Frana di Amalfi, la Cisl: Si salvi la stagione turistica

Frana di Amalfi, la Cisl: “Bisogna salvare la stagione turistica. Il rischio idrogeologico richiede programmazione”. 

Gerardo Ceres Cisl: “sul rischio idrogeologico di tutto il territorio della “Divina” serve programmazione. Basta lavori sporadici e che servono a poco. D’altronde il risultato è sotto gli occhi di tutti“.

GERARDO-CERES-CISL-SALERNO4

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

AMALFI – “Sulla frana di Amalfi bisogna intervenire presto per evitare che la prossima stagione estiva, che sarà già segnata dalla pandemia, possa avere l’ennesima frenata. Inoltre, sul rischio idrogeologico di tutto il territorio della “Divina” serve programmazione. Basta lavori sporadici e che servono a poco. D’altronde il risultato è sotto gli occhi di tutti“.

Così Gerardo Ceres, segretario generale della Cisl Salerno, interviene sulla frana che ha spaccato in due la Costiera amalfitana. “Adesso non è il momento delle polemiche. La magistratura accerterà, se ci sono le responsabilità. Agli Enti, invece, tocca il compito di garantire una viabilità sicura per i prossimi mesi. Il costone della Vagliendola è nevralgico per il territorio, perché unisce i due versanti della Costiera. Non possono essere ammessi ritardi nei lavori. C’è da salvare una stagione estiva, che sicuramente sarà segnata dalla pandemia – ha detto -. Come sindacato siamo pronti a fare la nostra parte. La Costiera amalfitana è patrimonio dell’umanità. Bisognerebbe ricordarselo”.

Amalfi, 3 febbraio 2021

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente