Stabilizzazione precariato all’AOU Ruggi di Salerno

Cisl-Fp: L’Azienda Ospedaliera Universitaria Ruggi D’Aragona di Salerno avvia la stabilizzazione del personale precario. 

Rsu Cisl-Fp

POLITICAdeMENTE

SALERNO – «Avviata la pubblicazione dell’avviso di stabilizzazione per i lavoratori precari dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Salerno riservato al personale che ha maturato i requisiti dei 18 mesi di contratto a tempo determinato entro il 30 giugno 2022, di cui almeno 6 mesi espletati a contrastare l’epidemia da Covid. A distanza di mesi, dopo diversi incontri con la parte pubblica dell’ente e dopo anni deserti di negoziazione con le precedenti amministrazioni siamo riusciti a portare alla stabilizzazione del personale precario che ha lottato in prima linea contro la pandemia e grazie alla volontà dell’attuale management aziendale che ha sottoscritto l’accordo in data 11 ottobre e ha bandito la procedura per dare una definitiva soluzione alle centinaia di lavoratori che aspettavano il giusto riconoscimento e l’ottemperanza delle norme a tutela e garanzia dei propri diritti acquisiti sul campo – dichiarano congiuntamente i delegati RSU CISL FP – Agizza Francesco – Apolito Alfonso – Biondino Gaetano – Cavaliere Salvatore – Coda Marco – De Chiara Giuseppe – Della Monica Annalisa – Di Pietro Bonaventura – Guariglia Antonio – Iannone Raffaele – Iuliano Elvira – Lopez Giovanni – Manciuria Ulisse – Mauro Luigi – Pallavicino Armando – Panzuto Giuseppe – Pumpo Vito – Ranaldi Rita – Siano Vincenzo – Stellato Pietro -.

«L’accordo che ha portato a questo meraviglioso traguardo che riteniamo essere sicuramente un punto di partenza e non di arrivo, anche alla luce del fatto che all’ASL di Salerno guidata dal manager Sosto siamo ancora in alto mare, certifica la buona gestione da parte dell’amministrazione dell’ente e del Direttore Generale Vincenzo D’Amato ma anche la solidità della rappresentanza dell’ultima tornata elettorale in RSU da parte della CISL FP che è il sindacato di maggioranza con oltre il 50 per cento di delegati  – dichiara il Segretario Provinciale CISL FP Alfonso Della Porta – .Riteniamo che questo sia solo l’inizio anche perché c’è ancora tanto da lavorare a partire dalla proroga dei contratti a tempo determinato per quanti non hanno raggiunto i requisiti dei 18 mesi, l’avvio della procedura di stabilizzazione per i lavoratori che hanno invece i requisiti dei 36 mesi, ora il bando per le Progressioni Economiche Orizzontali, l’attivazione degli incarichi di funzione nonché le procedure di verticalizzazione e i passaggi orizzontali, così come concordato nell’accordo del 11 ottobre 2022.»

Sulla questione interviene anche il Capo Dipartimento della Sanità Pubblica e Privata di Salerno CISL FP Pietro Antonacchio che incalza: la vittoria ha moltissimi padri, la sconfitta è orfana – «Ora tanti plauderanno per il loro impegno profuso per il raggiungimento della stabilizzazione, ma purtroppo a mia memoria alla manifestazione di Napoli del 15 giugno 2021 organizzata per dire “No al precariato” ho visto solo bandiere della CISL. Le atre bandiere erano nelle sedi di quanti sindacati non ci hanno creduto ma che ora si vorrebbero mostrare come determinanti. Per fortuna i lavoratori sanno tutta la verità».

Salerno, 16 novembre 2022

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente