Presentato alla BMT il progetto Italia-Slovenia che coinvolge l’Aeroporto di Salerno

Il vicepresidente della società di gestione aeroporto Salerno–Costa D’Amalfi Anastasio annuncia il Progetto Interscambio Turistico Culturale Il Meridione D’Italia/Portorose (Slovenia),

Anastasio incontra il Sindaco e il Direttore dell’Aeroporto di Portorese in Slovenia e dichiara: “L’iniziativa della CTM e il ruolo dello scalo salernitano come volano dell’economia per la provincia di Salerno e la regione Campania“.

Antonio Anastasio- Peter Bossman

Antonio Anastasio- Peter Bossman

da (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

NAPOLI – “L’aeroporto Salerno – Costa d’Amalfi riparte”. A sottolinearlo è il vicepresidente della Società di Gestione dello scalo salernitano Antonio Anastasio. L’annuncio del vicepresidente, segue la presentazione del Progetto Interscambio Turistico Culturale Il Meridione D’Italia/Portorose (Slovenia), che coinvolge in maniera bilaterale Italia e Slovenia.

Quest’oggi presso la (Btm) – Borsa Mediterranea del Turismo alla Fiera d’Oltremare a Napoli, per l’importante incontro erano infatti presenti, oltre al vicepresidente della società di gestione aeroporto Salerno – Costa d’Amalfi Antonio Anastasio, anche il direttore dell’ente Turismo Pirano – Portorose (Slovenia) Jadran Furlanic, il sindaco di Pirano – Portorose Peter Bossman, primo cittadino di colore, originario del Ghana, il direttore dell’Aeroporto di Portorose Robert Krajnc e l’amministratore della CTM Antonio Gervasio.

Nell’ambito del programma, dal prossimo 1 maggio, per tutto l’anno, due volte la settimana, il giovedì e il sabato, sono previsti voli charter da e per lo scalo salernitano verso la località slovena che annovera al primo posto tra i turisti, proprio gli italiani, in un luogo fatto di bellezze paesaggistiche, con splendide strutture ricettive, legate al mondo del benessere, in un contesto dove si privilegia il rapporto qualità-prezzo. Sempre dal 1 maggio, l’aeroporto Salerno – Costa d’Amalfi, grazie alla CTM, sarà collegato con gli aeroporti di Cagliari, Catania e Spalato.

“Un grande plauso va fatto alla Ctm e all’amministratore delegato Antonio Gervasio, – dichiara soddisfatto il vicepresidente Antonio Anastasioper questa importante iniziativa che consentirà di far conoscere le bellezze della Regione Campania e della nostra provincia di Salerno. L’interscambio culturale stipulato con l’ente per il turismo di Pirano – Portorose a costo zero, crea una grande opportunità di rilancio territoriale per il settore turistico e in questo, noi politici siamo impegnati a promuovere la Campania, facendola conoscere non più come la regione della Terra dei Fuochi, ma come la terra della cultura e del turismo con il 30% delle proprie eccellenze riconosciute patrimonio Unesco.

Mi auguro quanto prima, – ha concluso Antonio Anastasio – che si concluda nel migliore dei modi l’assegnazione della gara di gestione dell’aeroporto Salerno – Costa d’Amalfi, che ribadisco, rimane il grande volano dell’economia. Il sindaco di Portorose si è dimostrata persona lungimirante perchè ha puntato sulla promozione del suo territorio, vedendo in essa la possibilità di creare opportunità di lavoro. Tutto ciò deve essere uno stimolo. Pertanto invito a tal proposito i sindaci della fascia costiera a promuovere iniziative volte a far conoscere la bellezza dei propri territori.

Napoli, 6 aprile 2014

1 commento su questo articoloLascia un commento
  1. Tanti auguri a chi si sta interessando per l’apertura del aereroporto di Salerno,anche se unizialmente solo voli charter questo è un buon inizio speriamo per la prossima mossa indirizzata alla vera è propria apertura con voli di linea in tutta ITALIA.
    Buon lavoro e buona domenica.

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente