Pagani: Versione #iorestoacasa della XIII Festa della Madonna delle Galline

17 / 26 aprile 2020, “Istantanee dalla Festa” in versione #iorestoacasa della Madonna delle Galline di Pagani. 

L’iniziativa “Istantanee dalla Festa” è dell’associazione culturale “Ambress’…Am..press” che presenta i festeggiamenti religiosi e civili in onore della tredicesima edizione della Madonna delle Galline con una serie di collegamenti. Pagani parteciperà virtualmente abbellendo i propri balconi con le coperte più belle, canterà ballerà e pubblicherà gli scatti su Facebook e Instagram. 

Istantanee_2020_festa_madonna_delle_galline

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

PAGANI – L’associazione culturale Ambress’…Am..press presenta le attività della tredicesima edizione di “Istantanee dalla Festa“, che si svolgerà dal 17 al 26 aprile 2020, nella versione #iorestoacasa

A causa dell’emergenza Covid-19, è inevitabile che quest’anno non avranno luogo i festeggiamenti religiosi e civili in onore della “Madonna delle Galline”, almeno nelle forme, nei modi e nei tempi per tutti consueti.

Ciò nonostante e forse a maggior ragione, riteniamo doveroso riproporre, adattandole, le nostre attività. 

Ed, anzi, la sfida di quest’anno è di stimolare la cittadinanza – che ad onor del vero ha già le idee chiare – in attesa di quanto sarà deciso dall’Arciconfraternita della Madonna delle Galline, a dar luogo comunque ai festeggiamenti, attraverso una forma più intima e privata

Prestando fede alla nostra mission, ci proponiamo di documentare il momento storico, il tempo sospeso, unico ed irripetibile nella sua drammaticità, oltre ad offrire momenti di svago e cultura legati alla Festa.

dwlle_Galline_Evento_FB_Pagani

A tal proposito facciamo nostra una considerazione che ci ha offerto l’amica Katia Ballacchino, Professore Associato di Antropologia Culturale, presso l’Università degli studi di Salerno. 

Ma il tempo della festa è notoriamente anche e soprattutto un tempo sociale, di gioia condivisa, intimo e pubblico allo stesso tempo e ogni devoto o partecipante alla festa della Madonna delle Galline dovrà trovare il modo per reinventare la dimensione del ballo e della musica esclusivamente all’interno del suo spazio domestico, o nel suo cortile, davanti alla sua personale immagine della Madonna. Le interpretazioni antropologiche più note del “tempo festivo” ne sottolineano la dimensione ludica, separata dal tempo quotidiano di fatica e lavoro, ma in diverse ricerche sulle feste e sui patrimoni culturali immateriali che popolano il nostro paese ho registrato anche un tempo festivo vissuto, in molti casi, come “tempo totalizzante” che tesse rapporti sociali, emozionali, economici e politici durante tutto l’anno, che reinventa dinamiche relazionali, rafforza sentimenti, produce conflittualità o conciliazioni, supporta azioni di potere, attiva processi di costantemente rinnovata significazione del quotidiano e genera “comunità di pratica” connesse alla comune “passione” per la festa. Come immagino possa accadere anche a Pagani in relazione alla festa, che diventa solo il momento apicale di un anno di attesa, coinvolgimento e partecipazione.

Ecco, una comunità di pratica che oggi dovrà reinventare a Pagani il suo nuovo tempo festivo, senza la possibilità della condivisione fisica del cerimoniale pubblico, e che probabilmente potrebbe far mutare il rito stesso in futuro. Chissà che con l’aiuto delle nuove tecnologie e del mondo virtuale – che mai come in questo periodo assume la funzione, non più solo simbolica, di finestra sul mondo – non si troveranno spazi domestici musicali e di ballo alternativi da condividere in qualche modo, per superare almeno virtualmente il distanziamento sociale che, forse, anche lo stesso straordinario artista paganese Franco Tiano avrebbe inventato oggi pur di celebrare a dovere la sua Madonna delle Galline ai tempi della pandemia globale, quando non ci si può guardare negli occhi né toccarsi per suonare e ballare assieme come mirabilmente sapeva fare lui e la sua gente, nel suo ricordo

dwlle_Galline_Evento_Instagram_Pagani

Per quanto attiene al programma della manifestazione, è prevista l’edizione #Iorestoacasa del concorso fotografico “Istantanee dalla Festa”. 

Il concorso, gratuito, prevede un’unica categoria, includendo Over ed Under14; inizia alle 18.00 di venerdì 17 aprile, consueto momento del rito dell’apertura del Santuario fino all’alba di lunedì 20 aprile – quando sarebbe avvenuta la deposizione delle tammorre. L’associazione invita tutti, amatori e professionisti a fotografare il tempo della Festa e le sue nuove ritualità.

Per partecipare basterà pubblicare le proprie foto su Facebook o Instagram con i due hashtag:  #istantaneedallafesta #iorestoacasa

Parallelamente al concorso, torna anche la mostra fotografica “Istantanee dalla Festa”, da venerdì 17 a domenica 26 aprile. Le foto del concorso 2019 non saranno esposte, come giusto che sia, a Palazzo Pinto ma sul sito www.ambressampress.com, dove saranno pubblicate anche le instapics più significative del contest Instagram 2019.

Assieme all’emittente radiofonica Novea Radio del gruppo Radio Base, sulle frequenze FM 89.8 oppure sul sito www.novearadio.it, proveremo a ricreare momenti di condivisione, gioia e devozione attraverso il “Flash mov.”, una forma ulteriormente creativa del classico flash mob, ma soprattutto sicura per tener insieme la comunità paganese in un periodo di isolamento forzato.

Dalle ore 09,00 fino alle 20,00 di domenica 19 aprile, ad intervalli regolari di un’ora, dalle frequenze di Novea Radio partiranno i tipici canti “a fronna” e le “tammuriate” dedicati alla “Madonna delle Galline”.

Invitiamo tutta la città ad abbellire i propri balconi con le coperte più belle ed a cantare e ballare tutti insieme, come un unico coro, esattamente come avviene durante i festeggiamenti.

Sabato 18 e domenica 19 aprile saranno invece caratterizzati dalle proiezioni eccezionali di due nostre produzioni del 2018, realizzate in onore di Franco Tiano

Sabato 18, alle ore 21,00 sulla pagina Facebook dell’associazione culturale “Ambress’…am press” sarà proiettato in prima visione la piece “un Re Franco”, scritta da Alfonso Tramontano Guerritore ed Elvira Buonocore, realizzato dalla compagnia “il Grimaldello” per la regia di Antonio Grimaldi, con musiche originali del maestro Giulio Marazia, eseguite dalla Orchestra Filarmonica Campana”. 

Domenica 19 aprile, invece, sarà il documentario “L’Africano” della regista Laura Mandolesi Ferrini ad essere protagonista. Dalle 21 alle 23 il documentario sarà proiettato in prima visione sulla pagina Facebook dell’associazione

A partire dalle 09 fino alle 23 della stessa giornata, invece, il docufilm sarà disponibile gratuitamente sulla piattaforma Vimeo.com.

La manifestazione si concluderà, come di consueto, domenica 26 aprile, nell’ottava della festa, con la premiazione online del concorso fotografico.

Ulteriori dettagli saranno resi noti nel prosieguo. 

Pagani, 14 aprile 2020

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente