Eboli: Protesta all’Epitaffio contro nuovi arrivi di migranti

Cittadini e Comitato di Quartiere Epitaffio protestano contro i possibili nuovi arrivi di migranti. Prossimo incontro martedì 13 ore 20.30 con il Sindaco Cariello.

Concitato incontro all’Epitaffio nel bar New York, sul paventato arrivo di oltre 50 nuovi migranti. A raccogliere la protesta: la maggioranza con Cennamo e Busillo; e opposizione con Cardiello. Cennamo e Busillo: ”Ci stiamo mettendo la faccia e siamo pronti a non appoggiare l’Amministrazione. Il Sindaco Cariello, ci ha rassicurati il nuovo centro non si farà!”. Cardiello: ”Consiglio di mantenere alta l’attenzione finché non ci sarà un atto amministrativo che lo stabilisca”.

Protesta-epitaffio-migranti-Cennamo-Busillo-Cardiello

Protesta-epitaffio-migranti-Cennamo-Busillo-Cardiello-Meola

di Marco Naponiello
per (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

EBOLI –  I cittadini della storica contrada Epitaffio sono pronti alle barricate per scongiurare l’arrivo in via Salvemini di oltre 50 migranti africani, una prospettiva nefasta per i residenti pronti a tutto per scongiurarla. La paura dei “niuri” come vengono epitetati è molto pressante, ma senza razzismo alcuno, visto che questa popolosa e laboriosa zona della nostra città si è sempre contraddistinta negli anni,  per operosità ed accoglienza, ma al contempo troppe volte malamente trascurata dalle passate amministrazioni non ci sta ad interpretare il ruolo di sfogo sociale delle dissennate politiche di ricollocamento volute dal Governo nazionale, in simbiosi con le istituzioni targate UE.

Roberta Meola

Roberta Meola

E per tale ragione che i residenti di questa battagliera periferia di prossimità, in due tornate ravvicinate ovvero il 7 e 8 c.m. hanno organizzato nel bar New York verso le ore 20.30 nella Contrada Epitaffio, un duplice appuntamento pubblico, per discutere e prendere provvedimenti in merito alla reiterata ipotesi di un nuovo arrivo di migranti in zona, convocati dalla giovane portavoce Roberta Meola, pertanto gli eventi “reportati” si riferiscono specificamente all’incontro di giovedì 8 marzo, interlocutori lo anticipiamo al prossimo, con ospite il primo cittadino Massimo Cariello, statuito in data  martedì 13 p.v.

Si inizia con l’introduzione della portavoce di quartiere, Roberta Meola, la quale fa il punto sulla situazione e di converso di un prossimo incontro con il Sindaco  da tenersi come detto poc’anzi ad inizio prossima settimana, collegato si spera, alla sospensione dell’intera procedura in essere (“..manteniamo altra la guardia, se si aprissero questi centri sarà difficile chiuderli. In verità Cardiello aveva denunciato da tempo l’esistenza di questa delibera consiliare!”) interpretando con passione la giovane portavoce, i malumori dei residenti, le connesse ansie sociali che una tale prospettiva innescherebbe. Ad onor di cronaca va precisato che alla riunione civica erano presenti i dirigenti locali del M5stelle: Rosario Cicalese, Emiliano Di Biase e Luca Carbone, ed in specie quest’ultimo ha incalzato i rappresentanti della Maggioranza nel chiedere lumi su tutti i potenziali rischi di un atto d’imperio prefettizio che vada oltre i parametri (1.25 per mille abitanti) di accoglienza dei migranti.

Carmine Busillo

Carmine Busillo

La parola passa subito al consigliere di Maggioranza, Carmine Busillo, uomo da sempre molto vicino a Massimo Cariello, il quale insieme ai colleghi (Cosimina Cennamo e Luigi Guarracino quest’ultimo assente per motivi personali), in rappresentanza della amministrazione ammette errori pregressi di comunicazione, sicuramente fatte in buona fede secondo il consigliere Busillo, e di partecipazione popolare, tranquillizza parimenti gli astanti affermando:”..la totale chiusura della procedura nella contrada Epitaffio (fabbricato destinato come centro accoglienza che a quanto emerso farebbe parte di un gruppo di edifici abusivi situati in via Salvemini) e lo riaffermerà il Sindaco martedì sera, i consiglieri presenti anche tramite verbalizzazioni si sono sempre opposti a tale soluzione. Siamo disposti, e stasera ci stiamo mettendo la faccia, a fare scelte diverse politicamente se non saranno rispettati i cittadini! Busillo incalzato dalle domande dei presenti, i quali timorosi che sia il classico gioco delle tre carte, ossia che il numero stabilito di circa 52 nuovi ospiti venga spostato da un quartiere all’altro, non cambiando sostanzialmente nella città di Eboli la pressione antropica per numero di abitanti degli stranieri, presunti richiedenti asilo-profughi.

Cosimina Cennamo

Cosimina Cennamo

Busillo ha anche evidenziato come gli ospiti dello Sprar locale, ci riferiamo al Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati, debbano godere ex ante, di un particolare status giuridico (es. residenza nel Comune ospitante), tollerati questi centri accoglienza persino dalla Lega, come affermato in un incontro alla Storta-PapaLeone, per come sono conformati e le garanzie che offrono alla comunità. Al contrario Busillo tiene a precisare come una circolare ministeriale ai Prefetti obblighi i Comuni ad aprire i Cas, ossia i Centri di Accoglienza Straordinaria:”..che ad Eboli stanziano a San Donato, con una clausola di salvaguardia che se ci sono Sprar non si aprano Cas, (ma ad Eboli ci sono entrambi NdR), ma la politica può fare molto e i cittadini non sono stati coinvolti, pertanto questa  struttura vi assicuro che non si farà e martedì Sindaco ed Assessore confermeranno quanto detto stasera!

Le parole del consigliere Busillo vengono prontamente corroborate dalla consigliera Cosimina Cennamo, la quale con orgoglio rivendica:”..noi qui ci stiamo mettendo onestamente la faccia e abbiamo già comunicato al Sindaco che se gli impegni non saranno rispettati, noi faremo altre scelte politiche, quindi al Sindaco non conviene perdere tre consiglieri in un colpo solo, ma siamo fiduciosi del buon esito definitivo!”

Damiano Cardiello

Damiano Cardiello

Ultimo interlocutore, il verboso capogruppo di F.I. Damiano Cardiello, che ricorda agli astanti:”.. un’interrogazione presentata il 10 ottobre u.s. con una nota stampa diramata dieci giorni dopo, dove si lanciava l’allarme sulla prossima apertura di ben due centri, l’interrogazione è stata fortunatamente discussa in Consiglio comunale, ma denoto incongruenza tra quanto detto ieri sera e quanto pubblicato dai giornali stamane. Bene chiarirlocontinua il capogruppo F.I. non staranno solo sei mesi come fatto intendere, ma vige il principio di rotazione per cui si alternano gli ospiti. Il Sindaco stesso rispondendo all’interrogazione affermò che sul nostro territorio ci sono due strutture Cas per un totale di 255 persone. Il progetto Sprar interessa questo quartiere che si evince dalla delibera di Giunta cui questa Amministrazione ha avuto interesse nel proseguire, con la richiesta di un fondo e una gara già consumatasi (oltre 2 milioni di euro) come si denota dalla risposta dell’Amministrazione già nel mese di ottobre 2017, che specificava l’aggiudicazione dell’appalto in via Salvemini inerente un fabbricato di proprietà Michele Iannece, non ancora operativo.Conclude il giovane rappresentate azzurro: E qui sussiste una manchevolezza degli organi di vigilanza, in toto. Vi consiglio cari residenti, di proseguire con altri momenti di protesta, se dovessero essere mantenuti gli accordi sarò il primo a congratularmi con Sindaco ed Amministrazione, ma ad oggi mantenete alta l’attenzione finché non vedrete un atto amministrativo: Ricordatevi che il tema dei migranti è un grande business!

La seduta si scioglie repentinamente verso le 21.30, tra polemiche e speranze, grida e sussurri, il tutto rimandato al terzo appuntamento che vedrà come protagonista e non più convitato di pietra, il Sindaco Massimo Cariello, il quale da politico navigato ed accorto sa benissimo visti gli ultimi risultati usciti dalle urne, che la tematica dei migranti oltre a far cadere moloch partitici ed interi esecutivi,in Italia come in Europa, tranquillamente ha essa nelle sue corde, le capacità di falcidiare diverse amministrazioni locali. Non resta che aspettare la prossima riunione e come scrivono a fine puntata le migliori soap e telefilm in “salsa” americana..to be continued!

IMG-20180308-WA0036

Eboli  9 marzo 2018

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2018 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente