Il Neutrino: La seconda rivoluzione della fisica

La scoperta del CERN sui neutrini più veloci della luce, apre scenari fantascientifici.

I neutrini che viaggiano a velocità maggiore della luce di circa 60 nanosecondi. Comporta la modificazione di molte impostazioni in cosmologia, astrofisica e fisica delle particelle a correzione del modello standard elaborato per spiegare l’Universo.

Neutrini Il super acceleratore del Cern

di Erasmo Venosi*

ROMA – La notizia proveniente dal CERN di Ginevra che è stata superata la velocità della luce misurata su un fascio di neutrini, se confermata, sarebbe con molta probabilità la più grande scoperta del secolo.

Come suggerisce il nome, i neutrini sono particelle neutre molto leggere, che interagiscono con la materia che li circonda in modo molto debole. Sono stati ipotizzati per la prima volta da Pauli nel 1930 e sono essenziali nelle reazioni nucleari, e nella comprensione dei processi di evoluzione delle stelle.

Erasmo Venosi

Vari esperimenti di neutrini nel mondo misurano neutrini che vengono dal Sole, dal centro della Terra, da reattori nucleari in prossimità, o che sono spediti dall’acceleratore di fiducia. Se confermato il dato del CERN, determinerebbe, conseguenze rilevanti e causerebbe la riscrittura di una grandissima parte della fisica.

Oggi sappiamo che nessun oggetto può viaggiare più veloce della luce, senza violare il principio di causalità postulato dalla teoria della relatività e cioè che il verso in cui l’informazione può trasmettersi nel tempo, che la relatività ci dice poter andare solo in avanti.

Il risultato ottenuto è parte non principale dell’esperimento di una “macchina fotografica” OPERA (Oscillation Project with Emulsion-tRacking Apparatus) ovvero un fascio di neutrini (muonici) che dal CERN di Ginevra sono spediti verso il laboratorio del Gran Sasso con l’obiettivo di registrare la trasformazione “(oscillazione dei neutrini” considerato  che ne esistono di tre tipi: neutrino dell’elettrone, del muone e del tau).

In totale negazione di tutta la teoria della Relatività sembra che le misurazioni dei neutrini del CERN viaggiano a una velocità superluminale! Di certo non sarebbe la prima delle Rivoluzioni nel campo della fisica ma le cautele sono d’obbligo.

neutrino

La prima constazione è verificare l’affidabilità e attendibilità delle misurazioni. Altre  misurazioni della velocità dei neutrini, per esempio quelli che provengono dalle supernovae sono risultati inferiori alla velocità della luce. Anche il progetto MINOS (Main Injector Neutrino Oscillation Search) del Fermilab negli USA ha fatto misurazioni simili.

Certamente un risultato rivoluzionario come questo dovrà essere confermato quantomeno dall’esperimento MINOS del Fermilab e del simile esperimento T2K in Giappone, che utilizza il rivelatore di Super-Kamiokande, l’acceleratore di J-PARC e un rivelatore prossimo all’acceleratore per osservare cosa succede a neutrini (muonici) prodotti dall’acceleratore e spediti verso il sito di Kamioka.

Rivoluzionario già è stata la scoperta  della trasformazione del neutrino dal CERN al Laboratorio sotto il  Gran Sasso (da “muonico” a” tau”) che comporta la modificazione di molte impostazioni in cosmologia, astrofisica e fisica delle particelle a correzione del modello standard elaborato per  spiegare l’Universo e che prevedeva un neutrino senza massa.

Figurarsi la Rivoluzione che determinerebbe la verifica dei risultati di Ginevra.

Roma, 25 settembre 2011

* Erasmo Venosi, oltre ad essere un astrofisico è tra i massimi esperti di questioni ambientali e collabora con riviste e giornali scientifici di importanza nazionale e internazionale.

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente