Conclusa la Missione “Ad un passo dalla salvezza”: Consegnati in Costa d’Avorio i Farmaci raccolti

Si è conclusa con successo “Ad un passo dalla salvezza”: L’iniziativa umanitaria per la raccolta di farmaci destinati alle popolazioni dell’Africa, destinati e consegnati al Costa d’Avorio.

L’iniziativa umanitaria è delle Associazioni Onlus Sophis e “E ti porto in Africa” da tempo impegnate nella realizzazione di poliambulatori, orfanotrofi, scuole, pozzi d’acqua. Piena soddisfazione di Vincenzo Mallamaci e Marco Botta.

Africa-raccolta-farmaci

Africa-raccolta-farmaci

BATTIPAGLIA/EBOLI – La consegna dei farmaci in Costa d’Avorio da parte dei responsabili dell’Associazione Onlus “E ti porto in Africa” in collaborazione con l’ Associazione Sophis è stata un vero successo a dichiararlo sono il dottor Vincenzo Mallamaci e il dottor Marco Botta, entrambi da anni impegnati nel sociale, sia in Italia che all’esterno accanto a chi soffre e chiede ancora un possibilità per ricominciare a vivere.

I due professionisti della piana del Sele, considerati dagli addetti ai lavori volontari senza frontiere, sono sempre pronti a partire per soccorrere donne, bambini e uomini che versano in grave difficoltà senza mai tirarsi indietro. Le centinaia di borse che a loro volta hanno raggiunto, cariche di medicinali,  il continente Africano sono state una mano dal cielo, in una terra dove tutto è più difficile, dove  anche una scatola di garze, ha il suo giusto peso e valore e in qualche occasione, come è capitato può salvare una vita umana.

Marco Botta-Associazione Sophis

Marco Botta-Associazione Sophis

L’opera di carità cristiana di questi volontari travalica la normale bontà dell’uomo medio. Sempre pronti e disponibili hanno contribuito ad alleviare le sofferenza di una popolazione da sempre stremata dalla stessa crudeltà umana.  Ha dichiarato, Marco Botta appena sceso dall’aereo: “La situazione che abbiamo trovata è davvero dura, nonostante i nostri sforzi il lavoro da fare è tanto. In Italia ci sono grosse difficoltà, ma quando poi si conoscono realtà come l’Africa, allora la visione del mondo cambia radicalmente”.

A casa la crisi è forte e si fa sentire, ma è una crisi basata sul quasi default del sistema economico e sociale ma per fortuna non ci dobbiamo nutrire di lucertole e rettili vari,  e se a casa nostra ci si arrabbia perché è finita la minerale nel frigo, altrove per bere un poco di acqua, donne incinte e bambini di due anni, devono fare prima svariati chilometri e poi file interminabili e non è detto che alla fine le loro fatiche vengano ricompensate. Ecco, molti sono abituati a rincorrere le profezie sulla “fine del mondo” ma più fine del mondo di quello che ci passa davanti agli occhi, cosa altro deve accadere? Provate (e chi è genitore può capire) a immaginare vostro figlio piccolo o vostra moglie incinta che per bere un poco di acqua devono prima percorrere sotto il sole bollente almeno sette lunghissimi chilometri e poi giunti sul posto fare un’altra fila di almeno due ore, sempre sotto il sole.

Dopo questo piccolo esercizio di fantasia (per noi in Italia) provate a sentire il vostro corpo e la vostra mente come reagisce, per cui aboliamo definitivamente quella stupida frase che dice “l’Africa è qua”, bisogna farlo come forma di rispetto nei confronti di quei tanti bambini che ogni giorno nascono e non vivino nemmeno due ore.   Saluti.

Battipaglia/Eboli, 14 giugno 2013

1 commento su questo articoloLascia un commento
  1. A Marco. Sono orgoglioso di esseri amico!!!

    Armando V.

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente