Mostra pittorica di Felice Tafuri al Tempio di Pomona

L’esposizione fino al 24 marzo – Orario di apertura al pubblico 10,00/13,00 – 17,00/21,00.

Periodo: 06/03/2010 –  24/03/2010

Felice Tafuri – Lettura

SALERNO – Sono circa 60 le opere esposte di Felice Tafuri che ha iniziato a dipingere da quando era adolescente seguendo l’esempio dello zio Clemente Tafuri.

Felice Tafuri è un figurativo, un ritrattista che ama interpretare l’anima dei personaggi raffigurati. Nei suoi paesaggi è sempre presente una figura che si integra in modo originale nell’atmosfera dell’ambiente. Nella scelta dei colori l’artista salernitano cerca un’espressione autentica, inedita che si colloca tra l’impressionismo francese e il romanticismo italiano. Con colori chiari e non terrosi, Felice Tafuri riesce comunque a mantenere il volume: nei suoi dipinti i corpi sono avvolti dalla luce ma non perdono di intensità.

Proprio la luce è l’interprete principale della sua pittura con le ombre che si illuminano senza pregiudicare la corposità dell’immagine. Felice Tafuri ha sempre vissuto a Salerno ma nel 1959 (appena ventenne) raggiunse a Genova lo zio Clemente Tafuri con il quale mise alla prova il suo estro e perfezionò la tecnica pittorica fino al 1971 restando al fianco del maestro negli ultimi giorni della sua vita.

Dopo le esposizioni di Milano, Taranto, Napoli, Potenza e Montecatini è la prima volta che Felice Tafuri allestisce una personale a Salerno, sua città natale. Alla mostra presso il Tempio di Pomona sarà anche distribuita una pubblicazione con le recensioni di critici d’arte sulla pittura dell’artista salernitano.

Orari: 10-13 e 17-21, tutti i giorni (anche festivi)
Ingresso gratuito


1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente