 50%
Meoli notifica l’interdittiva antimafia ad Aliberti. Campania Appalti, rescisso ogni rapporto.

di ANTONIO MANZO
SCAFATI – «Campania Appalti» non rifarà via Poggiomarino a prezzi stracciati. Salta l’appalto con lo sconto da fine stagione. Scatta l’interdittiva antimafia. Come per i lavori di costruzione delle strade ma tutt’intorno al futuro termovalorizzatore di Cupa Siglia a Salerno dove alla «Campania Appalti» erano stati assegnati i lavori finiti poi nel mirino dell’Antimafia.

Clan e appalti, i Casalesi non mollano l’Agro

2^ PUNTATA GLI AFFARI DELLA CAMORRA
Scatta la verifica del prefetto sulla gara aggiudicata alla «Campania Appalti» con il ribasso del 50%
Scafati, gli uffici comunali bloccano l’offerta anomala della ditta senza antimafia.

Di ANTONIO MANZO
SCAFATI. È come se la geografia dell’attualità avesse Concertato uno strano scherzo con la storia. Percorri Via Poggiomarino, la strada che avrebbero dovuto rifare, a prezzi stracciati, gli imprenditori di «Campania Appalti» ritenuti contigui al clan dei Casalesi, e in fondo a destra trovi l’indicazione per via Nuova San Marzano dove un tempo viveva Pasquale Galasso, il boss pentito ma ancora ricchissimo. «Campania Appalti», l’impresa che una informativa della Dia di Salerno cataloga tra quelle contigue ai Casalesi.

Clan e appalti, i prezzi stracciati dei Casalesi

Questo blog, vuole proporre alcuni articoli di Antonio Manzo de “il Mattino”, che si ritiene fondamentali per la lotta contro la Camorra. Articoli su alcune indagini della DIA di Salerno che riguardano appalti a ditte ritenute contigue al clan dei Casalesi. La riproposizione vuole essere di stimolo affinché gli Amministratori e i Sindaci non si sentano soli nell’affrontare e fronteggiare il fenomeno camorristico che spesso si cela negli appalti. Sottolineare l’impegno delle forze dell’ordine, delle istituzioni e della stampa che spesso anticipa con le sue inchieste le indagini, non è mai troppo, e non è mai troppo stare accanto a chi rischia quotidianamente la vita per debellare tutte le camorre.

Da “Il Mattino” del 3 giugno 2009

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente