ISES ancora ISES: Lettera aperta del Presidente Gaeta all’On. Stumpo LeU

L’On. calabrese di LeU Stumpo interroga il Ministro Giorgetti sull’ISES di Eboli: Il Presidente Gaeta gli scrive una lettera aperta.

E la questione ISES ricompare nell’agenda politica dei veleni, e nella lettera aperta all’On. Stumpo il pres. Gaeta lo invita a visitare la Nuova ISES e affonda sull’On. Federico Conte con il suo conflitto di interesse come legale di una struttura di riabilitazione. 

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – Dopo mesi di silenzi inframmezzati da articoli di stampa “molto informati” ecco che come un fulmine a ciel sereno o un temporale estivo, una interrogazione parlamentare, presentata da un parlamentare calabrese di Catanzaro On. Nicola Stumpo di Liberi e Uguali, indirizzata al Ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti, oggetto dell’interpellanza le varie vicende che hanno accompagnato nel corso degli anni la Struttura di Riabilitazione ebolitana Nuova ISES

Non è la prima volta che qualche parlamentare si presta a protocollare per conto terzi una interrogazione parlamentare come quella dell’On. Stumpo. Si ricorderà, a seguito di diverse interpellanze presentate all’indomani dell‘arresto dell’ex Sindaco di Eboli, nelle quali si iportizzava infiltrazioni camorristiche che giustificavano secondo gli interroganti l’invio di una Commissione speciale di accesso agli atti. Interpellanze che portarono all’Audizione in Commissione Antimafia del Prefetto di Salerno Francesco Russo. Ebbene, in audizione, sebbene in Commissione vi fossero tra i componenti diversi deputati campani, proprio quel giorno non vi era nessuno di essi, mentre al contrario a fare le domande era un “informatissimo” parlamentare siciliano.

Nicola Stumpo

In quella circostanza, sia le domante del deputato Siciliano che le risposte del Prefetto di Salerno erano datate. Una occasione persa per parlare di camorre e di mafie purtroppo quele attualissime. In molti allora pensammo come pensiamo ora i due parlamentari avrebbero tanto da interrogare, e non solo il Ministro Giorgetti, ma anche al Ministro degli interni Lamorgese, insomma con tutta la ndrangheta e la mafia che c’è in Calabria e in Sicilia sti due fanno domande per sapere cosa accade in altre Regioni.

Oddio quei temi sono nazionali e internazionali, ma tornando alla vicenda dell’ISES anche questa datata con gli strascichi che ogni vicenda come quella può lasciarsi dietro, per gli effetti che ne sono scaturiti, non ultimi la natura della Cooperativa ISES che si occupava di disabilità e di riabilitazione, oltre che per la perdita di posti di lavoro, purtroppo messi in discussione da una gestione politico-amministrativa discutibile, ma che per quanto nel suo complesso fosse delicata, ha comunque influenzato gli esiti, e ne è prova questa coda “velenosa” che ha dato inchiostro alla penna del Presidente Tullio Gaeta della Nuova ISES, il quale con sua meraviglia scrive direttamente al deputato calabrese di Liberi e Uguali Nicola Stumpo e per quanto meravigliato del suo “distante” interessamento, nell’associarlo al “vicino” collega di partito On. Federico Conte, salernitano e di Eboli, da un invita il primo a visitare la nuova struttura e lancia un’accusa al secondo per un suo possibile conflitto di interesse indicandolo come legale di un’altra struttura di riabilitazione cittadina.

Federico Conte Pnrr

Un’accusa questa ultima che di sicuro animerà i prossimi dibattiti politici, ma che ci dicono come questa storria della vecchia ISES e della Nuova ISES sia ancora oggetto di contesa politica al punto di varcare gli interessi locali ed essere oggetto di una interrogazione di un parlamentare calabrese, che invero potrebe interrogare tutti i Ministri del Governo su vicende calabresi, quelle si che interessano l’intero Paese e oltre.

Lettera aperta del Presidente della Cooperativa di Riabilitazione Nuova Ises, dott. Tullio Gaeta all’Onorevole Nicola Stumpo di Catanzaro, in risposta alla interrogazione parlamentare a sua firma del 23 giugno 2021.

«Gentilissimo Onorevole Nicola Stumpo, – scrive il Presidente della struttura della struttura di riabilitazione Nuova ISES di Eboli Tullio Gaeta in una lettera aperta indirizzata al Deputato calabrese di Liberi e Uguali Nicola Stumpo in risposta ad una sua interogazione parlamentare sulla Nuova ISES – apprendiamo da organi di stampa locale di una Sua Interrogazione Parlamentare a risposta scritta, datata 23 giugno 2021, indirizzata al Ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti, nella quale ripercorre alcune vicende che hanno riguardato, e che riguardano, la struttura di riabilitazione Ises di Eboli (SA), in liquidazione coatta amministrativa ed il Commissario dott ssa Angela Innocente.

Tullio Gaeta

Con enorme meraviglia, constatiamo che Lei conosce molto bene le nostre vicende locali pur essendo della Regione Calabria.

Vicende che riguardano un territorio Ebolitano politicamente rappresentato da un Suo collega di partito, l’Onorevole Federico Conte di LeU, il quale, con grande lustro al nostro Paese, in una occasione ha svolto il meritorio ruolo di Cicerone al Ministro della Salute, Onorevole Roberto Speranza, in visita esclusiva ad una analoga struttura di riabilitazione Ebolitana, della quale il predetto Onorevole Conte è consulente legale.

Vorremmo, sommessamente, farLe rilevare che le notizie a Lei fornite sarebbero, a nostro parere, a “senso unico” per cui La invitiamo a far visita alla nostra realtà territoriale, unitamente al Suo collega Onorevole Federico Conte, per poterLe esporre il nostro punto di vista sulla vicenda che mira esclusivamente a salvaguardare posti di lavoro ed assistenza ai portatori di handicap senza nessun intento di monopolio.

Vorremmo, inoltre, poterLe esporre l’excursus della vicenda Ises e della Nuova Ises, che si protrae da diversi anni e che ora – dopo che pronunce definitive della giustizia amministrativa, che hanno determinato la nomina di un Commissario ad acta – è giunta ad una fase potenzialmente risolutiva alla vertenza.

Sicuri che Lei ispira la sua attività alla rappresentanza ed alla tutela dei lavoratori, saprà certamente come suggerire al suo Collega di partito – ebolitano di nascita – il miglior modo per intervenire sulla vicenda nell’interesse di famiglie di lavoratori precari, la salutiamo cordialmente. – conclude il Presidente della Nuova ISES Tullio Gaeta lanciando l’affondo sull’On. Federico Conte – 

Con la speranza che, laddove l’Onorevole Conte, in ragione del suo personale eventuale conflitto di interessi di cui sopra, non potesse esporsi in prima persona, possa farlo Lei direttamente.

Cordialmente.»

Centro Polifunzionale

Eboli, 11 luglio 2021

5 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. FEDERI’ NE FATT NATA!!!E IA, IA FINISCILA!!! Più timuovi e più affossi tuo cuggino! va a finire che non lo mandi manco al ballottaggio!! chillu cazz e Tonin C…o ha fatt o guaio!!

  2. Che c’azzecca un calabrese deputato, di un micro partito vicino ad una casata cilentana trapiantatasi nella Piana del Sele, di impegolarsi nei problemi jevulesi quando jevul, tiene, ca vas sans dire, ben due deputati eppure di maggioranza, che oltre a tanta fuffa non producono di concreto una beata mazza!
    Questa un’azione che sarà un contraccolpo per chi l’ha proposta con i ben noti intenti che gli ebolitani conoscono bene.
    Un errore da principiante, le elezioni sono vicine e il candidato di riferimento non uscirà dall’imbarazzo, avevano poche cnaces per il ballottaggio, ora quasi zero!

  3. Ma i tanti commentatori social alla mozzarella, prosciutto & tanta ma tanta cattiveria di contorno, quelli pronti a puntare il dito sulle irregolarità altrui, per non parlare dei giornalisti di una certa carta stampata Orbi + Muti e contenti , pure
    di esserlo, non dicono niente su questa vergogna trasformata in iniziativa istituzionale?
    Chiedo per un amico.

  4. DA UN ALTO 2 PARLAMENTARI DEL PARTITO CON NUMERO ATOMICO (uno forestiero per ironia e che pensasse alla terra sua ancora più inguaiata della nostra) CHE INTROITANO CIRCA 15.00O€ MENSILI.

    NEL MEZZO LA POLITICA ELETTIVA 2021 AD EBOLI, ( il secondo parlamentare che ha il cugino candidato) DUNQUE SOMMANDO I FATTORI SI CAPISCE IL TOTALE.

    DALL’ALTRO LATO MALATI E DIPENDENTI (strumentalmente usati) NEL TRITACARNEMEDIATICO E NON SOLTANTO!

    CONCLUSIONE: LE PERSONE CIVILI SANNO CHI E COSA SCEGLIERE!

  5. Mi ero promesso di stare in silenzio ma un Parlamentare con u parente candidato a Sindaco che si deve far scrivere un interrogazione parlamentare non me lo sarei mai aspettato, io quasi mi vergognerei e mi sorge un dubbio se per le solite ipotesi di infrazioni di mafia chiamiamo un calabrese per il programma elettorale suggerisco al candidato & family di farsi aiutare da un Onorevole Romagnolo per la litoranea è da un Onorevole di Castelfranco Veneto per area industriale e agricoltura.

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente