Michele Sarno chiude alla Pornostar: Polichetti (UdC) discutiamone

La candidatura di Priscilla Salerno scuote il centrodestra tirandolo fuori dalla stanca ma apre anche un dibattito  

Michele Sarno candidato Sindaco del Centrodestra: “Nella mia visione le candidature devono servire ad aggiungere e non a sottrarre”. Mario Polichetti Udc: “Non c’è stato nessun confronto con Priscilla Salerno, siamo pronti a dialogare con lei e chiunque voglia fare una buona politica“.

Michele Sarno-Priscilla Salerno-Mario Polichetti

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – Acque agitate nel Centrodestra, anzi “torbide”. La ragione è la candidatura nella Lista del Nuovo PSI, subito bocciata dall’On. Gigi Casciello di FI e altrettanto respinta dal candidato Sindaco Michele Sarno, della giovane e bella pornostar Tina Ciaco in arte Priscilla Salerno. La vicenda comunque grazie alla bella ed intelligente Priscilla ha fatto uscire dal torpore e dalla stanca il Centrodestra. Lo ha scosso, ma ha aperto anche ad una discussione che certo impegnerà nei prossomi giorni i favorevoli e i contrari. Tra i contrari c’è proprio Michele Sarno che subito con un netto “no” e un rigraziamento esclude ogni possibile candidatura della Salerno, ritenendola “divisiva“.

Michele Sarno

«In riferimento alla ventilata candidatura della sig.ra Tina Ciaco, che ringrazio per la disponibilità e la stima testimoniata nei miei confronti, – ha dichiarato Michele Sarno, Candidato Sindaco di Salerno in merito alla candidatura dell’imprenditrice hard Priscilla Salernomi rincresce dover rilevare che detta candidatura avrebbe, se accettata, sortito un effetto divisivo all’interno della coalizione di cui io sono garante. – conclude Sarno bocciando nettamente una simile iniziativa – Nella mia visione le candidature devono servire ad aggiungere e non a sottrarre».

Ci spiegherà Sarno da brillante giurista, quali saranno gli elementi “divisivi” che impediscono alla Sig.ra Tina Ciaco di potersi candidare e per quale motivo il Nuovo PSI deve rinunciare ad accettarla. La verità che il Nuovo PSI non ha niente a che vedere con i socialisti e lo dimostra l’accettazione della sovranità limitata, un qualsiasi socialista non lo consentirebbe mai. L’altra verità è che la Sig.ra Ciaco è stata giudicata per quello che fa, tra l’altro in forma esclusivamente legale, e non per quello che è e per quello che potrebbe dare come contributo alla coalizione. Cosa ci aspettiamo da Sarno  che come avvocato rifiuti la difesa di un omicida colto in flagranza di reato o che si batta con ogni mezzo per assicurargli un giusto processo? Ha ascoltato la Salerno?

Tina Ciaco, in arte Priscilla Salerno

Si immagina che Michele Sarno faccia le stesse valutazioni per tutti i candidati che lo sostengono. Forse la prima azione più apprezzabile sarebbe quella di non accettare tra i candidati nessun condannato, nessuno che abbia problemi con la Legge o che ne abbia con il fisco e soprattutto intervistarli ad uno ad uno per valutare, e di persona, allo scopo di sapere le loro professioni e perché vogliono candidarsi per valutare per ciascuno di loro se servono “ad aggiungere e non a sottrarrealla coalizione sempre che si sappia quale sia il Programma di mandato che accompagna la sua candidatura e noi stessi potremmo valutare se il pregiudizio nei confronti della Sig.ra Ciaco sia fondato o meno.

Nella vicenda del presunto caso sollevato dall’attrice Tina Ciaco, in arte Priscilla Salerno, interviene anche Mario Polichetti, vice coordinatore regionale dell’UdC, coordinatore provinciale e responsabile nazionale della Sanità e delle politiche sociali: «Con disappunto sono costretto a ritornare su un argomento che poco ha a che fare con la politica ma lo facciamo per dovere di verità e di giustizia.  Non possiamo tollerare, anche perché non è vero, che il nostro partito venga pubblicamente accusato di essere bigotto. L’Udc ha da sempre dato dimostrazione di apertura, capacità di ascolto e di accoglienza nei confronti di tutti, nessuno escluso e, francamente essere tirati in ballo da chi confonde l’arte della politica con l’avanspettacolo non ci sta affatto bene”.

Mario Polichetti

Ribadiamo di non aver avuto mai, fino ad oggi, alcun contatto con la signora Ciaco, stimata professionista del suo settore. – prosegue Polichetti – Se lo avessimo avuto, certamente non avremmo negato il confronto. – e aggiunge introducendo un’altra questione che attiene sicuramente ad una valutazione più oggettiva di qualsivoglia candidatura, comunque collegabile ai programmi che un Partito o una coalizione si prefigge di portare avanti, ed in quell’ambito si potrebbe sicuramente esprimere giudizi, che al momento non trovano motivazioni se non escludendi, mentre al contrario potrebbero essere includendi e condivisibili – Siamo un partito nazionale che ha regole ben precise per quanto attiene l’impegno politico e civile e crediamo che nessun partito politico, forse solo qualche lista civica, candiderebbe una persona senza aver condiviso almeno un breve tratto di strada per un confronto ed un approfondimento sulle tematiche che costituiscono i leitmotiv della sua storia e dei suoi programmi futuri.

Rinnoviamo la stima nei confronti della professionista – conclude Mario Polichetti e siamo disponibili “mutatis mutandis” all’ascolto ed al confronto costruttivo su argomenti di interesse collettivo e che abbiano come fine ultimo il bene comune”.

Salerno, 21 agosto 2021

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente