Roccadaspide – Nulla osta al trasferimento di una unità infermieristica

 Auricchio intima: “Fatela ritornare subito”

E’ proprio senza fine la lotta che ogni giorno il sindaco di Roccadaspide, Girolamo Auricchio deve portare avanti a difesa dell’ospedale. I problemi, tuttavia, non vengono dal fronte politico, dal momento che, come noto, il Piano del commissario Giuseppe Zuccatelli, contrariamente a quanto avviene in ospedali quali Cava de’ Tirreni, Scafati, Pagani, Agropoli, Oliveto Citra, Eboli, a Roccadaspide non prevede alcun depotenziamento.

Il problema viene dall’interno della struttura ospedaliera, più volte lodata per l’equilibrio tra costi e ricavi, per l’efficienza del personale e per la qualità degli interventi realizzati. Ma a toglier il sonno al primo cittadino ora ci si mette anche il nulla osta firmato dal Direttore Sanitario, Adriano De Vita, al trasferimento di un’unità infermieristica dal nosocomio rocchese all’ospedale di Nocera Inferiore.

Per Auricchio si tratta di una decisione scellerata che mira a depotenziare la struttura e crea disagi agli altri infermieri. Il Sindaco ha prontamente inviato una missiva sia a De Vita che al Commissario dell’Asl Fernando De Angelis, con la quale invita il Direttore Sanitario a far rientrare immediatamente l’infermiere che ha lasciato Roccadaspide.

Già con un precedente lettera “la diffidavo dal rilasciare pareri favorevoli al trasferimento per mobilità di personale medico ed infermieristico stante la forte carenza di dette unità di lavoro nel P.O. di Roccadadaspide, ma debbo, purtroppo, amaramente constatare l’avvenuto trasferimento di alcune unità di detto personale proprio in seguito a pareri rilasciati dal suo ufficio, provocando l’indignata reazione dei medici e degli infermieri in servizio”.

Infatti la scelta di De Vita ha suscitato le ire di medici ed infermieri che, in una nota del 3 giugno, hanno testimoniato il forte disagio nel dover sopperire alla mancanza dell’infermiere che ha determinato un ulteriore aggravio alle nostre condizioni di lavoro”, facendo presente “di non essere nelle condizioni adatte per sopperire ai turni rimasti scoperti”.

Auricchio ha subito preso provvedimenti e se la situazione non si risistemerà, informerà l’autorità giudiziaria.

6 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. cosa aspettate, mandatelo a raccogliere le frogole a questo direttore sanitatrio, che fate vi tenete la serpa in casa,
    questi personaggi non sono costruttori sono distruttori, e quindi poichè si tratta di serpa bisogna schiacciargli la testa

  2. del mese che fine a fatto il mio commento al trasferimento dell’infermiera dall’ospedale di roccadasapide, non ti piace?

    • Per Elena 2 –
      Mi devi dare solo il tempo. Non sto sempre incollato ad un computer e poi dai contenuti di questo blog ti sembra possa essere d’accordo con quello?

  3. scusa del mese non avevo visto c he era in attesa di moderazione

  4. scusa ancora admin alcune volte si prendono abbagli,
    detto questo, rocchesi dite la vostra su questo argomento non nascondete la testa sotto sabbia per poi rialzarla quando poi ne avete bisogno

  5. de vita fa mobbing denunciatelo

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente