Tragedia di Ischia. Mancano 20Mld per mettere in sicurezza il territorio

Il Presidente Federcepicostruzioni Lombardi denuncia: “In Italia quasi 1,9 Mln di edifici costruiti in zone a rischio Frana”.

Antonio Lombardi: «Inefficienza delle Pubbliche amministrazioni e burocrazia responsabili della mancata attuazione degli interventi».

Antonio Lombardi

POLITICAdeMENTE

ROMA/SALERNO – L’Italia si sgretola. Non passa giorno che non si registrano frane, smottamenti, alluvioni, allagamenti.

Colpa dei cambiamenti climatici? Assolutamente no. La colpa è solo dell’uomo.

La frana di Casamicciola è l’ultimo dei tanti disastri che puntualmente riempiono la nostra cronaca, e purtroppo oltre ai danni: Tantissimi; ci sono anche i morti. Morti che gridono giustizia ma anche monito per chi oggi si accorge dei danni che sono stati procurati, costruendo negli alvei dei fiumi e dei torrenti, sotto costoni rocciosi, in valli e invasi naturali, del taglio indiscriminato di alberi, macchie e sottoboschi, oltre che il consumo indiscriminato del suolo.

Non parliamo della tenuta dei corsi d’acqua e dei fiumi: chi li draga più. Non c’è più nessun fiume che è navigabile.

Insomma questo con la natura e con i cambiamenti climatici non c’entra proprio nulla. I colpevoli siamo noi, quando costruiamo laddove non dovremmo. Colpevoli sono gli amministratori che ignorano ogni tutela e precauzione. Colpevoli sono i governi regionali e nazionali che non sanno o non vogliono intervenire e mettere mano alla salvaguardia del suolo, dei corsi d’acqua, dei laghi,  del mare e delle coste.

Frana ad Ischia 1

E Ischia oggi rappresenta quella summa di errori e di colpe accumulate negli anni, allorquando quella pioggia battente ha fatto staccare dalla sommità del monte Epomeo ad un’altezza di circa 780 metri. ed ha portato tutto giù. Il fango è sceso giù e ha cancellato parte della vegetazione e quello che si trovava sul suo rovinoso cammino. Poi, dalla parte di Casamicciola, laddove non si sarebbe potuto costruire, ha percorso le strade invadendo le case, sventrando porte e buttando giù pareti e muri.

Fiumi di fango che hanno, in pochi minuti cambiato il paesaggio rendendo ancora più spettrale i luoghi di quella tempesta che non ha dato tregua ne dai monti e ne dal mare forza 10. Prefettura e Regione hanno predisposto l’evacuazione e le famiglie sono state sistemate negli alberghi.

E da Ischia magica meta di turismo e benessere, ora isola di fango e rovine, non si è ancora dimenticato le tragedie passate. Le tracce sono ancora evidenti, i danni sono ancora da riparare, il dolore ancora stringente.

Ma come al solito chi doveva tacere ha parlato, ignorando che i propri “sodali” non più tardi di qualche anno fa “GiuseppiConte e il “Capitano” del Papete Matteo Salvini fecero un ulteriore condono e Ischia è figlia anche di quel condono, sebbene quell’isola nel corso dei secoli non è stata mai risparmiata dalla natura, anche quando su quell’isola vi erano poche migliaia di abitanti e parliamo di secoli, del che, indipendentemente dalle responsabilità o colpe di oggi che fanno dire ad un Ministro: Arrestiamo tutti!! Oggi più che mai si deve risolvere il problema, e più che puntare su un intervento straordinario, confidando tutti sul salvifico Pnrr, è indispensabile pensare a fondi ordinari e sistematici da postare sui bilanci nazionali, Regionali, Locali, mettendo da parte le colpe e lasciando stare gli arresti, anche perché non basterebbero tutte le manette che ci sono e pensare seriamente alka salvaguardia del suolo, dei corsi d’acqua dei costoni, delle coste marine e quanto altro per non contare morti e spese.

Di accuse strumentali e lanciate ad arte ne parla anche il Presidente nazionale dei Costruttori di Federcepicostruzioni Antonio Lombardi: «Basta con accuse strumentali e artate operazioni di sviamento rispetto alle reali responsabilità: l’ennesima tragedia di Ischia si è verificata a causa dell’inefficienza della Pubbliche Amministrazioni nell’utilizzo dei fondi». L’accusa è del presidente nazionale di Federcepicostruzioni, Antonio Lombardi, che stigmatizza la mancanza di risorse destinate alla messa in sicurezza del territorio; l’inefficienza delle pubbliche amministrazioni nell’utilizzo delle opportunità esistenti; la burocrazia, fatta anche di vincoli di varia natura, che ancora si frappone all’attivazione degli interventi.

«Non vogliamo in alcun modo giustificare o assolvere i pur esistenti e gravi fenomeni di abusivismo, come pure i condoni che hanno comunque inficiato, in molti casi, i piani di messa in sicurezza. Ma il dato più evidente ed eclatante è che non si investe nella prevenzione, nonostante i maggiori rischi legati al cambiamento climatico: le risorse sono scarse, insufficienti e utilizzate malamente».

Il contesto: un paese ad altissimo rischio

I dati la dicono lunga, e non da oggi, sul contesto di estrema fragilità e rischio dell’intera penisola italiana. Secondo il Rapporto sulle condizioni di pericolosità da alluvione in Italia, pubblicato da Ispra nell’autunno scorso, circa il 5,4% del territorio nazionale è ad elevato rischio alluvione. «Parliamo di una porzione di Paesedice ancora Lombardiin cui risiede più del 4% della popolazione e dove è collocato circa l’8% del nostro patrimonio artistico».

A medio rischio di allagamento si trova invece il 10% del territorio: qui risiedono l’11,5% degli italiani (quasi 6,78 milioni) e sono ubicati il 16,5% dei beni culturali. 

Se si allarga l’indagine anche ai fenomeni franosi, il contesto di pericolosità diviene ancor più allarmante: il 3,1% del territorio nazionale presenta un rischio “molto elevato”, il 5,6% “elevato” e il 4,8% “medio”. Complessivamente il 20% del territorio nazionale – diversamente collocato nei cinque livelli di rischio dell’Ispra – può considerarsi in pericolo per frane e smottamenti.

Gli edifici a rischio frana sono quasi due milioni (1.867.094, il 12,9% del totale) dei quali 333.044 in Campania. 

«Sono dati molto preoccupanti – commenta il presidente Lombardiche diventano ancor più allarmanti se rapportati ai pericoli per le persone: sono 5.707.465 le persone che oggi vivono in territori a rischio frana e di questi quasi 500 mila (499.749) in territori che presentano un rischio molto elevato. Il 13% di questi sono giovani al di sotto dei 15 anni e il 23% anziani».

È evidente che in quadro di pericolosità così grave e diffuso «occorre una seria assunzione di responsabilità delle istituzioni – commenta ancora il presidente Lombardiad ogni livello. È necessario un programma di investimenti continuo nel tempo, anche per tutelare una delle nostre risorse più importanti: un ambiente apprezzato e invidiato in tutto il mondo in termini di biodiversità e di bellezza paesaggistica»

Occorrono interventi alla radice e programmi costanti ed efficaci.

L’Ispra ha censito, tramite la piattaforma Rendis (Repertorio nazionale degli interventi per la difesa del suolo), oltre 6.000 opere in corso (dato aggiornato al 2020), per un totale di poco superiore a 6 miliardi di euro impegnati. Questo a fronte di quasi 8.000 «proposte progettuali attive, per un importo complessivo pari a 26,58 miliardi», si legge testualmente nel rapporto. 

«La differenza, all’incirca 20 miliardi – commenta il presidente Lombardiè ciò che di fatto manca alla cura del territorio. Una somma enorme, che è anche frutto delle politiche di austerità degli anni scorsi che hanno appunto falcidiato gli investimenti pubblici destinati alla prevenzione del dissesto e alla sicurezza, nel corso degli ultimi anni: erano 60 miliardi nel 2010, sono scesi a 40 nel 2014 per rimanere in linea di massima costanti fino ad oggi».

La beffa del Pnrr

«A poco servirà il Pnrr – commenta Lombardi nonostante oggi, a tragedia consumata, lo SI presenti come possibile panacea di tutti i mali: nel Piano i capitoli di spesa legati, direttamente o indirettamente, al dissesto idrogeologico ammontano a 8,49 miliardi, di cui però solo 2,49 esplicitamente dedicati a “misure per la riduzione del rischio idrogeologico” (Missione 2, Componente 4, Investimento 2.1). Si tratta però di una somma che comprende al suo interno opere per le quali i fondi erano già stati stanziati da tempo e che vengono solo “sostituiti” dalle risorse del Pnrr». 

Il risultato? «Nel contrasto al dissesto idrogeologico – è l’amara conclusione del presidente di Federcepicostruzionisi stanziano pochissime risorse, a fronte dei miliardi necessari per mettere davvero in sicurezza il Paese. Il tutto in un contesto burocratico, procedurale ed amministrativo, che fino ad oggi ha frenato la quasi totalità degli interventi finanziati. Non è un caso che la citata misura del Pnrr sia tra quelle ancora ferme sulla carta. Se non si mette seriamente mano a queste problematiche il rischio è che si continuerà a piangere vittime, lasciando sul tappeto quelle problematiche che concorrono concretamente, da decenni, a provocarle».

Roma/Salerno, 29 novembre 2022

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2023 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente