Il FdI e la Scuola De Amicis

Il FdI interviene sulla Scuola De Amicis tra le sue varie destinazioni e le sue sempre “probabilità”  di crollo. 

La scuola De Amicis era e resta per noi questione prioritaria sulla quale non poter stare in silenzio: non abbiamo voce in consiglio comunale, ma vogliamo essere di supporto e di sprone a questa amministrazione e a questa opposizione per far sentire la voce”. 

Annalisa Spera

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

BATTIPAGLIA – “Prima scuola, poi a rischio crollo. Prima sede della biblioteca comunale, poi a rischio crollo. Prima sede di distribuzione di beni di prima necessità per arginare la crisi economica del covid, poi a rischio crollo. – scrive in una nota stampa Annalisa Spera Presidente del Circolo FdI di Battipaglia – Prima sede di qualche seggio elettorale (causa chiusura di altro plesso scolastico del territorio battipagliese), poi a rischio crollo. Insomma se la scuola De Amicis fosse un essere umano lo potremmo definire particolarmente volubile.

Ma a rendere più complicato la comprensione è capire come mai questo edificio, chiuso nel 2002 a seguito del terremoto di San Giuliano di Puglia, – prosegue Annalisa Speraa fasi alterne nella storia recente di Battipaglia è stata una volta agibile una volta no, una volta agibile per un lato e una volta no, una volta agibile per un piano e una volta no. Mostre, cineforum, biblioteca, votazioni: questa scuola ha rischiato di cadere in testa agli avventori centinaia di volte. Adesso l’ultima perizia, certificata anche dalla Edil Test (lo stesso laboratorio che ha fatto la perizia sulla scuola Fiorentino o sbagliamo a ricordare?), ci dice che nemmeno il piano terra è più agibile.

La scuola deve essere chiusa ad horas. – aggiunce la Spera – E che cosa ci vogliamo fare dentro? Un hub per la dieta mediterranea: ma non si era detto in campagna elettorale che volevamo restituire la scuola ai battipagliesi nella sua funzione originaria? Siamo stati in silenzio a lungo dopo le elezioni attendendo di vedere cosa questa nuova amministrazione volesse fare e in che modo intendesse agire, abbiamo atteso i primi cento giorni di governo (e nemmeno ci siamo accorti che sono trascorsi), abbiamo assistito a uno spostamento nettamente a sinistra di tutto l’assise cittadino, ma adesso non possiamo più tacere.

La scuola De Amicis era e resta per noi questione prioritaria sulla quale non poter stare in silenzio: non abbiamo voce in consiglio comunale, ma vogliamo essere di supporto e di sprone a questa amministrazione e a questa opposizione per far sentire la voce del resto del popolo battipagliese, pertanto vi invitiamo a riflettere seriamente sulla destinazione di questo istituto scolastico, perché tale è e tale a nostro avviso deve restare, pensando certo ad una riqualificazione (che speriamo arrivi davvero e finalmente dopo oltre venti anni di declino) – conclude la coordinatrice di Fratelli d’Italia Annalisa Sperache inglobi novità e tecnologia, ma che non violi l’identità dei battipagliesi e la loro memoria storica, tentando di restituire almeno un piano, almeno poche aule, anche simboliche, alla crescita culturale delle nuove generazioni.

Battipaglia, 19 gennaio 2022

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente