Niente 5 Vele al Golfo di Policastro, solo 4

Mancato Riconoscimento delle 5 Vele, Un Campanello d’allarme per il Golfo di Policastro.

Quest’anno invece “Il mare più bello 2018,” la guida annuale di Legambiente e Touring Club Italiano, ha assegnato al Golfo di Policastro 4 Vele, di qui le polemiche e le accuse dalle opposizioni  del Gruppo “ViVi Il Tuo Paese”.

Il-mare-piu-bello-Guida-blu-di-Legambiente-Touring-Club-Italiano

Il-mare-piu-bello-Guida-blu-di-Legambiente-Touring-Club-Italiano

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

VIBONATI – Il mancato riconoscimento delle “5 vele“, assegnate da Legambiente e Touring club, all’intero territorio del Golfo di Policastro rappresenta un evidente passo indietro rispetto allo scorso anno quando, grazie all’impegno del Distretto Turistico “Golfo di Policastro” e al Protocollo d’intesa con Legambiente, fu portato a casa il massimo riconoscimento.

Quest’anno invece il “consiglio” che è arrivato dal “Il mare più bello 2018,” la guida annuale di Legambiente e Touring Club Italiano, che offre la nuova bussola, alla quale i turisti possano orientarsi se vogliono rispetto a tutti i comprensori turistici, delle tante località marine e lacustri della Penisola, ha assegnato al Golfo di Policastro 4 Vele, di qui le polemiche e le accuse.

«Purtroppo – affermano i Consiglieri Comunali di Vibonati Manuel Borrelli, Gaetano Capano e Gerardo Di Giacomoregistriamo una disattenzione crescente verso le tematiche ambientali. Dopo la sanzione comminata al Comune di Vibonati per i valori, oltre i limiti, fatti registrare dal Depuratore Comunale nell’anno 2017 e l’incertezza sulla Gestione dello Stesso da parte di Consac il mancato riconoscimento delle 5 Vele sono un campanello di allarme da non sottovalutare. Occorre comunque sottolineare, per non generare allarmismi e facili speculazioni, che le 4 Vele certificano comunque l’enorme qualità del nostro Mare.

Lo scorso anno – continuano – l’amministrazione comunale aveva firmato il Protocollo d’intesa, su proposta del distretto turistico e dell’Assoturismo, “Il Golfo fa Eco” con Legambiente. Un progetto che partiva dal presupposto di riconoscere e tutelare l’ambiente orientando le scelte pubbliche e private verso la cura e il rispetto di questa risorsa perché da essa dipende il benessere economico e sociale delle comunità.

Ci auguriamo – concludono i Consiglieri di Opposizione del Gruppo “ViVi Il Tuo Paese” – che l’amministrazione inverta immediatamente la rotta per riconquistare il prossimo anno l’ambito riconoscimento ambientale ripartendo da quanto stabilito dal Protocollo che coinvolgeva gli altri Comuni del territorio, le Associazioni e il Distretto Turistico in un percorso virtuoso di pratiche ambientali.»

Vibonati, 17 giugno 2018

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente