Salerno: Cinque giorni insieme ai malati di Alzheimer e Parkinson

A Salerno cinque giornate insieme ai malati di Alzheimer e Parkinson per non restare soli.

Cinque mercoledì per non restare soli. E il progetto promosso dalla associazione Moto Perpetuo onlus di Salerno dedicato ai malati di Alzheimer e Parkinson per favorire la socializzazione e ridurre l’isolamento.

IMG_20170926_005759

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – A Partire da mercoledì 27 settembre 2017 ,ogni mercoledì del mese fino a gennaio 2018, Moto Perpetuo accompagnerà i suoi utenti alla scoperta delle bellezze di Salerno con una guida turistica esperta. Il progetto è sostenuto da Sodalis CSV Salerno, nellambito del Bando di idee 2016.

Cinque i luoghi di Salerno da scoprire e riscoprire della città di Salerno, la villa comunale di Salerno, il Parco del Mercatello, con visita guidata da un esperto botanico, il Centro Storico di Salerno e Museo Roberto Papi, Pinacoteca provinciale di Salerno e Museo Diocesano di Salerno.

Dottor Mauro

Dottor Alfonso Mauro

Ogni passeggiata avrà una durata di 60 minuti ed avrà inizio alle ore 16.00. A conclusione delle attività ci sarà un momento di socializzazione e confronto tra i partecipanti. Il ciclo di incontri è stato pensato per conoscersi e interfacciarsi con i malati e i loro caregiver. Questo per condividere problemi, difficoltà momenti di sconforto.

I pomeriggi sono legati intorno alla cultura, arte, storia e natura. Vogliamo sviluppare un approccio positivo commenta Alfonso Mauro, presidente dell’associazione legato al buon vivere dei malati e delle loro famiglie. Affinché la malattia non sia un percorso doloroso verso la fine della vita, ma un momento anche di conoscenza, comprensione delle problematiche dell’altro.

L’associazione di volontariato Moto Perpetuo è nata oltre dieci anni fa a Salerno con l’obiettivo di aiutare le persone affette da malattie neurodegenerative e i loro familiari. Negli anni tutti i volontari hanno sentito spesso dalle persone che hanno aiutato: Vorrei non restare solo. “Sul territorio salernitano continuano ad essere insufficienti gli interventi di sostegno all’autonomia e alla socialità delle fasce deboli di persone non autosufficienti, in modo particolare di chi si soffre di patologie neurodegenerative, le quali ricevono solo cure medicinali e sanitarie con pochissimo supporto sociale e psicologico.

Vorrei non restare solo ha come obiettivo la promozione e la diffusione del tema delle malattie neurodegenerative, attraverso attività che permettono di avvicinarsi al malato e ai suoi familiari che ne migliorino la qualità di vita“.

Per tutti gli incontri c’è bisogno di prenotazione contattando la segreteria dell’associazione al numero 333.4803481

Salerno, 27 settembre 2017

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente