Due nuove lontre al Museo Naturalistico di Corleto Monforte (SA)

Si tratta di lontre vissute nel territorio del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano

Le due Lontre

CORLETO MONFORTE – Sa – C’è un’importante novità che riguarda il Museo Naturalistico di Corleto Monforte. Divenuto nei mesi scorsi museo del parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano.

La novità è rappresentata dalla presenza di due nuove lontre imbalsamate, che sono state investite ed uccise accidentalmente nei mesi scorsi, nei pressi del fiume Alento, recuperate, analizzate e in seguito messe in esposizione presso l’importante struttura corletana. L’ente parco ha anche avviato un piccola inchiesta per capire come siano accaduti i due incidenti nei quali sono rimasti uccisi i due esemplari.

Ad ogni modo il parco ha recuperato le carcasse, e successivamente le ha portate all’Istituto di Veterinaria universitaria di Termoli dove, dalle analisi anatopatologiche, si è avuta la conferma che le due lontre, un maschio e una femmina, sono morte perché investite, e non perché avessero delle malattie. Inoltre dai crani delle due bestiole sono stati prelevati due denti per risalire all’età: infatti dallo studio di due denti, un canino ed un premolare, si può capire l’età dell’animale. Nel caso delle due lontre, la femmina è un esemplare adulto, mentre il maschio è piuttosto anziano. L’età esatta, comunque, si conoscerà tra qualche mese.

Da un ulteriore studio sulle ragioni che avrebbero portato i due esemplari sul luogo dell’incidente, è stato evidenziato che sotto i ponti ci sono delle briglie che impediscono alle lontre di seguire il corso del fiume, e le costringono ad oltrepassarli, con il rischio di essere investire dalle auto in transito. Ultimate le indagini, i due esemplari sono stati portati presso il Museo di Corleto Monforte, dove è stato allestito un piccolo diorama ed è stato ricostruito l’habitat delle lontre, poste in atteggiamento naturale.

Si tratta di una presenza significativa per Corleto Monforte e per l’intero territorio alburnino, che conferisce ulteriore importanza alla struttura. “Finora presso il museo era esposta una lontra non autoctona, proveniente da una collezione spagnola – afferma il direttore Scientifico  Camillo PignataroI due esemplari sono i primi ad essere stati ritrovati nel territorio del parco”. È la conferma che la lontra vive davvero in questa zona, contrariamente a quanto qualcuno ha in passato affermato.

“La lontra vive davvero nel parco – conferma Pignataro – io stesso ho avuto modo di vederne le tracce. Speriamo solo che si risolva il problema dell’attraversamento delle strade, magari aprendo dei fori sotto i ponti per non costringere le lontre ad attraversare le strade di circolazione automobilistica li e a rischiare di essere investite”.

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente