Battipaglia e Miasmi: Esposto in Procura di Legambiente

Miasmi a Battipaglia: Esposto in Procura, condiviso anche dal presidio di Libera, del Circolo “Vento in Faccia” di Legambiente.

L’esposto è l’ennesimo tentativo di dirigere l’attenzione su un territorio che subisce da decenni una colate di ogni specie di rifiuti, con discarica autorizzate, dismesse e non bonificate, microdiscariche, Stir, aziende zootecniche, cave che hanno snaturato l’ambiente e ogni “disattenzione” delle Istituzioni.

Mario Bove-Legambiente

Mario Bove-Legambiente

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

BATTIPAGLIA – Il Circolo Legambiente “Vento in Faccia” Battipaglia-Bellizzi ha depositato un esposto presso la Procura della Repubblica di Salerno in merito al fenomeno dei cattivi odori provenienti dalla zona industriale.

L’esposto è stato curato dall’Avv. Ferdinando Belmonte, e sottolinea l’estremo disagio e il continuo peggioramento della qualità della vita dei cittadini dei quartieri Sant’Anna e Taverna che vengono funestati soprattutto di notte, da esalazioni maleodoranti sulle cui origini le autorità vengono chiamate ad indagare. L’azione del Circolo “Vento in Faccia” di Legambiente Battipaglia-Belizzi, è sostenuta anche dal locale presidio di Libera, formalmente non presente nell’atto ma pienamente accanto a Legambiente in questa vicenda.

Nei giorni precedenti si sono succedute numerose iniziative del Circolo ha spiegato il direttore Mario Bove, – controlli dei nostri volontari, confronti continui con gli assessori competenti, i carabinieri e i cittadini. Tutto il territorio si sta mobilitando fra comitati spontanei e atti della giunta comunale, testimoniando  ha proseguito – che l’esasperazione sta smuovendo gli animi. C’è bisogno però” ha concluso “di chiarezza sul fatto. Non si possono indicare dei responsabili un giorno, far retromarcia quello seguente e agitare soluzioni drastiche ma inconcludenti”.

Spazio anche per i sospetti nelle parole del direttore che confessa “Abbiamo interpellato la Procura perché nutriamo il timore che qualcuno approfitti dell’olezzo per nascondere sversamenti fuorilegge”. “Annunciati i controlli la situazione è migliorata per alcune notti – ha proseguito, – per poi tornare come prima una volta cessata l’azione delle forze dell’ordine”.

L’esposto è solo l’ennesimo tentativo di dirigere l’attenzione su un territorio che subisce da decenni una pressione negativa soprattutto nelle zone periferiche. La discarica in località Castelluccio, chiusa e mai sottoposta ad una completa azione di bonifica, le cave che hanno divorato oltre ogni decenza le colline producendo una importanti quantità di polveri, lo Stir che serve numerosi comuni della provincia, le aziende che si occupano della lavorazione dei rifiuti, le numerose microdiscariche presenti nelle vie di uscita dal territorio, gli illeciti smaltimenti del comparto zootecnico e agricolo, il consumo di suolo e la cementificazione, il traffico, le preoccupazioni legate all’alta tensione in prossimità delle abitazioni, rendono Battipaglia un centro esposto a numerose aggressioni ambientali.

Battipaglia, 16 agosto 2017

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente