41^ Festa del Pesce Azzurro di Atrani tra storia, tradizione e magia

24 e 25 agosto 2011, al borgo marinaro di Atrani, 41° Festa del Pesce azzurro, in mostra il meglio della cultura enogastronomica tipica atranese.

Luci, suoni, colori, storia, tradizione e magia faranno da cornice alla rievocazione delle gesta del rivoluzionario Masaniello

Atrani

ATRANI – Nell’anno del 150° anniversario dell’ Unità d’Italia, Atrani ormai da oltre 40 anni rende omaggio al Bel Paese con il suo evento di punta, esaltando il suo “tesoro” naturale, frutto delle sue coste ricche del pesce più buono e più popolare che c’è: il Pesce Azzurro, con le Alici innanzi tutto, che fanno da “Regine”; le Sardine da “ancelle” e il Tonno da “Principe”. E con il pesce più povero che c’è, ma il più blasonato che si possa avere, la Festa del Pesce azzurro, giunta ormai alla sua 41^ edizione, si promette di fornire il meglio delle pietanze, in stile tutto marinato atranese, per allietare i visitatori che come ogni anno affollano il Borgo Marinaro.

Alici

Il menù cambia ogni anno, ma tra i piatti preparati dai ristoratori atranesi, non può mancare l’antipasto di alici fritte e marinate, primi piatti di paccheri al tonno, alici in tortiera, al graten e alla pizzaiola, una succulenta parmigiana con pesce bandiera, e il vino non manca mai. Ed è lì che parte la disquisizione se accompagnare tutte queste leccornie con il vino bianco, oppure  affidare il palato al vino rosso o rosè, secco, forte o frizzantino.

I disquisitori rimarranno delusi, con il pesce azzurro si accompagnano entrambi e chi è più raffinato e magari con un ottimo portafoglio, può anche innaffiarlo con le bollicine, lo champagne si sposa benissimo con queste pietanze.

Nelle sere del 24 e 25 agosto, a partire dalle 20.30, il borgo marinaro di Atrani apre le sue porte al visitatore per raccontare la sua storia fitta di personaggi, tradizione, sapori antichi e valori autentici.

Un vero e proprio viaggio alla scoperta delle strade, dei vicoli e dei cortili meno conosciuti, dove riecheggia la voce dei celebri antenati e, insieme, della gente umile che di Atrani è stata e rimane risorsa inestimabile.

Atrani scorcio

Atrani ha le sue tradizioni ed ha una sua esclusiva bellezza, è davvero una bellissima cittadina della costiera amalfitana, è giusto a due passi da Amalfi, dalla quale è divisa da una galleria di pochi metri. Sebbene sia un Comune piccolissimo, il più piccolo d’Italia, destinato, secondo i “barbari” del Governo a scomparire, concentra in quel pochissimo spazio tutto il meglio che la natura può offrire, disponibile ed sempre accogliente dei suoi visitatori.

L’appuntamento quest’anno raddoppia per diventare manifesto di orgoglio locale ed espressione forte dell’identità atranese che ogni cittadino contribuisce a rafforzare, nella condivisione di usi antichi da conservare e valorizzare. A moltiplicarsi saranno luci, suoni e colori, alternati in un’esaltazione del gusto e della cultura enogastronomica tipica atranese.

Due serate imperdibili, dall’atmosfera irreale, cullati dalle note colme di energia e di passione, che lasciano spazio e tempo per trasformarsi in pura magia.

L’apertura dell’evento rievocherà le gesta del rivoluzionario Masaniello che proprio ad Atrani ebbe i suoi natali. Lo spettacolo teatraleA’ rivoluzione è servita” ci ricorda che il rivoltoso partenopeo scelse la celebre grotta che, posta nella parte alta dell’abitato, rimane ancora oggi a lui dedicata. Sul palco allestito sulla battigia, in riva al mare, si alterneranno esclusivi gruppi di musica popolare tra cui i “Via Toledo” e le “Tamorre positanesi”.

La piazzetta darà inoltre spazio al dibattito sul tema “Il pesce azzurro e la dieta mediterranea”. Per i più golosi, i ristoratori locali stanno già preparando diverse tipologie di menu’ a base del rinomato pesce azzurro del nostro mare da degustare visitando gli angoli più caratteristici di uno dei borghi più belli d’Italia, Atrani.

Atrani, 23 agosto

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente