Benesatto lascia Etica: Il clima è pesante. Bufera nel Movimento di Cecilia Francese

Etica per il Buongoverno nella bufera. Dopo l’autosospensione per “silenzio stampa”, la sospensione per 6 mesi, Pietro Benesatto si dimette.

Benesatto: “Non intendo far parte di un Movimento che si propone di vietare per regolamento le iniziative personali, che ufficialmente sostiene che il silenzio sembri la risposta più idonea alle richieste di chiarimenti interni.”

Pietro Benesatto

Pietro Benesatto

da (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

BATTIPAGLIA – «Cara Cecilia, – Si legge nella lunga lettera di dimissioni da Etica per il Buongoverno di Pietro Benesatto, tra i fondatori del Movimento, indirizzata alla leader e fondatrice Cecilia Francese, con la quale spiega le sue ragioni, lasciando trapelare le forti tensioni che stanno attraversando il Movimento fino a giungere alla sospensione che sembra tra l’altro essere più un’epurazione che un atto di normalòe dialogo che dovrebbe attraversare un movimento – dopo anni di battaglie condivise, nel rinnovarti la mia ammirazione per il tuo impegno politico, devo purtroppo comunicarti che non intendo più far parte di un Movimento che si propone di vietare per regolamento le iniziative personali.

Non intendo far parte di un Movimento prosegue Benesatto con l’elencazioni delle ragioni che lo hanno portato a dimettersi pur condividendo lo spirito iniziale del Movimento stesso – che ufficialmente sostiene che il silenzio sembri la risposta più idonea alle richieste di chiarimenti interni, nonostante tale silenzio avesse già portato alla mia autosospensione a giugno scorso.

Non intendo far parte di un Movimento che assume agli atti di un procedimento disciplinare a mio carico per vie traverse documenti rimaneggiati (senza dare atto da chi li abbia ricevuti) e che non mi trasmette preventivamente tutti gli atti che ha acquisito, alla faccia della tanto predicata trasparenza.

Pietro Benesatto-Cecilia Francese.

Pietro Benesatto-Cecilia Francese.

Non intendo far parte di un Movimento – continua ancora Benesatto – che giustifica una mia sospensione sulla base di una mia mancata richiesta di intervento dei probiviri, i quali però, pur avendo io richiesto espressamente le loro valutazioni, non si sono pronunciati in merito alle infamanti e ingiustificate affermazioni del segretario (secondo quest’ultimo, mi sarei dissociato dal direttivo, il confronto e la condivisione non mi apparterrebbero e avrei violato i principi fondanti e le regole istituzionali di Etica).

Con questo provvedimento – Benesatto accusa – il Movimento non ha saputo individuare né risolvere l’aspro clima interno, che mi ha visto da sempre subire attacchi personali, anche in forma anonima sui giornali, nonostante – e forse proprio in conseguenza dei – successi politici che mi hanno visto in prima linea. Anzi, vede il mio impegno e il mio contributo in tutti questi anni sminuito da un riconoscimento solo “in alcuni casi”, ma che, secondo quanto è scritto, a lungo andare “porta me e il movimento su binari divergenti”.

Con la mia sospensione per sei mesi, – Benesatto spiega le ragioni sbagliate del provvedimento politico interno – sul piano politico, il Movimento rinuncia autolesionisticamente a uno dei suoi membri più attivi proprio nel momento di maggiore necessità, in vista dell’imminente campagna elettorale, favorendo gli avversari politici esterni.

Il Movimento non ha saputo con ciò dare risposta agli atteggiamenti discriminatori di alcuni componenti del Direttivo che oggi mi attaccano per essere intervenuto a titolo personale nel dibattito pubblico, ma che si guardano bene dal farlo con altri esponenti di spicco del Movimento che giustamente partecipano alla vita politica senza per questo dover chiedere il “permesso” a Etica.

Con questo provvedimento, il clima avvelenato anziché cessare riceverà nuova linfa, rendendo sempre più difficile e impegnativo il cammino politico di Etica per il Buon Governo.

Piuttosto che questo, avevo chiesto di essere espulso, non già per le accuse di cui continuo a ritenermi innocente nonostante la pronuncia dei probiviri (che rispetto ma che non condivido) ma per la mia incompatibilità con questo clima avvelenato. Pur condividendo i principi di Etica, che io stesso ho contribuito a scrivere, non ritengo che l’attuale linea del Movimento rispecchi i miei principi di lealtà, collaborazione, partecipazione civica e libertà. – concludendo Pietro Benesatto rivolgendosi a Cecilia Francese, fondatrice del Movimento Etica per il Buon Governo rassegna le dimissioni che hanno tutto il carattere di essere irrevocabili essendo venute a mancare le condizioni di afflato che dovrebbero essere il motivo per il quale si sta insieme – Ti rassegno pertanto le mie dimissioni dal Direttivo e dal Movimento di Etica per il Buon Governo

Battipaglia, 29 agosto 2015

1 commento su questo articoloLascia un commento
  1. Un “macchissenefrega” no?
    Ci sarebbe da scommettere sul futuro passaggio ai Grillini

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente