Cava dei Tirreni: Continuano gli assembramenti e gli ammonimenti

Continua a Cava de’ Tirreni il problema degli assembramenti nella movida post-quarantena.

Assessore Del Vecchio: Non sono bastate le raccomandazioni del sindaco Vincenzo Servalli che, più volte, ha chiesto prudenza ai cittadini, ricordando che non si è tornati alla normalità.

Giovanni Del Vecchio

di Paolo De Leo per POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

CAVA DEI TIRRENI – Continua a Cava de’ Tirreni il problema degli assembramenti nella movida post-quarantena. Non sono bastate le raccomandazioni del sindaco Vincenzo Servalli che, più volte, ha chiesto prudenza ai cittadini, ricordando che non si è tornati alla normalità.

Per far fronte alla situazione, l’amministrazione comunale ha deciso di chiudere alle 23 i distributori automatici, diventati la “fonte” di bevande per chi proprio non riesce a rinunciare a un drink.

Vincenzo Servalli

Un provvedimento resosi necessario per tenere a bada i tanti giovani che, nel secondo sabato di questa fase 2, continuano ad assembrarsi in alcuni angoli della città metelliana, come le scale del santuario francescano o l’area del parcheggio a ridosso della chiesa.

«Il primo weekend della seconda fase doveva essere quello della ripresa graduale delle attività produttive, la fase della prudenza e del senso di responsabilità… tutto questo non è accaduto e sono estremamente triste e rammaricato perché non si è data un immagine positiva della movida cavese», – ha dichiarato l’assessore alla sicurezza Giovanni Del Vecchio in un video pubblicato sui social – «Tutta la fiducia negli operatori è stata tradita e mortificata. – continua l’assessore- Alcune attività sul Borgo Grande di Cava de’ Tirreni non hanno rispettato la sospensione dell’attività di bar. Questo è assolutamente vergognoso, non tollerabile e irrispettoso da un punto di vista economico e morale per quelle attività che hanno rispettato le regole. Numerosi assembramenti sono stati registrati nelle vicinanze e all’interno dei locali, negli spazi aperti. Non abbiamo dato l’esempio che mi attendevo. Intensificheremo i controlli».

«L’emergenza da Covid-19 – sottolinea e conclude inoltre l’assessore – non ha piegato solo l’economia della nostra città, ma ha anche diminuito le casse del Comune. Abbiamo una carenza di risorse e di organico. Dobbiamo rispettare le attività che chiudono alle ore 23. Per questo abbiamo disposto allo stesso orario anche la chiusura degli american bar h24 che fornendo bevande e cibo attraverso distributori automatici rappresentano in questo momento la causa maggiore degli assembramenti».

Cava dei Tirreni, 26 maggio 2020

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente