Il Fallimento del Sud in un documentario di D’Ambrosio

Lunedì 14 maggio 2012, ore 19,00, sede provinciale PD in via Manzo a Salerno, proiezione del Film “Mezzogiorno le ragioni di un fallimento”.

Il Fallimento del Sud in un documentario di D’Ambrosio con le testimonianze di Alinovi, Biamonte, Paolino Manzione. Le lotte per l’emancipazione delle classi popolari sono al centro del film documentario.

SALERNO – Lunedì 14 maggio alle ore 19, nella sede provinciale del Pd in via Manzo a Salerno, verrà proiettato “Mezzogiorno le ragioni di un fallimento”: un film documentario di Andrea D’Ambrosio girato qualche anno fa e prodotto da Studio Roma 70, Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico col patrocinio del comune di Giffoni Valle Piana.

Un percorso nella memoria che parte dalle lotte contadine nel Sud del 1949 fino ai primi anni 80; un’analisi del Mezzogiorno ed in particolare della Campania affidata alle parole di Abdon Alinovi già parlamentare del PCI e presidente della Commissione Antimafia. Ci sono, inoltre, gli interventi di Salvatore Paolino, sindaco di Capaccio-Paestum nel 49, di Giuseppe Manzione, ex sindaco di Eboli, e di Tommaso Biamonte, parlamentare del PCI.

Le lotte per l’emancipazione delle classi popolari sono al centro del film documentario. Le immagini di archivio mostrano i contadini che si ribellano, le tabacchine che lavorano nei grossi tabacchifici dell’epoca, la visita di Giorgio Amendola ed Emilio Sereni al teatro Augusteo a Salerno, l’arretratezza del Cilento e del Vallo di Diano, lo strapotere di una certa classe politica. Così come scorrono le angherie ai danni dei contadini dell’Agro Nocerino che vedevano il pomodoro diventare oro solo quando passava nelle mani dell’intermediario camorrista.

Al centro del film di D’Ambrosio ci sono le giornate di Battipaglia, nel 1969, con la polizia che spara ed uccide Carmine Citro e Teresa Ricciardi. Una analisi lucida e puntuale sul fallimento della politica nel sud Italia.

“La scelta di presentare e proiettare questo film nella sede provinciale del Partito Democratico - afferma Gina Fusco del Forum Cultura PD - parte dall’idea di trasformare un luogo della politica in senso stretto in uno spazio di condivisione di arte, cultura, memoria storica.

Ringrazio Andrea D’Ambrosio, che con il suo eccezionale talento ha raccontato la lotta per l’emancipazione delle classi popolari, per aver voluto condividere con noi questo appuntamento e spero che si tratti della prima di una lunga serie di sperimentazioni ”.

“Ringrazio molto Nicola Landolfi, uomo colto e amante della settima arte-dichiara il regista- che ha ripescato questo mio documentario di qualche anno fa. È un film che dimostra come il sud sia diventato  degrado e fallimento a causa di una politica insana e miope. E’ un omaggio ai braccianti e agli operai che hanno sacrificato la loro vita per un tozzo di pane.

Potrei definirmi comunista “per istinto di conservazione” come ha affermato un grande intellettuale come Pasolini e oggi la sinistra per ritornare a vincere deve rivolgere il suo sguardo a quei volti, a quelle facce che hanno cambiato pelle ma sono vivi. E così può fare muro al dilagare di una destra qualunquista che molto spesso tollera, anche nella nostra provincia, politici indagati e sindaci che usano il comune come il proprio salotto di casa e cercano il potere a tutti costi attraverso intrighi e tresche, finendo divorati dalla propria ingordigia come nel Macbeth di Shakespeare.

Corrado Alvaro scrittore che amo molto, nato nella Calabria delle ndrine scrisse una cosa che per me è vangelo: “La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che vivere rettamente sia inutile”.

Salerno, 12 maggio 2012

3 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Verrebbe da dire,tra il serio ed il faceto,che trattasi di una “procedura concorsuale2,in piena regola,dove i creditori sono i cittadini,e il lato passivo,uno Stato assente,ed una parte di cittadinanza meridionale,correa del disfacimento territoriale.Le pulsioni profonde della Nazione, la crisi finanziaria e gli egoismi territoriali Nord-Sud e di categoria,rectius, corporazioni,possono, ex abrupto trasformare la la frontiera eterea tra Sud e Nord in un altra muraglia storica.. E i muri, si sa, si edificano in una effimera portata, talvolta però, passano dei secoli
    per buttarli giù….tanto che si dice appunto che: fatta l’italia, bisogna fare gli italiani..In termini assoluti la situazione economica del meridione è indubbiamente migliorata negli ultimi sessant’anni; in termini relativi, però, il divario con il nord è drasticamente aumentato a partire dagli anni ’70 del ’900[31]. Anche inglobato nell’Unione Europea, difficilmente il Mezzogiorno potrà conoscere un forte sviluppo economico in tempi brevi.
    Ancora oggi vari problemi strutturali ipotecano le sue possibilità di progresso economico: la carenza d’infrastrutture, la presenza di un sistema bancario poco attento alle esigenze del territorio (le vecchie grandi Banche del sud, a partire dagli anni ’90, sono state via via inglobate nei grandi gruppi del nord, come ad esempio il Banco di Napoli), i ritardi di una pubblica amministrazione spesso pletorica, l’emigrazione di tanti giovani qualificati che a causa della limitata crescita economcia non trovano un lavoro adeguato al loro livello culturale e alle loro aspettative, e soprattutto l’infiltrazione della malavita organizzata nella vita politica ed economica del sud, fattore questo che rappresenta il principale freno alla crescita economica meridionale. Un recente dossier del CENSIS ha infatti stabilito che senza l’influenza della criminalità organizzata l’economia meridionale sarebbe capace in un paio di decenni di raggiungere quella del nord Italia.Certo poi pero’ fatti i conti,la Mafia non dispiace solo ai meridionali.Ne sanno qualcosa molti imprenditori del nord che diversamente non saprebbero come glissare gli elevati costi dei rifiuti tossici ad esempio.
    Inoltre un elemento di progresso sarebbe ( valido anche nel resto d’Italia) la riqualificazione di quelle periferie abbandonate a se stesse e prive dei piu’ elementari servizi ( istruzione,mezzi pubblici ecc).Ma anche questo entrerebbe in conflitto con gli interessi di molti.L’ impoverimento del Sud è dovuto,in parte come mancato sviluppo o occasione perduta,anche alla mancata utilizzazione dei ricchissimi stanziamenti della UE. I politici non sono capaci di produrre piani di fattibilità e non sono stimolati a farli perchè nessuno li punisce per i danni arrecati per la loro negligenza. La delinquenza organizzata è un problema apparentemente meridionale sostanzialmente le ramificazioni e gli investimenti della ricchezza monetaria delle mafie investe e si estende in tutta Europa.

  2. Sono grandiosi hanno resuscitato Tommaso Biamonte : e’ morto il 30.8.2010!
    Ci saro’ voglio vedere come e’ combinato …..dopo 2 anni di sepoltura!

  3. Sarà in video forse?

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2014 All Rights Reserved

2009-2013 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente