Lavoratori precari Sanità: Pubblicata la delibera di proroga

Pubblicata dal DG D’Amato la Delibera di proroga dal 30 giugno al 31 dicembre 2022 per i lavoratori precari.

La Delibera, per Antonacchio e Della Porta della Cisl-Fp Salerno, sebbene la Regione è in ritardo garantisce i livelli prestazionali e apre le porte alla battaglia della Cisl per la stabilizzazione del personale. 

Antonacchio-Della Porta

POLITICAdeMENTE

SALERNO – «Sebbene la Regione Campania ancora ritardi a dettare le linee guida e di indirizzo per la stabilizzazione dei lavoratori precari il manager D’Amato mostrando attenzione alla necessità di garantire i livelli essenziali di assistenza ha prorogato tutti i contratti a termine in data 30 giugno al 31 dicembre 2022 – dichiarano Pietro Antonacchio Capo Dipartimento della Sanità Pubblica e Privata per la CISL FP di Salerno e il Segretario Provinciale CISL FP Salerno Alfonso Della Porta. – Con la deliberazione n° 410 del 20/06/2022 sono stati prorogati i contratti per 732 operatori tra medici (18), biologi (5), farmacisti (7), assistenti amministrativi (8), tecnici di laboratorio (22) e di radiologia (12), audiometristi (2), ostetriche (5), autisti di ambulanza (15), operatori socio sanitari (318) e infermieri (320). Sono numeri che rientrano nel fabbisogno assistenziale data la carenza di organico ricordando che per il triennio 2020/2022 per garantire i livelli prestazionali occorrono circa 1411 unità di cui 264 dirigenti medici, 57 dirigenti sanitari, 643 personale del comparto area sanitaria per il ruolo sanitario; per il ruolo tecnico 32 dirigenti, 204 personale del comparto; per il ruolo professionale 3 dirigenti e 16 personale del comparto; per il ruolo amministrativo 24 dirigenti e 168 personale del comparto amministrativo.

La proroga dei contratti – concludono i dirigenti della CISL FP di Salerno – apre la strada per un confronto serrato sul futuro dei lavoratori precari. I numeri danno ragione a quanti hanno sempre sostenuto la necessità di adeguare gli organici a fabbisogno concreto per garantire la qualità e quantità delle prestazioni ma soprattutto una assistenza continua e in tempi congrui a salvaguardare la salute. Ci adopereremo affinché al 31 dicembre di quest’anno si possa scrivere la parola fine a questo continuo ed immeritato travaglio per tutti gli operatori che hanno maturato i requisiti previsti dalla legge per la stabilizzazione».

Salerno, 20 giugno 2022

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente