Eboli: Presentazione della “Giornata della Memoria”

Commemorazione a Eboli della “Giornata della Memoria” 2019, decine di appuntamenti con Comuni, Musei, scuole, testimonianze. 

Una decina di appuntamenti per riflettere su persecuzioni, sopraffazione e violenze del Novecento. In campo Comuni, Istituzioni, studiosi e scuole. Eboli e Campagna si preparano alla celebrazione del Giorno della memoria, che sarà scandito attraverso un periodo di circa tre mesi e con una serie di appuntamenti di riflessione.

PRSENTAZIONE SHOAH

PRSENTAZIONE SHOAH

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – Gli eventi sono stati presentati questa mattina nell’aula consiliare di Eboli dal sindaco, Massimo Cariello, insieme con il vicesindaco di Campagna, Maria Santoro, i responsabili del Museo Palatucci di Campagna e del museo MOA di Eboli, Marcello Naimoli Giuseppe Fresolone, e Noemi Manna. La collaborazione tra MOA e Museo Palatucci è stata sottolineata da Giuseppe Fresolone: «Per il quarto anno siamo fianco a fianco in questa occasione, questo ci consente di alzare l’asticella ed arricchire il dibattito».

Presso i due musei sono previsti appuntamenti di grande richiamo, come ha annunciato il direttore del Museo PalatucciMarcello Naimoli«Avremo studiosi, testimonianze e coinvolgeremo scuole ed associazioni». Molto attesa la presenza, presso il MOA, di Lorenza Mazzetti e della sua testimonianza. «Sarà un appuntamento suggestivo e significativoha detto Noemi Manna, curatrice dell’evento e membro di Mo’Art . Abbiamo scandito gli eventi sia per le scuole, sia per il pubblico, garantendo a tutti momenti di riflessione».

In campo saranno anche i Comuni di Eboli e Campagna, le cui amministrazioni comunali da anni collaborano su questa iniziativa. «La collaborazione tra i nostri Comuni contribuisce alla crescita anno dopo anno di questo appuntamento ha spiegato il vicesindaco di Campagna, Maria Santoro -. Campagna è un luogo simbolo e conosciamo l’importanza della memoria per disegnare il futuro». Sul valore delle testimonianze si è soffermata l’assessore Anna Senatore: «Le testimonianze che avremo sono un bene prezioso, perché ci avvicinano al vissuto delle vittime».

Allarga l’orizzonte il sindaco di Eboli, Massimo Cariello«Questo appuntamento indica una strada culturale e garantisce attenzione e presenze al nostro territorio. E’ anche esempio di una rete fondamentale per garantire studio e riflessione, perché coinvolge Comuni, Istituzioni e studenti. La conoscenza dei drammi che ha vissuto l’umanità è fondamentale per combattere le tante shoah ancora presenti nel mondo e che possono essere contrastate solo con la sensibilizzazione diffusa».

Eboli, 23 gennaio 2019

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente