Parco didattico “Antiche Fornaci”: Tra bilanci e programmi futuri

Pubblico il primo rapporto 2019/2020 sul Progetto del Parco Didattico “Antiche Fornaci” nel Centro Storico di Eboli.

Antiche Fornaci e il suo Team, concessionaria per la gestione e la valorizzazione di complessi archeologici della città di Eboli, propone per l’anno 2020/2021 un programma ambizioso con visite multimediale e immersive, laboratori esperienziali, per mettere in rete tutte le attività turistiche, artigianali, commerciali e ricettive del centro antico. 

Antiche_Fornaci_Marisei_Cuozzo_Biondi_Di Cosmo

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – L’epidemia poi pandemia da Covid-19 e il lungo lockdown ha cambiato tutto, ha cambiato le nostre abitudini, il nostro modo di vivere, le modalità del lavoro, delle relazioni sociali, economiche e degli scambi commerciali, alculi hanno resistito, altri  (molti) sono capitolati, pochi hanno lavorato, assicurandoci i beni di prima necessità, altri ancora (molto pochi), sono quelli che invece si stanno organizzando per accaparrardi il grosso del bottino dei Miliardi stanziati ma ancora non disponibili e sempre di quella schiera fanno pressione affinché si accettano i 38 miliardi del Mes per il momento (senza condizioni) e il resto del paese è rimadto tra sussidi vari e piccole prebende tira a campare. 

Eboli_Antiche_Fornaci_Cinema_all’aperto

In questo chiaro di luna “spettrale” ci sono le piccole speranze e tra queste quella più imminente è che il turismo vada bene. Il Turismo da solo vale il 13% del PIL e se l’estate va bene, stranieri a parte, il Paese lo salva il mezzogiorno con tutte le sue coste e tutte le sue attrezzature turistiche. Poi se insieme riesce a partire, come è partito, anche il Turismo Archeologico che vale un altro 7% del PIL, allora ci siamo e arriveremo salvi giusto fino a quando non saranno disponibili i fondi europei. Ed è proprio pensando a questo settore che le “Antiche Fornaci”, traccia il suo futuro attraverso un progetto ambizioso ma possibile e già in parte realizzato con successo, fino al sopraggiungere del lockdown causato dalla Pandemia da Covid-19. Progetto che vuole, attraverso il patrimonio culturale artistico, archeologico e monumentale promuovere conoscenza e cultura.

Antiche fornaci Eboli

Antiche Fornaci Srl è un’Impresa sociale senza scopo di lucro ed è una Società concessionaria per la gestione e valorizzazione di complessi archeologici della città di Eboli, nata dall’accordo tra un team di professionisti che operano da molti anni nel campo dello sviluppo locale, della formazione e del marketing territoriale, e appunto si pone l’obiettivo di promuovere il patrimonio culturale e naturale di Eboli e dei comuni limitrofi con metodi tradizionali e nuove tecnologie, favorendone la fruizione attraverso forme e comportamenti ecocompatibili, la divulgazione e la didattica per tutte le età, il capitale umano cittadino espressione di operatori qualificati e con esperienza nel settore.

Biondi_Di Cosmo_Antiche Fornaci_Eboli

L’ambito di intervento della società è rappresentato dalle numerose eccellenze del comprensorio che costituiscono una grande opportunità socioeconomica che merita di essere adeguatamente promossa: basti pensare alla Riserva Naturale Foce Sele-Tanagro, al Parco Regionale dei Monti Picentini, al Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, ai Musei Archeologici Nazionali di Buccino e di Pontecagnano, al Parco archeologico e al Museo di Paestum, ai borghi con le loro architetture civili e religiose, al grande e complesso patrimonio storico, artistico, archeologico e naturalistico della città di Eboli, con elementi di assoluto rilievo quali il Museo Archeologico Nazionale della media valle del Sele, il MOA (Museum of Avalance), le aree archeologiche, le strutture ricettive esperienziali che formano una sorta di “albergo diffuso” nel centro antico, le botteghe artigianali, la ristorazione tipica e l’agricoltura.

Antiche Fornaci_parco didattico_Eboli

Nel luglio 2019 la società ha inaugurato il “Parco Didattico Antiche Fornaci – Casa Cultura”, che sorge in via S. Sofia 1, in Eboli, ai piedi del Castello Colonna, riqualificando un giardino privato di circa 3000mq con annesso rudere, con l’obiettivo di restituire alla collettività uno spazio di cultura e socialità, rendendone visibili le formidabili potenzialità, in un “posto del cuore” per gli ebolitani, difronte al santuario dei SS. Cosma e Damiano. L’investimento realizzato ha riguardato la completa ristrutturazione di un fabbricato di circa 60mq su due livelli, il ripristino dei viali e delle pavimentazioni esistenti, la realizzazione di circa 2500mq di prato e la messa a dimora di centinaia di piante, la realizzazione degli impianti idrici ed elettrici dell’intero parco e di due aree ombreggiate con teli microforati per circa 400mq. Il costo dell’investimento è stato interamente coperto con fondi propri della società ed un prestito bancario.

Fornaci romane_area Archeologica_Eboli

Il nome del parco prende spunto dalla vicina area archeologica detta “Le Fornaci”, bene dato in concessione alla società dal Comune di Eboli, a seguito di procedura ad evidenza pubblica, insieme con la Villa rustica romana in località ‘Fontanelle’: entrambi i beni sono stati ripuliti nel corso dell’estate del 2019 con i primi interventi di bonifica da erbe ed arbusti infestanti, essenzialmente per verificare lo stato delle strutture. Al primo intervento ne sono seguiti altri di semplice taglio, secondo un piano di manutenzione programmato per tempi e tipologia di intervento.

La correttezza scientifica dell’attività manutentiva nelle predette aree archeologiche è garantita dalla presenza nel comitato tecnico-scientifico della società di una professionista esperta del settore, la dottoressa Maria D’Andrea, archeologa, profonda conoscitrice dei siti in questione. Gli interventi di carattere agronomico sulla vegetazione sono messi in atto sotto la direzione del dottore forestale Michele Biondi, Presidente del C.d.A. della società, che è intervenuto nel corso della sua carriera analogamente in aree archeologiche italiane di grande pregio come Villa Adriana, Villa d’Este, Villa Farnesina, Ostia Antica e il complesso delle Terme di Baia.

Salvatore_Marisei_Domenico_Cuozzo_Antiche_Fornaci

Dopo la stipula di idonea polizza assicurativa, adempimento necessario per garantire una sicura fruizione degli ambienti da parte del pubblico e la tutela dei beni archeologici, è prevista quanto prima la loro apertura, compatibilmente con l’andamento dell’emergenza COVID-19, in orari e giorni prestabiliti, oltre che su prenotazione per piccoli gruppi, previa condivisione con le autorità competenti dei lavori di rifacimento di alcune staccionate e l’apposizione di cartellonistica informativa.

Inoltre, nonostante il rallentamento delle attività programmate, sempre a causa dell’emergenza COVID-19, in autunno partirà un secondo programma di investimenti per realizzare un sistema di visita multimediale dei citati beni; inizialmente previsto nel mese di Gennaio, l’investimento è finanziato con fondi della società e con un finanziamento dalla Regione Campania concesso a valere sul bando “Sistema produttivo della Cultura” e “Nuovi prodotti e servizi per il turismo culturale” fondi POR Campania FESR 2014-2020”.

Eboli_Antiche_Fornaci

I tempi di realizzazione dell’intervento sono stimati in circa 6 mesi e pertanto l’avvio del nuovo sistema di visita multimediale è programmato a partire dalla prossima primavera.

Nel dettaglio questo secondo programma di investimenti riguarda principalmente lo sviluppo di nuove tecnologie associate alla fruizione di siti di interesse culturale. Circa 50mila euro sono infatti destinati alla realizzazione di un sistema di visita immersiva nei luoghi con l’ausilio di Augmented Reality di tipo puntuale (icone/simboli e testi), lungo un percorso che prevede lo sviluppo di punti di interesse che abbracceranno tutte le principali bellezze locali. In lingua italiana e inglese, sarà offerta la possibilità di personalizzare i contenuti per i diversi target, bambini o adulti, con possibilità di pubblicare sino a 5 Itinerari e/o Narrazioni a tema. Fruibile con il proprio telefono cellulare, ai bambini e a quanti ne faranno richiesta saranno offerti dei tablet, mentre altri schermi presenti lungo il percorso consentiranno un maggior approfondimento e coinvolgimento.

Il sistema consentirà di mettere in rete tutte le attività turistiche, artigianali, commerciali e ricettive del centro antico, favorendone l’accessibilità e con possibilità di prenotazione dei servizi da loro offerti.

Eboli_Antiche_Fornaci

Accanto alle esperienze immersive, una ricca offerta di laboratori di archeologia sperimentale e percorsi didattici consentirà di riprodurre manualmente i manufatti del tempo. Si prevede infatti l’acquisto di 20 postazioni laboratoriali, posizionate all’interno del parco, in spazi dedicati, al cui servizio vi sono 9 torni elettrici da tavolo e regolazione giri a pedale, ognuna completa di quanto necessario all’esercitazione pratica (tornietta da tavolo, pinza per smaltare, setaccio, ciotola per colori, mirette in legno e acciaio in varie forme, stecca in legno, stecche in plastica per modellare, cavetto tagliargilla, rifinitore/cutter, coltellino manico in legno, sagome in legno e acciaio per tornire, spugna gialla, kit applicatore per smalti e filigrana, rullo in legno e mattarello).

Ai laboratori potranno partecipare fino a 40 ragazzi contemporaneamente, sotto supervisione costante di operatori qualificati, permettendo loro di mettere in pratica le nozioni apprese durante la visita guidata. 

A tal proposito è in corso di sviluppo la creazione di una rete tra le istituzioni scolastiche della città di Eboli (tre hanno già aderito coinvolgendo circa 2000 studenti) ed altri soggetti rilevanti nel settore della divulgazione storico-scientifica, per programmare le visite guidate a partire dalla prossima primavera (marzo 2021), mentre a giorni si procederà a formalizzare la collaborazione con la Cooperativa Argonauta, che gestisce il Paleovillage nella vicina Serre, leader in Campania con 16000 presenze nell’anno 2019, che coordinerà i laboratori didattici di archeologia sperimentale, arricchiti da ricostruzioni reali di siti preistorici ispirati ai calchi rinvenuti sulla collina di Montedoro, nonché nella vicina Pontecagnano e a Nola.

Eboli_Antiche_Fornaci_1

In questo quadro è stata di recente avviata una proficua collaborazione con la nuova dirigenza del Museo di Eboli, che consentirà di sviluppare nuove e inedite sinergie, in vista di un’ottimale fruizione di tutto il patrimonio archeologico e museale ebolitano.

A fronte degli sforzi profusi dalla società e dai soci, tutti professionisti impegnati quotidianamente nella propria attività lavorativa, il “Parco Didattico Antiche Fornaci – Casa Cultura” non sarà fruibile sino a Marzo 2021, per aver modo di realizzare l’ambizioso programma illustrato.

Fino ad allora la società continuerà a lavorare per giungere puntuale all’appuntamento della prossima primavera e consegnare alla città di Eboli, agli operatori turistici ed ai suoi cittadini una moderna infrastruttura culturale e sociale.

ANTICHE FORNACI S.R.L. IMPRESA SOCIALE

Società concessionaria per la gestione e valorizzazione di complessi archeologici della città di Eboli

Eboli, 31 agosto 2020

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente